“Una Città” : Un bambino , un pacco di libri, una foto

| 16 Agosto 2019 | Comments (0)
Riceviamo e volentieri aderiamo a questa iniziativa della rivista “Una Città”

Un ragazzino con un grosso pacco di libri. Piccolo, un po’ scuro di pelle, 11 anni, si chiama Rayane. Una donna che lo guarda, severa. Non è la mamma e neppure la nonna. Non è la maestra. No, è un graduato della polizia, con il casco, in tenuta antisommossa, che lo sorveglia, a Roma, a Primavalle, durante lo sgombero di una casa occupata che dava rifugio a decine di famiglie che non avevano altra soluzione, il 15 luglio.

Daniele Leppe, dell’associazione Nonna Roma che opera contro la povertà nelle periferie romane, ha scritto: “Immaginate, solo per un momento, che mentre dormite, vi riposate, guardate la televisione, il tablet, fate l’amore, il vostro quartiere viene circondato dalle forze dell’ordine. Vostro figlio è al letto, nella sua camera, circondato dai giochi e dai suoi libri. È proprio la vostra casa che viene
circondata dalle forze dell’ordine. Non si sono sbagliati. Sono tanti. Cercano voi”.
Vengono per permettere a un ministro di twittare soddisfatto “Basta con i violenti”, pubblicando proprio la foto di quel ragazzino che peserà poco più del pacco di libri che sta cercando di salvare. Basta con i violenti? A Roma la violenza è quella dell’emergenza abitativa, con letteralmente migliaia di famiglie prive di un alloggio decente perché non si costruisce. Si sgombera ma non si offrono soluzioni alternative. Si mettono sulla strada bambini, donne incinte, anziani e disabili. Questa è la vera violenza.
La società civile non può supplire a decenni di incuria dei governi e del Comune di Roma, ma può mobilitarsi per difendere i più deboli, i bambini che frequentavano la scuola del quartiere e, vedendo la foto di Rayane, immediatamente diventata virale sul web, lo ha fatto.
In sei giorni l’associazione Famiglie Accoglienti di Bologna ha raccolto oltre 9.000 euro lanciando un crowdfunding per far studiare Rayane oggi, domani, dopodomani. Lo ha fatto in nome dell’articolo “più importante della nostra Costituzione” come lo definì Piero Calamandrei: “La scuola è aperta a tutti. L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi” (art. 34).
Rayane, che nel caos dello sgombero ha salvato i suoi libri e promesso ai suoi docenti di laurearsi, è più che “capace e meritevole” e c’è un’intera Italia che lo sostiene. Per contribuire
https://www.gofundme.com/f/vogliamo-studiare

Category: Libri e librerie, Migrazioni, Politica, Scuola e Università

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.