Pietro Spongano e Alessandro Borghi: A Castenaso (Bologna) insegniamo a lottare a chi ha subito un’amputazione

| 7 Novembre 2014 | Comments (0)

 

 

Diffondiamo a Il Resto del Carlino del 9 ottobre 2014

 

CASTENASO (Bologna) . Un corso di lotta a terra dedicato esclusivamente a persone amputate è la nuova sfida lanciata da due istruttori di Villanova di Castenaso: un’iniziativa unica nel territorio, la prima in tutta la provincia di Bologna e forse anche in Italia.

Rivolto a persone di qualsiasi età, il corso è stato pensato e costruito per chi non ha più un arto, ma non per questo deve rinunciare allo sport. Uno strumento studiato per integrare e aiutare chi quotidianamente convive con delle protesi: «Sedici anni fa ho perso parte di una gamba in seguito a un incidente e oggi sono istruttore di Tacfit, lotta a terra e Krav maga spiega Pietro Spongano, titolare della PalaEstra castenasese -.

Comprendo le esigenze e i bisogni di chi ha perso una parte del proprio corpo, per questo nasce il corso. La lotta a terra è uno sport che comporta numerosi benefici perché consente di praticare attività fisica senza il supporto delle protesi. Non c’è bisogno di equipaggiamenti, si è liberi e i movimenti aiutano il corpo a sciogliersi – sottolinea -.

E’ uno sport che aiuta a sfogare una serie di pressioni e aggressività che possono accumularsi durante il percorso che induce poi, a perdere l’arto. Chi non ha più una gamba, una mano o un braccio è spesso abituato a convivere con uno strumento esterno di supporto, ma l’attività fisica, che da sempre aiuta a sentire a percepire se stessi, consente di sentirsi tutt’uno con il corpo.

A Bologna siamo i primi a lanciarlo, e molto probabilmente non ne esistono altri in Italia». Il corso è rivolto a uomini e donne che hanno voglia di rimettersi in gioco e praticare come chiunque altro attività sportiva: «Ho subito accettato l’idea di questo corso – commenta Alessandro Borghi, altro titolare della PalaEstra e istruttore Thai-boxe e Seal-training. Credo che la lotta a terra possa essere un buono sport per riprendere il controllo del proprio corpo e delle proprie sensazioni. Il nostro obiettivo è trasmettere i concetti fondamentali della disciplina sportiva come strumento per il benessere psico-fisico. E’ importante scoprire i propri limiti e imparare a usarli a proprio vantaggio».

Spongano e Borghi non vedono differenze tra chi utilizza due mani e due gambe e chi, invece, non ha più una parte di se stesso: «A terra e su quel tappeto sono tutti alla pari spiegano – ed è per rafforzare questo concetto che nella nostra palestra, nonostante tutti gli altri corsi e iscritti, abbiamo voluto dedicare un corso a chi ha voglia di fare sport lasciando da parte per qualche ora protesi o equipaggiamenti di sostegno».

 

 

Category: Sport e giochi, Welfare e Salute

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.