Laura Di Lucia Coletti: La Suite Veneziana di Pier Luigi Olivi

| 3 Febbraio 2020 | Comments (0)

Opera di Pier Luigi Olivi per la BiBiennale di Venezia presentata presso la Bugno Art Gallery, Venezia.

Oh, Venezia, Venezia / Io disperato amante invoco / Muova L’Adriatico /Inferocita onda/. 12 novembre 2019 e poi le giornate lunghe, lunghissime, interminabili, quando Venezia ha fatto i conti con un susseguirsi di maree eccezionali, con la sua fragilità, con la sua precarietà, mentre rimbombava il lugubre mantra di un MOSE risolutivo e si metteva in scena il surreale teatrino della “grande prova” del mostro arrugginito e senza testa. Dolore e rabbia per l’insensatezza e la follia di scelte sciagurate, mentre all’improvviso davanti ai miei occhi scorrono le parole e le immagini di Suite Veneziana di Pier Luigi Olivi.

Il suo grido lacerante: “Venezia Venezia / Che ignori poeti / E celebri i mercanti” è quello di un artista che sceglie di non tacere, che ha deciso di agire. Lo fa con le sue opere in BiBiennale. Lo fa e riesce a dare voce, una voce straordinaria, anche a tutti coloro che lottano per questa città e non riescono a trovare le parole. Il poeta ha scelto una luce opaca per la città che brilla, quando il riflesso dell’acqua dei suoi canali gioca con i suoi mosaici e le facciate dei palazzi. Ma qui prevale una luce quasi piatta e nel dissolversi delle forme più note della città, quelle di foto di fine’800, risalta l’impronta luminosa dolce e sulfurea delle parole. “Oh! Venezia Venezia / Città della diaspora”, colei che respinge, rilancia i suoi abitanti al di là del ponte.

Scrive Settis «Anche Venezia è ferita a morte dall’implacabile processo di “suburbanizzazione” che svuota la città», parole che si intrecciano nell’opera a quelle gridate dal poeta che chiama la sua città: “Palcoscenico della memoria / Sepolcro di alieni”. Un lamento, anzi un’invettiva appassionata, “sul bel corpo offeso / vedo aggirarsi/ iene e sciacalli. Iene e sciacalli ma “business is business”. La sua bellezza non è stata sufficiente, sembra dirci il poeta, a bloccare l’avidità di quanti l’hanno prostituita, stile e forza che ricordano i versi di Karl Kraus. Anche lui innamorato della sua città. Vienna era la sua città-mondo, gli ispirò un amore-odio che si scatenerà in frasi al curaro come: “E’ un’ingiustizia parlare sempre male di Vienna per i suoi difetti: anche dei suoi pregi val la pena parlar male”.

Suite Veneziana è attraversata da un amore odio, si snoda con un gusto raffinato che rovescia l’immagine abusata della Venezia romantica dove money is honey. Il poeta ama la sua città di un amore sincero, ama il suo essere poeta e cittadino, quindi scioglie un canto civile che dissacra la Venezia che tutti credono di conoscere e amare. Contaminando e giustapponendo immagini e parole, colpisce duro la “velata cortigiana, sciacquio di baci”, che caccia i suoi figli e si ripiega su se stessa, annegata non solo nell’acqua ma nel tanfo del business per il business. Quelle “incoercibili forze del mercato”, come le chiama Settis, a cui insieme al poeta vogliamo opporre l’antico e classicamente inteso diritto alla città.

Laura Di Lucia Coletti, 3 gennaio 2020

 

 

 

 

Category: Arte e Poesia, Osservatorio sulle città

Avatar

About Laura Di Lucia Coletti: Laura Di Lucia Coletti. Docente di Letteratura Italiana e Latina, la mia prima passione è la scuola. Ho scelto di insegnare perché credo nel ruolo educativo e formativo della scuola, e come spazio fondamentale per lo sviluppo di una cittadinanza attiva. A tale riguardo ho costruito progetti di educazione alla pace, per cui ho ricevuto un premio dalla Presidenza della Repubblica. Mi sono occupata di informazione e di educazione ai media, organizzando e coordinando, nell’isola di S.Servolo a Venezia, una serie di convegni internazionali sul rapporto tra Etica e Comunicazione, tra Media, Cittadini e Potere, con la partecipazione, tra gli altri, di M.Gorbachev. Eletta Consigliera Provinciale nel giugno 2004, nella Lista DS come indipendente, ho promosso il Codice Etico di Condotta per gli eletti. Credo nella politica come servizio, e in questi anni ho cercato di dare un contributo a progetti che si proponevano la costruzione di uno spazio politico aperto e inclusivo, plurale e cooperativo, dove ciascuno, ciascuna potessero fare la propria parte per costruire una nuova stagione di cambiamento.
 Da febbraio 2014 sono stata membro del Comitato provinciale di Venezia e poi nazionale della Lista L’Altra Europa con Tsipras; nel 2015 candidata alla Presidenza della Regione Veneto, con la lista Altro Veneto. Promuovo con l’associazione Altra Europa-laboratorio Venezia attività e iniziative di approfondimento e studio su questioni e temi che riguardano l’ambiente, i diritti, le trasformazioni sociali.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.