Alessandra Mecozzi: La situazione in Palestina. 25 maggio 2021.

| 25 Maggio 2021 | Comments (0)

 

1.Soulayma Mardam Bey:  Gran parte dei giovani palestinesi desidera ardentemente nuovi leader con una nuova visione. 25 maggio 2021 da L’ORient le Jour (Libano)

Giovani donne palestinesi prendono parte a una manifestazione nei pressi dell’insediamento ebraico di Beit El, vicino a Ramallah, nella Cisgiordania occupata, il 15 maggio 2021. Abbas MomaniI / AFP

È il grande perdente dell’ultima sequenza politica che si è aperta nei territori occupati e in Israele. Mahmoud Abbas, 86 anni, presidente dell’Autorità Palestinese (AP), credeva di poter ancora nutrire illusioni, rinviando a tempo indeterminato le prime elezioni previste dopo 15 anni. Qui viene travolto dalla furia di una giovantù palestinese di rottura, che non sa che farsene della diplomazia del mondo di papà. Gli era stato promesso meno di niente. Ed eccola, che reclama più del tutto. Dalla morte dei confini del 67, chiede la rinascita di quelli del 48. Il suo miglior alleato? I social network che hanno permesso di riappropriarsi della propria storia, di condividere la propria esperienza, la realtà della colonizzazione, dell’occupazione, della violenza della polizia e di riaffermare i legami che li uniscono ad altre battaglie in corso – quella, per esempio, delle minoranze negli Stati Uniti – o ieri – la lotta contro l’apartheid in Sud Africa. “Quello che differisce dalle ultime due intifada è che c’era un giornalista, che dormiva in ognuno di noi, che si è svegliato. Grazie ai social network e agli hashtag, siamo stati in grado di inviare messaggi al mondo “, dice Majd, 21 anni, studente di diritto pubblico di al-Khalil (Hebron). “Tutti cercano di sostenere la causa e di diffondere le informazioni in base a ciò che possono fare. Ci rende davvero orgogliosi di far parte di questo paese “, afferma Raghad Salahat, 20 anni, studente di letteratura francese e inglese di Nablus. 

In questa nuova equazione, l’Autorità Palestinese non ha posto. Mahmoud Abbas è apparso passivo agli occhi dell’opinione pubblica mentre ci si mobilitava per attirare l’attenzione sulle minacce di sgomberi forzati di famiglie palestinesi a beneficio dei coloni ebrei, nel quartiere di Sheikh Jarrah, a Gerusalemme. Lenta, a quanto pare, quando la repressione della polizia israeliana si è abbattuta sui fedeli nella Città Vecchia nel mezzo del Ramadan. Assente, tranne per il fatto che ha rilasciato alcune dichiarazioni di condanna contro i bombardamenti israeliani – quando la Striscia di Gaza è stata sottoposta a un diluvio di fuoco per 11 giorni dal 10 maggio. Emarginato dal suo più grande rivale, Hamas – che controlla l’enclave palestinese e si presenta come il vincitore dell’ultima guerra -, la leadership in Cisgiordania non può né rivendicare la legittimità politica nata dalla sua resistenza all’occupazione, né quella che le urne avrebbero sancito. Dopo aver annunciato con grande clamore le elezioni palestinesi di metà gennaio, il signor Abbas ha fatto affidamento sul rifiuto israeliano di consentire la partecipazione dei palestinesi di Gerusalemme per giustificare il loro rinvio alle calende Greche. Per i suoi critici, il processo sarebbe stato animato dal timore che le liste dissidenti derivanti da Fateh, il suo partito, non permettessero ad Hamas di prendere il potere in Cisgiordania. 

