Enrico Peyretti: E’ falso che papa Francesco giustifichi la guerra per fermare l’aggressione dell’Isis

| 22 Aprile 2015 | Comments (0)

 

 

Riceviamo  da Enrico Peyretti il 22 aprile 2015

Non mi sembra davvero che le parole di papa Francesco riportate ieri 21-4 da Il Foglio quotidiano, di G. Ferrara, e forse tolte da più ampio contesto, giustifichino il titolo: “ Il Vaticano: per fermare l’aggressione dell’Isis, ok anche all’uso delle armi“. [questo stesso titolo è stato ripreso acriticamente anche dalla rivista on line www.ildialogo.org]
Si rileggano le parole citate di Francesco. Possono essere intese come approvazione dell’azione armata solo se si identifica l’essenza maggiore della politica con la guerra. Così sembra pensare chi ha fatto quel titolo. Ed è un pensiero falso e nefasto.
E’ però vero che papa Francesco, senza affatto abbandonare i martiri cristiani, dovrebbe dire che ancora più numerose dei cristiani sono oggi le tante altre vittime di tante violenze, belliche ed economiche, inflitte non solo dall’Isis.
Ecco le parole del papa citate da quel quotidiano:

Il sangue dei nostri fratelli e delle nostre sorelle cristiani è una testimonianza che grida per farsi sentire da tutti coloro che sanno ancora distinguere tra bene e male. E questo grido deve essere ascoltato soprattutto da coloro che hanno nelle mani il destino dei popoli“.
(…) deve continuare da parte di tutti il cammino spirituale di preghiera intensa, di partecipazione concreta e di aiuto tangibile in difesa e protezione dei nostri fratelli e delle nostre sorelle, perseguitati, esiliati, uccisi, decapitati per il solo fatto di essere cristiani. (…) Auspico che la Comunità Internazionale non assista muta e inerte di fronte a tale inaccettabile crimine, che costituisce una preoccupante deriva dei diritti umani più elementari. Auspico veramente che la Comunità Internazionale non volga lo sguardo dall’altra parte”.

Tags:

Category: Culture e Religioni, Osservatorio internazionale

Avatar

About Enrico Peyretti: Enrico Peyretti (Torino, 1935) è un attivista italiano, intellettuale, impegnato nella ricerca per la pace e nel movimento per la non violenza. È stato presidente centrale della Federazione Universitaria Cattolica Italiana (FUCI) tra il 1959 e il 1961. Nel periodo del post-Concilio Vaticano II animò a Torino alcune realtà ecclesiali di base. Fondò nel 1971 (e diresse fino al 2001), assieme ad "alcuni cristiani di Torino", la rivista mensile il foglio (www.ilfoglio.info), che ancora oggi rappresenta una delle più interessanti esperienze di riflessione su tematiche religiose e politiche da parte del Cristianesimo di base. Ha insegnato storia e filosofia nei licei. Svolge attività come ricercatore per la pace nel Centro Studi "Domenico Sereno Regis" di Torino (www.serenoregis.org), sede dell'Ipri (Italian Peace Research Institute); è membro del comitato scientifico del Centro Interatenei Studi per la Pace delle Università piemontesi. È un riferimento all'interno del Movimento Nonviolento e del Movimento Internazionale della Riconciliazione. Tra i suoi libri: " Alcuni elementi per una filosofia della pace ", Scuola di pace, Città di Boves, Anno accademico 1993-94 ; Dall'albero dei giorni, Soste quotidiane su fatti e segni, Servitium, Sotto il Monte (BG) (1998); La politica è pace, Cittadella, Assisi (PG) (1998); Per perdere la guerra, Beppe Grande, Torino (1999); Dov'è la vittoria?, Piccola antologia aperta sulla miseria e la fallacia del vincere, Il segno dei Gabrielli, San Pietro in Cariano (VR) (2005); Esperimenti con la verità. Saggezza e politica di Gandhi, Pazzini, Villa Verucchio (RM) (2005); Il diritto di non uccidere. Schegge di speranza, Il Margine, Trento (2009);Dialoghi con Norberto Bobbio su politica, fede, nonviolenza , Claudiana, Torino (2011); Il bene della pace. La via della nonviolenza , Collana L'etica e i giorni, Cittadella Editrice, Assisi (2012)

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.