Adriana Rezzele: Che bela la mé contrada

| 29 Dicembre 2017 | Comments (0)

 

 

 

Che bela la mé contrada

de sera tardi

quando ié tuti in leto.

Quando la dorme,

la gente l’è tuta precisa,

come quando se magna o quando se nasse

e quando se more.

La luna sta sera l’è picola e sconta.

Vardo le case co’ le luce smorsè

ié chiete, le sponsa anca lore.

Ié come de le cune

che ten la gente al caldo,

le ne varda fin che dormemo,

e le pensa:

adesso sì tuti ‘stessi!

Quando se dorme, ci sa in do nemo?

L’anima la se mola e la vola,

la va a sanarse da le nostre miserie,

dai nostri dispiaseri, da le cativerie

e dai bruti pensieri.

Par tornar piena de forsa e passiensa,

che a la matina se sveia

la doneta, l’ometo e la butina.

La ga el so da far a tignerne in sesto fin sera.

Ancò, doman e avanti avanti

fin che saremo noaltri a nar con ela.

Liberi da le miserie e dai dispiaseri.

Category: Arte e Poesia, Osservatorio comunità montane

Avatar

About Adriana Rezzele: Adriana Rezzele è nata a Tregnago nel 1970 e vive a Selva di Progno, paese della Lessinia in provincia di Verona. Scrive poesie in dialetto veronese e in italiano. Ha pubblicato la sua tesi di laurea in geografia (Spazio vissuto, Lessinia ed Erto, 2013) e le raccolte di liriche Scoltéme on fià (1999), Vivere (2011), Baci (2017). Da quest’ultima è tratta la poesia che qui pubblichiamo.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.