Roberto Dall’Olio: Ai Sinti, ai Rom, a noi

| 23 Dicembre 2014 | Comments (0)

 

 

AI   SINTI, AI ROM, A NOI

Due  silenzi  in memoria delle stragi

della UNO BIANCA

 

 

due silenzi

sbattono

contro la scogliera

della nostra storia

due silenzi

si combattono

dentro

la nostra memoria

 

due silenzi

 

quelli innocenti

delle vittime

dei loro discendenti

quelli colpevoli

dei carnefici

degli indifferenti

 

 


Il cippo, la cui targa è stata riprodotta in alto nell’articolo, è stato posto in via Gobetti a Bologna per ricordare l’assassinio di Rodolfo Bellinati  (Tatino) e Patrizia della Sentina da parte della Uno Bianca

 

E’ il 23 dicembre 1990, una domenica mattina, sono le  8.30. Fa molto freddo, il classico inverno bolognese. Nel campo nomadi di via Gobetti, quartiere Bolognina fa ancora più freddo. Una Fiat Uno bianca con dentro quattro persone arriva in zona, seguita da un’altra auto, una Y 10 con a bordo due persone.

Nel campo ci sono centocinquanta nomadi emiliani di origine sinti. Un’anziana  che sta accendendo un fuoco per scaldarsi. Due persone, scese dalla Uno bianca, hanno il volto scoperto. La vecchia nomade li saluta, li invita a scaldarsi, i due uomini a quel punto calzano nel viso il passamontagna, estraggono una mitraglietta 7,62 e sparano sugli altri nomadi presenti nel campo:

Rodolfo Bellinati, originario di Mirandola viene colpito alla testa; Patrizia dalla Santina, nata ad Argenta, accorsa alla finestra della sua roulotte, viene centrata in fronte; Sara Bellinati, una bambina di 6 anni, viene ferita al femore della gamba sinistra; Leri Llukaci, di origine jugoslava, viene ferito al collo e alla mano sinistra.

I killer hanno sparato con devastanti proiettili Dum Dum con estrema calma, racconteranno i testimoni,  dopo avere sparato e ucciso, si sono tolti i passamontagna e se ne sono andati. Immediatamente arriva un uomo con un giubbotto di tela verde e con una pistola in mano. Pochi istanti dopo arriva anche la polizia. L’uomo con il giubbotto di tela verde estrae un tesserino e lo mostra dichiarando: “Sono un vostro collega”. La banda della Uno bianca, uno dei tanti misteri italiani, un disegno eversivo che nessuno è riuscito a dimostrare, così come non si è riuscito a dare un volto e un nome ai mandanti.

 

E’ il 4 gennaio 1991 : Zona quartiere Pilastro di Bologna.

Sono circa le dieci di sera.  Un auto dei Carabinieri in pattuglia, con a bordo i carabinieri Andrea Moneta, Mauro Mitilini, Otello Stefanini supera  una Fiat Uno bianca con a bordo alcuni uomini.

L’auto è appena stata rubata, ma i militari non lo sanno. I tre uomini invece si convincono che a breve la pattuglia li fermerà,  affiancano i colleghi e sparano. Sventagliate di mitra, l’auto della pattuglia sbanda e termina la corsa contro alcuni cassonetti. La tragedia si consuma, dalla Uno bianca scendono i due fratelli Savi e massacrano  i carabinieri a colpi di mitra finendoli con una revolverata alla nuca.

Sarà  l’ultima strage dei fratelli Savi, passati alla storia come la Banda della Uno Bianca, responsabile di 27 omicidi. Verranno scoperti solo anni dopo e confesseranno la strage del Pilastro. L’ultima di una serie impressionante di omicidi.

 

Il testo è stato ripreso da www.articolotre.com

Category: Arte e Poesia, Culture e Religioni

Avatar

About Roberto Dall'Olio: Roberto Dall'Olio (1965) è attualmente Assessore all'intercultura, valorizzazione dei beni culturali e sport del Comune di Bentivoglio (Bologna). È membro del direttivo bolognese dell'Anpi. Poeta e autore dal forte impegno civile, insegna Storia e Filosofia al Liceo Classico "Ariosto" di Ferrara. Ha vinto il concorso nazionale di poesia va pensiero a Soragna (Parma).Tra le sue pubblicazioni: Entro il limite. La resistenza mite in Alex Langer (La Meridiana, 2000); Per questo sono rinato (Pendragon, 2005); La storia insegna (Pendragon, 2007); Il minuto di silenzio (Edizioni del Leone, 2008), La morte vita (Edizioni del Leone, 2010).

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.