Comitato referendum bolognese: Per il diritto ad avere diritti

| 10 Ottobre 2012 | Comments (0)

 


 

 

PER IL DIRITTO AD AVERE  DIRITTI

La drammaticità della situazione è sotto gli occhi di tutti: le aziende espellono manodopera e i giovani sono, nella migliore delle ipotesi, costretti ad accettare lavori senza futuro e senza diritti. Ciò nonostante, è proprio in un contesto del genere che il legislatore ha deciso di abbassare drasticamente le tutele tanto a chi un’occupazione ce l‘ha quanto a chi la cerca senza riuscire a trovarla.

Per questo, l’avvio della campagna referendaria per l’abrogazione delle modifiche introdotte dalla recente “riforma Fornero” all’art. 18 dello statuto dei lavoratori (riscritto dalla legge 2012/92) e dell’art. 8 della legge 2011/148 equivale ad un’energica sollecitazione a discutere pubblicamente l’impianto di base delle regole riguardanti il (poco) lavoro che c’è e il (tanto) lavoro che si cerca e non si trova.

La riforma-Fornero ha sostanzialmente ripristinato la licenza di licenziare d’una volta. Salvo poche eccezioni, infatti, anche il licenziamento di cui sia stata accertata l’illegittimità in sede giudiziaria produce l’estinzione del rapporto col solo obbligo di pagare un pedaggio equivalente alla monetizzazione forfettaria del danno causato.

Peraltro, nel settembre dell’anno scorso il Parlamento aveva approvato una riforma ancora più devastante e priva di riscontri nel panorama internazionale. Con l’art. 8 della legge 2011/148 ha dismesso la funzione di regolare i rapporti di lavoro, che gli spetta in base alla costituzione, ed ha destabilizzato il contratto nazionale di categoria. Infatti, ha concesso persino ad agenti privati d’incerta rappresentatività l’opportunità di gestire a livello aziendale (ma anche in ambiti territoriali determinabili in base a calcoli d’opportunità) trattative che possono concludersi con accordi collettivi contenenti deroghe peggiorative non solo rispetto alla contrattazione nazionale, ma anche a gran parte della stessa legislazione del lavoro. Come dire che la norma sancisce il pressoché totale abbandono del principio d’inderogabilità delle regole del lavoro prodotte dalle fonti costituzionalmente legittimate a farle – legge e contratto nazionale di categoria – nonché l’evaporazione del principio per cui a lavoro uguale devono corrispondere uguali diritti, economici e non.

Pertanto, firmare la richiesta dei due referendum vuol dire uscire da una passività colma di rabbia, prendendo la sola iniziativa oggi praticabile per riportare i rapporti sindacali e di lavoro all’interno di un quadro di regole compatibile col sistema dei valori accolti dalla costituzione.

 

Bologna, 10 Ottobre 2012

 

Umberto Romagnoli

Bruno Papignani

Maurizio Frigeri

Simonetta Ponzi

Domenico D’Anna

Tommaso Montebello

Nando Mainardi

Giovanni Paglia

Mauro Alboresi

Maria Rita Lodi

Maurizio Pulici

 

Category: Lavoro e Sindacato

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.