Ad Assisi non invitato il Dalai Lama

| 20 Settembre 2016 | Comments (0)

 

 

 

Diffondiamo da Il Messaggero e da Asia News del 20 settembre 2016

 

1. Franca Giansolidati,  Ad Assisi non invitato il Dalai Lama

Il Messaggero 20 settembre 2016

 

Lo spirito di Assisi è sempre inclusivo, e tuttavia stavolta esclude il Tibet. A 30 anni esatti dall’intuizione profetica di Wojtyla, che per primo radunò nella cittadella umbra i maggiori leader religiosi del mondo compreso il Dalai Lama, viene celebrata, stamattina, una analoga iniziativa per la pace. Stavolta, però, l’uomo che incarna la guida spirituale del buddismo tibetano non sarà qui. Non è stato invitato. Il Dalai Lama, in questi giorni impegnato in un ciclo di conferenze tra Parigi e Strasburgo, fa sapere che «sarebbe venuto volentieri», ma che da nessuno, né da sant’Egidio promotore dell’iniziativa né dal Vaticano, è arrivato alcun invito. Disattenzione? Il monaco buddista Tseten Chhoekyapa, stretto collaboratore per l’Europa del Dalai Lama, ha liquidato la questione con poche parole e molta amarezza. «Le ragioni? chiedete le spiegazioni al Vaticano o a Sant’Egidio». Già, perché la presenza del Dalai Lama sarebbe stata una piuttosto ingombrante, mentre la diplomazia del Papa è impegnata in una trattativa delicatissima con il governo di Pechino per la normalizzazione dei rapporti con la Chiesa cattolica clandestina.

Un dossier ingarbugliato aperto sin da quando Mao prese il potere e ruppe le relazioni con la Santa Sede, provocando, progressivamente un irrigidimento di posizioni, fino a persecuzioni vere e proprie contro i cattolici. Col tempo, la situazione si è allentata e adesso, con Papa Francesco, si intravedono concreti spiragli di distensione e di dialogo con il governo cinese. L’invito al Dalai Lama avrebbe verosimilmente fatto saltare il banco delle trattative. La realpolitik non poteva che prevalere, e così, oggi pomeriggio, ad Assisi, il Papa davanti alla tomba di san Francesco firmerà una dichiarazione di pace con islamici, scintoisti, ortodossi, anglicani, buddisti (giapponesi), ma non con quelli tibetani.

Pazienza se i rapporti di Amnesty non lasciano dubbi sulle vessazioni che subisce questo popolo dall’occupazione cinese in poi. Cifre da far rabbrividire. Dal 2009 si sono dati fuoco per protesta duecento monaci. Amnesty parla di «genocidio tibetano», anche per via del milione di persone scomparse in decenni di occupazione. Il Dalai Lama in questi giorni ha lanciato un appello alle istituzioni europee, implorando maggiore tutela (provocando subito la reazione di Pechino che ha minacciato ritorsioni all’Ue) e chiedendo sostegno per un Tibet con un alto grado di autonomia all’interno della Cina. E invece ad Assisi la Comunità di Sant’Egidio ha invitato solo il venerabile Morikawa Koei, leader dei buddisti giapponesi, recentemente ricevuto anche in udienza da Papa Francesco. Eppure «..ho sempre accolto volentieri gli inviti dal Papa, a cominciare dal 1973», ha commentato il Dalai Lama. Paolo VI fu il primo a riceverlo in Vaticano. Nel 2014 a Roma fu organizzato un raduno di tutti i Nobel per la Pace ma, anche in quella occasione, per il Dalai Lama, non arrivò nessun invito. Papa Francesco però, qualche tempo dopo disse che lo ammirava molto, ma che non era abitudine per il protocollo di ricevere i capi di stato o i leader di quel livello quando partecipano a una riunione internazionale a Roma. «E comunque aveva aggiunto Francesco rispondendo ai cronisti – non è vero che non ho ricevuto il Dalai Lama perché ho paura della Cina. Noi siamo aperti e vogliamo la pace con tutti. Il governo cinese è educato, anche noi siamo educati. Facciamo le cose passo dopo passo. Loro sanno che sono disposto a riceverli o ad andare là, in Cina. Loro lo sanno». Pechino val bene una messa.

 

 

 

2. Tenzin Takla: ll Dalai Lama non è stato invitato ad Assisi. Parla il segretario del monaco buddista tibetano

Asia News 20 settembre 2016

 

Nel sito inglese premier.com è spiegato: «Non è la prima volta che il leader viene snobbato da Papa Francesco». Le ragioni? «Migliorare i rapporti del Vaticano con la Cina»

Il Dalai Lama non ha ricevuto «alcun invito» per l’evento di Assisi. Lo rivela ad Asia News il segretario personale del leader buddista, Tenzin Taklha. Il buddismo tibetano conta circa 15 milioni di fedeli sparsi fra il Tibet e la diaspora nel mondo, la religione induista ha circa un miliardo di aderenti per lo più nel subcontinente indiano. Sul sito inglese premier.com , in un articolo firmato da Aaron James, è spiegato che Bergoglio «non ha invitato il Dalai Lama» e la ragione sarebbe da ricercare in «un tentativo di migliorare le relazioni del Vaticano con la Cina».
Prosegue il servizio: «Mentre i tibetani sostengono il Dalai Lama come il loro leader spirituale la Cina lo vede come un pericoloso separatista. L’esclusione del Papa è stata percepita da alcuni come un tentativo di accattivarsi il loro favore». Ancora: «Non è la prima volta che il Dalai Lama è stato snobbato dal Papa. Nel 2014 Papa Francesco ha anche rifiutato di incontrarlo quando ha partecipato ad una riunione di premi Nobel della pace a Roma».

 

Category: Culture e Religioni, Osservatorio Tibet

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.