Referendum per l’indipendenza della Scozia. I fantasmi dei castelli e Nessie mobilitati per il SI

| 29 Agosto 2014 | Comments (0)

 

 

Viene seguito il referendum  del 18 settembre 2014 in cui si vota per l’indipendenza della Scozia. Il direttore di Inchiesta parteggia per il SI e mostra una documentazione fotografica che non lascia dubbi sull’esito finale anche se i sondaggi danno il NO vincente di stretta misura.

 

1. Nessie si è fatta vedere e i fantasmi dei castelli si stanno mobilitando per il SI

 


 


2. Il sole 24 ore del 29 agosto 2014: Si avvicina il 18 settembre

 

LONDRA – Scontro frontale tra i leader dei due schieramenti che si battono pro e contro l’indipendenza della Scozia: il dibattito televisivo dal vivo di ieri sera, l’ultimo prima del referendum del 18 settembre, é stato acceso sconfinando spesso in un aspro litigio. Il premier Alex Salmond ha esortato tutti gli scozzesi a «cogliere questa grande e storica opportunità di votare per l’indipendenza e riprendere il nostro destino nelle nostre mani». Alistair Darling, ex cancelliere dello Scacchiere laburista e leader dello schieramento “Better Together”, ha sottolineato invece i rischi e le incertezze di un «salto nel buio definitivo e irrevocabile».

Secondo un sondaggio di opinione fatto a caldo da Icm per il quotidiano The Guardian, il 71% degli interpellati ha considerato Salmond il vincitore del dibattito, contro il 29% che ha preferito la performance di Darling. Il premier scozzese é sembrato più convinto e convincente e la sua promessa di creare «una nazione prospera e una società più giusta» ha fatto breccia tra gli elettori che temono i tagli alla spesa pubblica del Governo di centro-destra britannico. Salmond ha promesso di bloccare i tagli ai sussidi e di tutelare il servizio sanitario nazionale mantenendolo pubblico e gratuito e mettendo fine alla «privatizzazione strisciante» di Londra. Darling, schierato con l’opposizione laburista, ha dovuto ammettere di non essere d’accordo con le politiche del Governo britannico.

Il tema più discusso é stato la valuta di una futura Scozia indipendente, dopo che i tre partiti principali britannici – Conservatore, Labour e Liberaldemocratico – hanno dichiarato che se gli scozzesi sceglieranno l’indipendenza non potranno continuare a usare la sterlina. Ieri sera Salmond si é impegnato a mantenere la sterlina in un’unione monetaria con Londra, con i dettagli da negoziare post-referendum: «Non abbiamo bisogno del permesso di nessuno, Londra non può impedirci di usare la sterlina», ha ribadito il premier. «È la soluzione migliore per la Scozia e per il resto della Gran Bretagna».

Darling, incalzato dal suo avversario, ha dovuto ammettere che Edimburgo avrà facoltà di mantenere la sterlina, ma ha avvertito che «diventerebbe come Panama» e dovrebbe delegare le decisioni più importanti alla Banca centrale d’Inghilterra, cioé di un Paese straniero. L’ex cancelliere ha sottolineato i rischi di un’economia scozzese priva del «solido sostegno» di Londra e troppo dipendente dai proventi del petrolio del Mare del Nord che in futuro caleranno. «Non incrociate le dita, non sperate che tutto vada per il meglio, non scommettete il vostro futuro e quello dei vostri figli», ha esortato Darling. «L’indipendenza é una via senza ritorno». Salmond, un leader estremamente popolare e dal tocco populista, ha avuto buon gioco nell’accusare il suo avversario di avere «solo messaggi negativi e nessuna proposta positiva».

Oggi inizia il voto per corrispondenza. I sondaggi prevedono una vittoria di stretta misura del “no” all’indipendenza, 57% contro 43%, ma il numero di indecisi é molto elevato e quindi l’esito del referendum é tutto da decidere. Le linee di demarcazione non potrebbero essere più chiare, e l’interesse degli scozzesi per il voto é indubbio: é prevista un’affluenza alle urne superiore all’80% degli aventi diritto.

 

 

3. Sean Connery: L’indipendenza dalla Scozia del Regno Unito? Occasione da non perdere.

L’Huffington Post

“È un’opportunità da non perdere”. Così Sean Connery ha definito, in una intervista al Sun on Sunday, la possibilità di avere una Scozia indipendente col referendum in programma il 18 settembre. L’83enne attore nato a Edimburgo, da tempo un sostenitore della secessione dal Regno Unito, ha aggiunto che la vittoria del ‘si “catturerebbe l’attenzione del mondo”.

Secondo l’interprete di James Bond sarebbero molti i benefici per il nuovo Paese, a partire dall’industria cinematografica che potrebbe attrarre molti investitori e creare posti di lavoro. “Con la vittoria del ‘si ci sarà una rinnovata attenzione sulla nostra cultura e politica, offrendoci una opportunità senza precedenti per promuovere il nostro patrimonio culturale e la nostra eccellenza creativa”, ha sottolineato Sir Connery.

 

 

Category: Osservatorio Europa

Avatar

About Vittorio Capecchi: Vittorio Capecchi (1938) è professore emerito dell’Università di Bologna. Laureatosi in Economia nel 1961 all’Università Bocconi di Milano con una tesi sperimentale dedicata a “I processi stocastici markoviani per studiare la mobilità sociale”, fu segnalato e ammesso al seminario coordinato da Lazarsfeld (sociologo ebreo viennese, direttore del Bureau of Applied Social Research all'interno del Dipartimento di Sociologia della Columbia University di New York) tenuto a Gosing dal 3 al 27 luglio 1962. Nel 1975 è diventato professore ordinario di Sociologia nella Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Bologna. Negli ultimi anni ha diretto il Master “Tecnologie per la qualità della vita” dell’Università di Bologna, facendo ricerche comparate in Cina e Vietnam. Gli anni '60 a New York hanno significato per Capecchi non solo i rapporti con Lazarsfeld e la sociologia matematica, ma anche i rapporti con la radical sociology e la Montly Review, che si concretizzarono, nel 1970, in una presa di posizione radicale sulla metodologia sociologica [si veda a questo proposito Il ruolo del sociologo (a cura di P. Rossi), Il Mulino, 1972], e con la decisione di diventare direttore responsabile dell'Ufficio studi della Federazione Lavoratori Metalmeccanici (FLM), carica che manterrà fino allo scioglimento della FLM. La sua lunga e poliedrica storia intellettuale è comunque segnata da due costanti e fondamentali interessi, quello per le discipline economiche e sociali e quello per la matematica, passioni queste che si sono tradotte nella fondazione e direzione di due riviste tuttora attive: «Quality and Quantity» (rivista di modelli matematici fondata nel 1966) e «Inchiesta» (fondata nel 1971, alla quale si è aggiunta più di recente la sua versione online). Tra i suoi ultimi libri: La responsabilità sociale dell'impresa (Carocci, 2005), Valori e competizione (curato insieme a D. Bellotti, Il Mulino, 2007), Applications of Mathematics in Models, Artificial Neural Networks and Arts (con M. Buscema, P.Contucci, B. D'Amore, Springer, 2010).

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.