Francesco Indovina: Perché è sbagliata la proposta di Liberi e Uguali di eliminare le tasse universitarie

| 8 gennaio 2018 | Comments (0)

 

Dal Diario di Francesco Indovina  dell’ 8 gennaio 2018:  Giù le tasse. La sfrenata eccitazione dei politici

La campagna elettorale pare si stia organizzando al grido “giù le tasse”, niente di più populista. Chi non può essere d’accordo nel pagare meno tasse? Sulla base di questa banale ma anche insensata costatazione la campagna elettorale si gioca su chi la spara più grossa. Si si sa che sono promesse scritte sull’acqua, e se così non fosse sarebbero molto contenti quelli che più hanno e che meno avrebbero bisogno di pagare meno tasse.

Abbattimento dell’Irpef (aliquota unica) grida Berlusconi, ma anche, sempre lui, abbattimento dell’Ires (l’imposta sul reddito delle società)e ancora La flat-tax è la sintesi, a cui si accoda la Lega, ecc.

Di Maio non è da meno, promette drastica riduzione delle imposte a favore dell’impresa, semplificazione dell’Irpef (anche qui aliquota unica?), ecc.

Renzi non si tira indietro. Abolizione del canone Rai, e chi sa ancora cosa nelle prossime settimane.

Allegri e spensierati, nessuno dice cosa può avvenire nei servizi pubblici se questa madornale bugia si avverasse. Nella scuola, nella salute, nei trasporti collettivi e nella sicurezza, nella manutenzione urbana e nel verde pubblico, ecc. cosa avverrebbe?  La cosa è molto semplice: meno tasse per chi ha e più spese per chi non ha. Ma anche un paradosso: il retro pensiero e che la fiscalità generale dovrebbe sopperire a questi tagli,mentre i taglia riducono le disponibilità della fiscalità generale. Certo mi immagino che qualcuno, in buona o cattiva fede, immagina che la somma di tutti questi tagli produrranno un boom economico di proporzioni mai viste, per cui tutti pagheremo meno tasse ma lo stato incasserà di più. Le favole incantano anche gli adulti.

La cosa che fa disperare e che a questa sirena non ha saputo resistere nemmeno Liberi e Uguali, il suo presidente non ha resistito e anche lui ha la sua trovata: abolizione delle tasse universitarie. Ma nessuno gli ha spiegato che le tasse sono una voce minore per le famiglie che devono mantenere un figlio/a all’università? E se si tratta di uno studente fuori sede allora le tasse sono una spesa infima. Se si volessero aiutare i giovani a studiare altre dovrebbero essere le proposte, non c’è che la difficoltà della scelta, dalle borse di studio alla case dello studente, dai libri gratis ai sussidi di mantenimento, dalla moltiplicazione dei tutor al riordino di percorsi formativi maciullati dagli atenei. Insomma se a Liberi e Uguali  stesse a cuore una migliore preparazione dei giovani, una loro più efficiente ed efficace carriera scolastica, le cose da fare sono migliaia, eccetto che l’abolizione delle tasse universitarie (di cui godrebbero maggiormente i ceti benestanti).

Continuo a dare fiducia a Liberi e Uguali, capisco che una topica può sempre prendersi, anche per “inesperienza”, basta riparare il danno. Ma una cosa deve essere chiaro che se Liberi e Uguali insegue con quello che in apparenza potrebbe sembrare più a sinistra l’andazzo del teatro della politica non farà molta strada.

Liberi e Uguali non può essere solo un movimento di resistenza, ma deve essere una movimento di proposta a livello della gravità della situazione. Non può per esempio adagiarsi sull’idea che la crisi sia finita, e in questa nuova cuccia adattarsi, quando un’altra ondata ci aspetta sulla porta; deve riferirsi a precisi programmi di investimenti pubblici (per l’occupazione, il territorio, le città, le reti). Insomma deve essere un martello teso ad abbattere gli idoli antichi e nuovi che ingannano mentre altrove si fa festa sulla pelle del popolo.

Category: Politica, Scuola e Università

About Francesco Indovina: Francesco Indovina insegna Analisi territoriale e Pianificazione presso l'Università IUAV di Venezia e presso la Facoltà di Architettura di Alghero. Da sempre è promotore di un approccio interdisciplinare agli studi sulla città e il territorio, coniugato ad un saldo impegno civile. E` autore di numerosi volumi e saggi, e direttore delle riviste «Archivio di studi urbani e regionali» e «Economia urbana - Oltre il Ponte». Nel 2005 è stato il coordinatore scientifico del progetto internazionale di ricerca dai cui studi è conseguita la mostra da lui stesso curata "L'esplosione della città" alla Triennale di Milano. Direttore della collana "Studi Urbani e Regionali" della Franco Angeli, co-fondatore della rivista «Archivio di Studi Urbani e Regionali» (ASUR). Si occupa delle relazioni tra i processi economici sociali e le trasformazioni del territorio. La "città diffusa" e la "metropolizzazione del territorio" sono i suoi più recenti contributi. Ha inltre pubblicato: Governare la città con l'urbanistica (2006, ed.Maggiori), L'esplosione urbana (insieme a L. Fregolent e M. Savino, ed.Compositori), Il territorio derivato (ed.F. Angeli). Il suo blog con cui siamo collegati è felicitàfutura.blogspot.com

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.