Guglielmo Ragozzino: Dove è finito il Green Act promesso da Renzi?

| 15 Maggio 2015 | Comments (0)
Diffondiamo da www.sbilancimoci.info del 15  maggio 2915 questo intervento di Guglielmo Ragozzino dal titolo: Andare oltre al PIL ma solo a parole.I conti non tornano.
Nell’Agenda di inizio anno Renzi aveva promesso un Green Act. Per ora però delle buone intenzioni dei molti progetti del governo non c’è che qualche titoloTutto nasce da un incontro tra le associazioni ambientaliste e il governo in persona del sottosegretario Delrio l’11 dicembre 2014. È la fine del famoso semestre italiano e gli ambientalisti chiedono un bilancio. Ne scaturisce un paio di mesi più tardi un documento governativo, l’ “Agenda Articolata” del 9 febbraio 2015 di cui è responsabile lo stesso Delrio, allora factotum del presidente del consiglio Matteo Renzi. Quest’ultimo, nei primi giorni del nuovo anno non ha perduto l’occasione e ha promesso molto: «Ci siamo dati una cadenza ordinata per le nuove iniziative di legge. A gennaio abbiamo provvedimenti su economia e finanza. A febbraio tocca alla scuola. A marzo il Green Act – sull’economia e l’ambiente in vista della grande conferenza di Parigi 2015. Aprile sarà il mese di cultura e Rai. A maggio tutti i riflettori sul cibo, agricoltura, turismo, made in Italy: arriva l’Expo. A giugno i provvedimenti sulle liberalizzazioni e prima dell’estate il punto sullo sport anche in vista della candidatura per le Olimpiadi del 2024» (il corsivo è aggiunto). Renzi, secondo il suo solito, anticipa le risposte, compresa quella agli ambientalisti. Rivela e promette il programmone di governo scrivendo, in veste di segretario del Pd, ai democratici, suoi compagni di partito.

L’Agenda del 9 febbraio è il principale documento ambientale del governo italiano in attesa di qualche altro atto o impegno o telegramma che lo integri o lo sostituisca. Sono 16 punti, alcuni tradizionali o prevedibili, altri curiosi o inattesi; alcuni ricchi di buone intenzioni e di studio, altri risolti in un titolo o poco più. Sono: 1 Energia e clima, 2 Trasporti e infrastrutture, 3 Consumo del suolo, 4 Difesa del suolo, 5 Bonifiche, 6 Biodiversità e aree protette, 7 Mare, 8 Montagna, 9 Beni culturali e paesaggistici, 10 Agricoltura, 11 Turismo e ambiente, 12 Ministero dell’ambiente, 13 Delitti ambientali, 14 Andare oltre il PIL, 15 Informazione ed educazione ambientale, 16 Fondi europei di coesione. I 16 punti che sorprendentemente coincidono nel numero con le 16 associazioni ambientali che il governo invita e che scrivono al governo sono dunque a volta brevi promemoria, oppure indicazioni generiche di ciò che si dovrebbe o potrebbe fare, senza impegni effettivi, indicazioni di spesa e di tempo. Il nostro modello di coinvolgimento degli interessati – si assicura – è molto migliore del sistema francese che – par di capire – è accusato di statalismo.

Colpiscono alcuni punti, ma ci limiteremo a toccarne due. Il fondamentale primo punto, Energia e clima presenta una palese contraddizione. «In questo ambito vanno lette le norme su gasdotti e trivellazioni»…. «Una progressiva uscita dai combustibili fossili è stata assunta dall’Italia a livello nazionale ed Europeo e non è mai stata messa in discussione». Però, aggiunge nella stessa frase che «dotarsi di infrastrutture energetiche essenziali come la TAP o l’utilizzazione delle risorse energetiche esistenti sul nostro territorio sono misure di buon senso in un Paese che ha la più restrittiva normativa europea sulle trivellazioni in mare e (seconda contraddizione) norme rigidissime di tutela ambientale ( Tap è il gasdotto trans adriatico)» L’altro punto è il quattordicesimo: Andare oltre il PIL. Finalmente, abbiamo pensato, anche Delrio, Renzi e gli altri e le altre del governo hanno accertato che il Pil così com’è non va bene. Sono in ritardo nei confronti del governo francese, perfino di quello americano; un bel numero di premi Nobel lo ripetono da anni, ma va bene lo stesso. Anche per noi, infine, il conto della natura deve essere calcolato e questo significa rifare tutti i bilanci e le spese, ricalcolare il debito e così via. Ma non è così. L’Agenda parla d’altro. Si ripete ancora una volta un modesto, decoroso discorso sull’industria verde che può assorbire moltissimi disoccupati. E basta.

 

Category: Ambiente, Osservatorio internazionale

Avatar

About Guglielmo Ragozzino: Guglielmo Ragozzino scrive attualmente su Il Manifesto e cura l'edizione italiana di Le Monde diplomatique e dei testi collegati, come gli Atlanti su geopolitica e ambiente. E’ stato redattore di Problemi del socialismo, la rivista di Lelio Basso, ha poi diretto Fabbrica e stato, rivista della sinistra sindacale e in seguito Politica ed Economia. Scrive su sbilanciamoci. Ha curato la pubblicazione di “Cent’anni dopo”, dialogo sulla Cgil tra Vittorio Foa e Guglielmo Epifani (edizioni Einaudi, 2006) e inoltre ha scritto insieme a Gb Zorzoli un libro sul petrolio, “Un mondo in riserva” (Franco Muzzio Editore, 2006.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.