E’ uscito il secondo Dossier sulle mafie in Emilia Romagna

| 3 Ottobre 2012 | Comments (0)

 

 

 

 

 

 

 

La redazione di “Inchiesta” ha trovato molto interessanti i due  Dossier recentemente disponibili in rete sulle MAFIE IN EMILIA ROMAGNA Per leggerli andare su http://gaetanoalessi,blogspot.it/2012/08/il-dossier-sulle-mafie-in-emilia.html?spref=fb . Ripubblichiamo la presentazione che dell’ultimo Dossier viene fatta dal suo curatore  Gaetano Gato Alessi. I Dossier sono stati Realizzati dalla Facoltà di Giurisprudenza e Scienze politiche di Bologna (professoressa Stefania Pellegrini). Oltre a Gauetano Alessi (AdEST) il Dossier si avvale del gruppo G.d.Z (Massimo Manzoli) e rete Noname (Giulia di Girolamo)

Un anno dopo.
Sono passati dodici mesi da quando, in compagnia di Gaetano Saffioti e grazie a Stefania Pellegrini, consegnammo all’opinione pubblica il primo dossier sulle mafie in Emilia Romagna.
Una frustata lo considerò qualcuno, un importante strumento contro le mafie la voce di molti.
In realtà era solo lo splendido lavoro di un gruppo di ragazzi legati dalla volontà comune di rendere questo territorio “nemico” per la criminalità organizzata.
Un lavoro che nell’arco di dodici mesi ha girato per tutta la regione, dai luoghi istituzionali agli oratori di periferia, creando rete e consapevolezza e la bozza di un’alternativa di società.
Sarà Spartà, studente e redattrice di entrambi i laboratori, nell’introduzione disegna, in venti righe, il senso di questo corso.
Rumori, treni, anticamere, polvere, intuizioni, segretarie “sui generis”, solitudine, dinieghi questo è il giornalismo di base.
Un contatto simbiotico con il luogo che ti circonda, le antenne tese a captare il mutamento, una necessità di risposte continua, la ricerca della verità, un tentativo di unire in una sola rete le mille solitudini di chi in silenzio, ogni giorno, si oppone alle mafie, questa  è l’antimafia sociale.
Il lavoro di quest’anno cerca di legare questi due aspetti ed è il naturale completamento del report del 2011.
Una ricerca a 360 gradi, tra mafie italiane e straniere, inseguendo traffici di droga, armi, la tratta selvaggia di uomini e donne e paradisi fiscali sull’uscio di casa. E la ricerca anche di quei fenomeni, non direttamente connessi alle mafie, che sono però “humus” vitale per l’arrivo della criminalità organizzata nel territorio,  come l’oscenità dei “massimi ribassi” negli appalti pubblici e privati.
Un faro acceso su argomenti che spesso vengono definiti “minori” ma che sono i nervi e l’ossatura della ricchezza delle mafie in questa regione.
Un lavoro definitivo? Assolutamente no. Perché le mafie mutano, si adattano e si riciclano e così il compito di chi fa antimafia sociale è continuare ad inseguirle, denunciare, stimolare le istituzioni.
E’ una partita lunga, di cui forse non vedremo la fine ma che rende una vita degna di essere vissuta.

Gaetano Alessi
Curatore del laboratorio

P.s Questo lavoro è dedicato a Roberto Morrione. Vorrei solo che potesse vedere gli occhi dei ragazzi che l’ hanno  realizzato.
Ti abbraccio, ovunque tu sia.

 

 

 

 

 

 

 

 

Tags:

Category: Economia, Lavoro e Sindacato, Osservatorio Emilia Romagna

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.