Una negazione di una sovranità già molto relativa che è vista male agli occhi di gran parte della gioventù priva della possibilità di partecipazione politica, stanca dell’occupazione che ne scandisce la quotidianità e frustrata dalle manovre politiche di una leadership che invecchia e sembra propinare le stesse ricette più e più volte dagli accordi di Oslo del 1993, quando la realtà sul campo non vi si presta più. La crescita esponenziale degli insediamenti israeliani a Gerusalemme est e in Cisgiordania ha così finito di offuscare i confini del 1967 che teoricamente avrebbero delimitato i contorni di uno Stato palestinese agibile. Dall’inizio degli anni ’90, il numero di coloni israeliani è quintuplicato fino a quasi 700.000 oggi. “Non esiste una soluzione a due stati perché Israele come occupante ha gli occhi su tutta la Palestina. Sono i politici israeliani a dirlo. Non è solo l’interno o Gerusalemme. Possono menzionare i due stati di fronte agli altri, ma sul terreno questo non esiste. Gli insediamenti sono ovunque ”, protesta Ahmad *, 27 anni, un fotoreporter di Ramallah, lui stesso contrario a questa opzione.

Dalla riva del Giordano al Mar Mediterraneo

Il movimento di protesta iniziato a Gerusalemme durante il mese di aprile è continuato prima e in modo senza precedenti all’interno dei confini di Israele prima di prendere le città palestinesi della Cisgiordania sotto l’autorità palestinese. Con uno slogan di punta: dalle sponde del Giordano al Mar Mediterraneo. Uno stato per tutti? Il discorso non evoca tanto il disegno dei confini quanto rivendica la totale uguaglianza tra tutti coloro che vivono su questa terra. “Dall’inizio dell’occupazione ha cercato di gettare i semi della discordia tra di noi e in molti casi ha funzionato. Ma con Gerusalemme e la moschea al-Aqsa in gioco, tutti i palestinesi, da nord a sud, dalla riva del Giordano al Mar Mediterraneo, per non parlare dei palestinesi della diaspora, uniti per sostenere la nostra causa comune con tutti i mezzi “, afferma Raghad Salahat. Stesso senso di orgoglio in Majd. “Dà origine a vari metodi di resistenza”, dice. Il 18 maggio, tre giorni dopo la commemorazione della Nakba, uno sciopero generale, il primo in quasi quarant’anni, ha unito palestinesi di Israele e palestinesi dei Territori occupati in una manifestazione congiunta di disobbedienza civile.

Di fronte a questa riappropriazione della geografia percepita come una minaccia esistenziale da Israele – che pretende di essere uno stato solo ebraico – e, in misura minore, come messa in discussione della sua ragion d’essere da parte dell’Autorità Palestinese – nata dagli Accordi di Oslo – quest’ultima ha risposto con i due metodi che le sono più familiari. Ha fatto ricorso a un linguaggio diplomatico vissuto in altri tempi, che contrasta con l’aspirazione alla resistenza di parte della gioventù. Mercoledì scorso Mahmoud Abbas ha così ribadito davanti al Parlamento della Lega Araba la sua volontà di riprendere il processo di pace bloccato con Israele. Ma soprattutto, si è messo a mettere la museruola alle voci critiche. Mentre la Cisgiordania si è sollevata in solidarietà con i palestinesi del 48 anni e con la popolazione di Gaza, le autorità locali hanno intensificato la repressione della protesta a Nablus, Ramallah, Jenin ed Hebron, lanciando lacrimogeni e granate assordanti contro i manifestanti, organizzando una serie di arresti. Tante azioni che hanno semplicemente rafforzato l’immagine di una leadership che opera come estensione dell’occupazione. “Per me è una dittatura che si comporta come un subalterno dell’occupante”, denuncia Chadi *, 28 anni, di Ramallah. “Mentre stanno negoziando, veniamo uccisi, derubati, umiliati. Le negoziazioni sono una inizezione di anestetico. Ma l’Autorità Palestinese lavora sullo stesso modello perché vi attira interessi personali, ottiene privilegi, è vincolata dagli ordini dell’occupazione. Sa che altrimenti l’occupazione non potrebbe più proteggerla e che allora non potrebbe più essere al potere ”, dice Ahmad da parte sua. Come lui, molti giovani hanno nel mirino il coordinamento della sicurezza dell’Autorità Palestinese con Israele, che la spinge a reprimere in tutte le direzioni in nome della stabilità, per minare le basi dell’organizzazione politica o addirittura della resistenza contro i coloni. Cisgiordania. “Abbiamo bisogno di una nuova leadership con nuovi principi che tendano alla liberazione e alla fine dell’occupazione”, dice Ahmad. “L’Autorità Palestinese ha cercato di utilizzare lo strumento diplomatico per riorientare l’opinione pubblica mondiale a favore della causa palestinese. Ma non ha funzionato. E molti dei suoi membri hanno cospirato con l’occupazione contro il popolo e la sua volontà “, dice Majd, per il quale il vento sta cambiando. “La mobilitazione di tutti i palestinesi fianco a fianco significa che la liberazione arriverà. Quest’anno, quello dopo, tra 10 anni, saremo liberi. “

