Franco Farinelli: Bologna ha perso la memoria

| 12 Marzo 2014 | Comments (0)

 

 

 

 

 

 

 

Diffondiamo da Il Manifesto del 12 marzo 2014 questo testo di Franco Farinelli, docente dell’Università di Bologna e presidente della Associazione geografi italiani

«Fino all’inizio della seconda metà degli Settanta, urbs e civitas erano tenute insieme. Ma il silenzio istituzionale sui fatti del ’77 e la tempestiva riconversione privatistica della gestione pubblica hanno portato alla crisi della coincidenza tra pratica politica e sentimento civico»

 

«A che punto è la città?/La città in un angolo singhiozza./Improvvisamente da via Saragozza/le auto­blindo entrano a Bologna./C’è un ragazzo sul marmo, giu­sti­ziato». Così Roberto Roversi ne Il Libro Para­diso. L’anno era il 1977, il giorno era l’11 marzo, il corpo quello di uno stu­dente, Fran­ce­sco Lo Russo, ucciso dalle forze dell’ordine nel corso di una mani­fe­sta­zione. E il senso dell’evento (a una let­tura imme­diata come quella di Fede­rico Stame) venne indi­vi­duato nel ten­ta­tivo di ricom­pren­sione da parte dello stato dell’intera società civile bolo­gnese all’interno del sistema politico-istituzionale nazio­nale, secondo la logica di una ten­sione tra governo urbano comu­ni­sta e potere cen­trale di segno oppo­sto ali­men­ta­tasi nel corso dell’intero dopo­guerra.

Ma i fatti del 1977, dal marzo che regi­strò la frat­tura tra città e uni­ver­sità fino al Con­ve­gno Inter­na­zio­nale sulla Repres­sione in set­tem­bre, signi­fi­ca­rono molte altre cose, toc­cando in pro­fon­dità, senza che la stessa cit­ta­di­nanza ne fosse dav­vero con­sa­pe­vole, la natura di Bolo­gna, la sua memo­ria e per­ciò la sua coscienza: al punto che l’intera tran­si­zione post-comunista della città, quella ancora in atto, rie­sce a svol­gersi e a (auto)legittimarsi sol­tanto sulla base del siste­ma­tico, strut­tu­rale silen­zio isti­tu­zio­nale su di essi. Pro­prio quel silen­zio che ha garan­tito e garan­ti­sce la soprav­vi­venza della poli­tica (della polis) al prezzo della pro­gres­siva diva­ri­ca­zione tra civi­tas e urbs, tra le pos­si­bi­lità di messa in comune della capa­cità cit­ta­dina di mani­po­la­zione sim­bo­lica e la cre­scita della città nella forma di sem­plice manu­fatto urbano, di com­plesso plu­ri­fun­zio­nale di costru­zioni, secondo la con­ce­zione andante di orga­ni­smo urbano: quella che, codi­fi­cata nell’Ency­clo­pé­die, domina da più di due secoli i nostri dizio­nari, e per­ciò la nostra mente. Lo stesso silen­zio rispetto al quale la man­cata ela­bo­ra­zione del lutto per il crollo del muro di Ber­lino, alla fine degli anni Ottanta, si porrà, nel nostro Paese, come replica allar­gata e ancora più fra­go­rosa. Come ha scritto in pro­po­sito, ica­sti­ca­mente, Mauro Boa­relli: «Anche quella che veniva esi­bita con orgo­glio come la capi­tale del comu­ni­smo euro­peo non ha tro­vato alcuno spa­zio pub­blico per con­fron­tarsi con la pro­pria storia».

Nel dopo­guerra e ancora fino all’inizio della seconda metà degli Set­tanta, al tempo del «buon­go­verno» inau­gu­rato da Giu­seppe Dozza, i fun­zio­nari della polis pone­vano al con­tra­rio la mas­sima cura nel tenere insieme l’urbs e la civi­tas, lo svi­luppo e la manu­ten­zione della città mate­riale con quello della coscienza civica intesa come rico­no­sci­mento di un unico, comune sen­tire, oltre che di comuni con­creti biso­gni. Erano i tempi della «demo­cra­zia sociale» bolo­gnese, al cui interno la rior­ga­niz­za­zione dei ser­vizi era con­ce­pita, per ripren­dere una distin­zione di Nadia Urbi­nati, non come un sem­plice atto dovuto ma come una proat­tiva «fun­zione della cit­ta­di­nanza demo­cra­tica», in grado cioè di favo­rire la com­ples­siva eman­ci­pa­zione sociale di tutti i sog­getti, anche quelli che in appa­renza del sin­golo ser­vi­zio non usu­frui­vano: si pensi sol­tanto all’invenzione della scuola a tempo pieno, in grado di ricon­fi­gu­rare il com­plesso delle rela­zioni tra i tempi del lavoro, dell’apprendimento e della cura fami­gliare, e per­ciò di tra­sfor­mare la strut­tura tem­po­rale del mec­ca­ni­smo dell’intera città; oppure si pensi, prima ancora, alla rifles­sione sul decen­tra­mento e alla nascita dei quar­tieri, volta a con­so­li­dare la par­te­ci­pa­zione dei bolo­gnesi alla vita in comune.

Se a par­tire dalla fine degli anni Ottanta l’autocritica manca, la ricon­ver­sione in senso pri­va­ti­stico della gestione pub­blica è però tem­pe­stiva, quasi che pro­prio que­sta fosse l’implicita ragione del nuovo corso del governo locale. Giu­sto al 1989 risale il pro­getto di pri­va­tiz­zare le far­ma­cie comu­nali volute da Dozza nel 1949, man­dato poi ad effetto un decen­nio dopo dal sin­daco Wal­ter Vitali in seguito a un refe­ren­dum con­sul­tivo che i diri­genti del Pds invi­ta­rono a diser­tare: con pieno suc­cesso, anche se in asso­luto dispre­gio degli stru­menti di par­te­ci­pa­zione diretta pre­vi­sti dallo Sta­tuto comu­nale.

In tale epi­so­dio si è voluto vedere l’avvio del pro­cesso di «tra­smu­ta­zione di tutti i valori» dell’amministrazione pub­blica di sini­stra cul­mi­nata nel pro­getto di riforma nazio­nale dei ser­vizi locali pro­mosso durante il secondo governo Prodi. Ma nell’immediato le con­se­guenze di tale deci­sione sull’ethos civico bolo­gnese furono evi­den­te­mente demo­li­to­rie: ridotto in tal modo alla pas­siva esi­bi­zione dei carat­teri cul­tu­rali e iden­ti­tari petro­niani (non escluso lo stesso buon governo defi­ni­ti­va­mente ridotto a mito) esso diverrà il ter­mi­nale sem­pre meno ricet­tivo di pra­ti­che e discorsi sem­pre più disco­sti rispetto al comune sentire.

Al riguardo la para­bola è esem­plare, e tutta orien­tata nel senso della pro­gres­siva crisi della coin­ci­denza tra pra­tica poli­tica e sen­ti­mento civico: parte dal sin­daco Gior­gio Guaz­za­loca (1999–2004), il primo sin­daco di centro-destra, alfiere di una ste­reo­ti­pata «bolo­gne­sità» e ter­mina con la gestione com­mis­sa­riale dell’ex mini­stra Anna­ma­ria Can­cel­lieri (2010–11), vale a dire con l’azzeramento di ogni pos­si­bile rap­pre­sen­tanza poli­tica locale. In mezzo due figure, molto dif­fe­renti tra loro, vis­sute però dalla cit­ta­di­nanza, per ragioni diverse, come due auten­tici infor­tuni: il sin­daco Ser­gio Cof­fe­rati (2004–9), per­ce­pito alla fine dai bolo­gnesi in ter­mini di quasi asso­luta estra­neità, e il sin­daco Fla­vio Del­bono (2009–10) il cui bre­vis­simo governo ter­minò scan­da­lo­sa­mente nelle aule giu­di­zia­rie.

Dato in tal modo fondo a ogni plau­si­bile mossa e get­tata la spu­gna, altro non restò alla fine al ceto poli­tico che affi­darsi, in con­trad­di­zione con tutta la sto­ria ammi­ni­stra­tiva pre­ce­dente, all’emissario del governo cen­trale, signi­fi­ca­ti­va­mente invi­tato dai due prin­ci­pali anta­go­ni­sti par­titi, alla fine del suo man­dato, a pre­sen­tarsi alle ele­zioni comu­nali come can­di­dato di spicco nelle pro­prie liste.

Le ragioni di tale cor­to­cir­cuito politico-amministrativo appar­ten­gono però non alla cro­naca ma alla sto­ria, alla matrice della coscienza poli­tica, all’estesa mente (mind) urbana costi­tuita dalla col­let­ti­vità nel suo rap­porto con la mate­riale strut­tura cit­ta­dina (brain) che allo stesso tempo la pro­duce e ne è il pro­dotto. E pro­prio l’ignoranza della natura di tale matrice è oggi all’origine dell’incapacità della poli­tica locale ad assol­vere il pro­prio com­pito: a Bolo­gna più mani­fe­sta­mente che altrove.