* I nomi sono stati cambiati

 

*

*

2. Maria Rashed Haaretz: Perché questi palestinesi della diaspora hanno protestato per la prima volta durante la guerra di Gaza (25 maggio 2021)

*

*

Haaretz parla ai giovani palestinesi che vivono negli Stati Uniti e in Europa per scoprire perché si sono sentiti obbligati a parlare durante il recente round di combattimenti

La fiammata di 11 giorni tra Israele e militanti islamisti a Gaza ha visto numerose manifestazioni pro-palestinesi in tutto il mondo, le più grandi proteste di questo tipo dalla guerra Israele-Hamas nell’estate del 2014. Erano presenti molti palestinesi della diaspora, compresi alcuni che non si considerano politicamente attivi. Tre palestinesi che vivono all’estero e hanno preso parte alle manifestazioni raccontano ad Haaretz perché si sono sentiti obbligati a partecipare, alcuni per la prima volta nella loro vita.

Hilmi al-Shakhshir, 30 anni, vive a Cleveland, Ohio, e lavora come ricercatore di bioinformatica. Fino a quando l’ultima riacutizzazione è scoppiata il 10 maggio, dopo settimane di tensioni a Gerusalemme est e sul Monte del Tempio durante il mese sacro musulmano del Ramadan, dice di non essere stato per niente attivo politicamente. Tuttavia, gli eventi “hanno risvegliato qualcosa” dentro di lui, anche se anche ora fatica a identificare con precisione cosa lo abbia innescato. “Ho sentito l’impulso e il bisogno di protestare – una reazione immediata piena di emozioni”, racconta. Era “la necessità di esprimere la mia indignazione e mostrare sostegno, fare rumore e assicurarmi che fosse ascoltato – perché più le persone sono consapevoli di ciò che sta accadendo, più è probabile che possiamo fare qualcosa al riguardo. Le persone hanno più potere di quello che pensano “, dice.

Originario della città di Nablus, nel nord della Cisgiordania, Shakhshir ha vissuto in esilio per la maggior parte della sua vita. Dice che vivere lontano da casa spesso lo faceva sentire impotente e con la sensazione che non ci fosse nulla che potesse fare per sostenere la causa palestinese. Ma le cose sono cambiate con la recente manifestazione a cui ha partecipato a Cleveland.

“Sono rimasto sorpreso dal numero di persone presenti alla protesta”, ammette. “Non erano solo palestinesi – era un gruppo di persone di molte nazionalità, religioni, incluso un buon numero di ebrei”.

Shakhshir è stato per l’ultima volta in Cisgiordania prima che scoppiasse la seconda Intifada all’inizio del secolo, ma dice di essere “abbastanza grande per essere consapevole di ciò che sta accadendo e per sperimentarlo. Nel corso degli anni, gli attacchi contro i palestinesi avvengono continuamente, in sequenza. Arrivi a un punto in cui non lo senti tanto quanto dovrebbe ferire. Le voci dei palestinesi sono rimaste in silenzio.

“Anche nel mondo arabo, l’idea di discutere della Palestina, del conflitto anche solo di avere una conversazione aperta su di esso è stata un tabù”, dice. “Ciò che è diverso questa volta sono molti fattori: principalmente i social media, dove vedi tutto non filtrato, vedi la realtà inimmaginabile e senti il ​​dolore”, aggiunge, riferendosi a piattaforme come TikTok e Instagram , che sono state le prime fonti di informazioni per i giovani questa volta.

 

‘Apertura’

L’Europa continentale è stata anche teatro di molte proteste filo-palestinesi nelle ultime settimane. Kamil, 24 anni, si è trasferito a Brescia, nel nord Italia, quattro anni fa per studiare medicina, e la manifestazione a cui ha assistito in Italia è stata la sua prima protesta di qualsiasi tipo. (Ha chiesto che il suo cognome non fosse pubblicato.)

“Non sono affatto politicamente attivo”, dice ad Haaretz. “Cerco di non mettermi nei guai esprimendo la mia opinione. Una volta ero attivo sui social media, ma a causa dell’odio e degli attacchi delle persone per le cose che condividevo, mi sono fermato “. Ha anche cancellato “tutto ciò che riguarda la politica” sulle sue piattaforme di social media, dice.

Kamil è originario di Lod, una città mista ebraico-araba nel centro di Israele, dove gli arabi costituiscono circa il 30% della popolazione locale. Prima di trasferirsi all’estero, dice, aveva amici ebrei e arabi, ma doveva sempre stare attento a ciò che diceva riguardo ai primi. “Non ho mai parlato di politica, non ho mai parlato della mia identità palestinese, principalmente per non mettermi nei guai”, racconta. “Trasferirmi in Italia mi ha fatto sentire più a mio agio ad aprire la mia identità palestinese. È diventato più facile per me esprimermi, anche di fronte agli ebrei estremisti “.

Per lui, gli eventi nella sua città natale due settimane fa – quando la violenza e l’odio sono aumentati, portando a due morti tra le comunità e allo stato di emergenza dichiarato in città – sono stati uno dei motivi principali per cui è finalmente sceso in piazza.

“Quello che è successo a Lod è stato estremo”, dice. “Sono lontano ed è il minimo che posso fare per stare con la mia gente, a casa. Noi palestinesi all’estero stiamo mostrando la realtà [in Israele e Gaza], la solidarietà e, soprattutto, stare con l’umanità. Vedere i palestinesi uniti e la solidarietà internazionale con noi mi ha fatto sentire e dire per la prima volta che c’è speranza “.

Un altro fattore che ha giocato un ruolo nella sua decisione di manifestare è stata la consapevolezza che la protesta italiana sarebbe stata pacifica, “a differenza delle proteste in patria dove devi affrontare una risposta aggressiva da parte della polizia israeliana”, incluso il lancio di munizioni e gas lacrimogeni sulla folla.

 

‘Traumatizzato per anni’

Mentre gli altri intervistati assistevano alle loro prime manifestazioni filo-palestinesi, per Thaer (che ha anche chiesto che il suo cognome non fosse pubblicato) si è trattato di un ritorno all’arena della protesta.

“Ho sperimentato la brutalità della polizia in manifestazioni pacifiche in Israele”, dice ad Haaretz dalla sua casa a Los Angeles. “Nel 2008, sono stato arrestato il giorno del mio compleanno mentre partecipavo a una marcia per il diritto al ritorno”, nel villaggio demolito di Safourya, vicino a Nazareth. “Sono stato attaccato dalla polizia israeliana e sono stato detenuto per una settimana. Sono stato traumatizzato per anni “.

Pur non avendo preso parte a manifestazioni vere e proprie negli anni successivi, è stato attivo sui social media. “Con gli eventi accaduti a casa, ho provato frustrazione, rabbia e impotenza. Mi sentivo in colpa per essere all’estero e non lì “, dice. Tutti questi sentimenti lo hanno spinto a prendere parte alle proteste in California.