Già un secolo fa avver­tiva Adolf Loos che non si ha idea della quan­tità di veleno che abili pub­bli­ca­zioni spar­gono ogni giorno sull’idea di città, al punto da impe­dire ogni auten­tica com­pren­sione del fatto urbano. Tale veleno con­si­ste in sostanza nella tra­sfor­ma­zione della realtà urbana in sem­plice aggre­gato edi­li­zio, appunto secondo la cano­nica defi­ni­zione illu­mi­ni­stica all’inizio richia­mata, for­mu­lata da Dide­rot in per­sona. Così, ripor­tata all’organismo cit­ta­dino, la cele­bre affer­ma­zione della That­cher per cui «non esi­ste la società, esi­stono solo gli indi­vi­dui, di sesso maschile e fem­mi­nile» enun­cia non sol­tanto la fine di ogni idea di civi­tas, di col­let­ti­vità civile, ma anche di ogni rela­zione tra que­sta e l’urbs, secondo un pro­cesso di ridu­zione dell’idea di città che cul­mina oggi nel con­cetto di smart city: che signi­fica non città «intel­li­gente», come si dice, ma piut­to­sto «fur­be­sca­mente alla moda», da gestire secondo pro­grammi elet­tro­nici volti alla tra­sfor­ma­zione in senso azien­dale della città stessa.

Bolo­gna però non è una città intel­li­gente, è molto di più: è una città per natura cogni­tiva, nel senso che fin dalle ori­gini il suo com­pito è stato quello di svol­gere ruoli qua­ter­nari, con­nessi cioè alla pro­du­zione, all’interpretazione e alla messa in cir­co­la­zione di infor­ma­zione spe­cia­liz­zata. A volerla restrin­gere all’essenziale, nell’ultimo mil­len­nio e mezzo la sua sto­ria svolge in maniera esem­plare la vicenda dell’autorganizzazione di un sistema che attra­verso la pro­pria cre­scente com­ples­si­fi­ca­zione tra­sforma la pro­pria strut­tura con­creta senza però mutare la pro­pria logica, e con essa la pro­pria costi­tu­zio­nale iden­tità. E ciò in virtù della capa­cità di trarre par­tito dalla per­tur­ba­zione per rin­chiu­dersi in maniera diversa su se stessa, gene­rando nuovi ruoli e atti­vità in grado di man­te­nere e rin­for­zare la natura ori­gi­na­ria del fun­zio­na­mento. Essen­ziale resta il fatto che per qual­siasi orga­ni­smo i mec­ca­ni­smi dell’autorganizzazione sono quelli dell’attività cogni­tiva, i soli a per­met­tere, attra­verso il rico­no­sci­mento e il supe­ra­mento della crisi, la nascita di nuove fun­zioni in grado di garan­tirne la soprav­vi­venza e la cre­scita. E che cosa fu, all’alba del Mille, l’invenzione a Bolo­gna dello «Stu­dio», dell’università, se non il risul­tato di tale atti­vità da parte dell’organismo urbano bolognese?

Di con­verso: che cosa furono i fatti del 1977 se non l’effetto della soprav­ve­nuta inca­pa­cità da parte di Bolo­gna di acco­gliere, trat­tare, meta­bo­liz­zare e rimet­tere in cir­cuito il carico infor­ma­zio­nale che dalla seconda metà degli anni Ses­santa si era diretto verso di essa, e tra­durlo in ter­mini poli­tici? Della incapacità di supe­rare insomma un’ulteriore soglia del pro­prio pro­cesso auto orga­niz­za­tivo, di ope­rare come mille anni prima nel senso di una pro­gres­siva arti­co­la­zione della pro­pria natura qua­ter­na­ria, la sola il cui svi­luppo sarebbe stato in grado di con­ti­nuare a pre­ser­varne l’identità e per­ciò la coscienza, anzi il com­plesso delle coscienze?

Sul cer­chio di gesso che marca con­tro il muro di via Masca­rella il segno dei pro­iet­tili che l’11 marzo del 1977 ucci­sero Fran­ce­sco Lo Russo qual­cuno ha di recente appo­sto un tag nero: con­cre­tis­simi sog­getti, diversi dagli stessi stu­denti, pro­ve­nienti da lon­tano e por­ta­tori di cul­ture altre sono nel frat­tempo diven­tati visi­bili e si aggi­rano sotto i por­tici e lungo i viali. In fondo, come ha scritto Edgar Morin, «tutto ciò che esi­ste e si crea è qual­cosa d’improbabile che hic et nunc diventa neces­sa­rio». Il ritardo del dispo­si­tivo poli­tico bolo­gnese nel pen­sare la pos­si­bi­lità che «le cose potes­sero andare diver­sa­mente», per dirla con Karl Kraus, vale a dire il ritardo poli­tico di Bolo­gna dovuto alla sua man­canza di memo­ria, si tra­duce così nel dover fare i conti con neces­sità della cui por­tata sol­tanto oggi, a fatica e senza più grandi rife­ri­menti, essa ini­zia a ren­dersi conto.

 

 

 

 

 

 

 

Tags:

Category: Osservatorio Emilia Romagna, Politica

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.