“È il minimo che possiamo fare come palestinesi all’estero”, osserva. “Abbiamo manifestato su Sheikh Jarrah nel 2008, e stiamo ancora manifestando su Sheikh Jarrah ora”, dice, riferendosi al quartiere di Gerusalemme Est dove tre famiglie palestinesi sono minacciate di sfratto da coloni ebrei in un tribunale controverso e di lunga data.

Thaer è sposato con una donna ebrea-israeliana, Leah, e lavora come videografo, video editor e animatore per una sinagoga ebraica a Los Angeles. “Quello che sta succedendo non è un conflitto di religione o un conflitto tra due nazioni”, dice. “Sicuramente non è un conflitto tra musulmani ed ebrei. Tutto questo è un’invenzione di un paese gestito dall’apartheid, Israele “.

Sua moglie ha anche partecipato alla recente protesta di Los Angeles “per stare con noi”, dice Thaer. La coppia si è incontrata sei anni fa mentre lavorava al film “Junction 48”, una storia d’amore su due giovani artisti palestinesi che usano la loro musica per combattere sia l’oppressione esterna della società israeliana che la repressione interna della loro stessa criminale conservatrice Comunità.

“Non mi considero un nazionalista, ma un essere umano prima di tutto”, spiega Thaer. “I punti di vista che ho sviluppato dall’essere esposto a molte culture. Mia moglie ed io viviamo negli Stati Uniti da due anni – il motivo per cui abbiamo deciso di lasciare Israele è perché non vogliamo che i nostri futuri figli soffrano. Non vogliamo che siano visti come gli altri, i diversi o i ragazzi misti “.

Category: Archivio, Guerre, torture, attentati, Osservatorio internazionale, Osservatorio Palestina

Avatar

About Alessandra Mecozzi: Alessandra Mecozzi Nata a Roma il 14 novembre 1945. Né marito né figli. Ho due sorelle, un fratello e un mucchio di nipoti, madre novantunenne. Liceo Tasso e Università La Sapienza di Roma. Laureata nel 1970 con una tesi sulla Cgil. All’Università ho conosciuto la politica e il movimento studentesco, incontrato per la prima volta il sindacato. Non iscritta a nessun partito, dopo 2 anni di FGCI. Dalla fine del 1970 alla Fiom nazionale. Dal 1974 al 1990 alla FLM prima, poi alla FIOM di Torino/Piemonte. Nel 1975, con il gruppo dell’Intercategoriale donne cgil cisl uil di Torino, conosco e pratico il femminismo, nel sindacato e alla casa delle donne. 1983: primo convegno internazionale su donne e lavoro “Produrre e riprodurre”; 1987 : costruiamo Sindacato Donna nella CGIL. La politica per la pace, la incontro a Gerusalemme e nei territori palestinesi occupati, nel 1988, con donne italiane, palestinesi e israeliane (“Donne a Gerusalemme”, Rosenberg&Sellier), dopo una breve esperienza nei campi profughi palestinesi in Libano, in seguito a un appello di Elisabetta Donini. Nel 1989, eletta nella Segreteria Nazionale della Fiom, torno a Roma. Dal 1996, responsabile dell’Ufficio internazionale e, successivamente, anche della rivista della fiom Notizie Internazionali. Contribuisco alla nascita di “Action for Peace” (2001) un progetto di molte associazioni, per la presenza di missioni civili in Palestina/Israele; dal 2002 nel Coordinamento Europeo per la Palestina (ECCP). Partecipo dal 2001 - Genoa Social Forum - al processo del Forum sociale mondiale e del Forum sociale europeo. Dal 2012, “libera dal lavoro”, sono volontaria con “Libera” per l'area medio oriente e maghreb-mashreq e presidente della associazione “Cultura è Libertà, una campagna per la Palestina”.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.