Rogério Freitas : La crudeltà delle scuole residenziali in Canada

| 24 Giugno 2021 | Comments (0)

 

La crudeltà delle scuole residenziali in Canada

Rogério Freitas, insegna nelle  scuole  in Canada

Recentemente in Canada è stata sviluppata una “fotografia” oscura. L’immagine mostra uno dei ritratti dell’eredità della colonizzazione: le ossa di 215 bambini indigeni uccisi dal/durante il sistema delle Scuole Residenziali. I resti sono stati trovati nel seminterrato dell’ex “Kamloops Indian Residential School”, situata a Kamloops, nella provincia della British Columbia. La scuola fu costruita nel 1890 e dal 1920 in poi iniziò ad accogliere bambini indigeni di età compresa tra i 4 ei 15 anni. La scuola era una delle più grandi scuole residenziali in Canada. L’atrocità è stata messa a tacere per anni e finora non c’è mai stato un caso ufficiale di morte documentato in questa scuola. Si stima che ci siano più bambini sepolti nel luogo e in altre Scuole Residenziali disattivate nel resto del Paese.

Il primo ministro del Canada Justin Trudeau la scorsa settimana ha chiesto scuse ufficiali. Credo, però, che le “scusazioni” non cancelleranno mai dalla memoria dei sopravvissuti i traumi intergenerazionali introdotti da questo sistema. Ritengo che le scuse istituzionali rappresentino meccanismi di reinsediamento politico per (ri)aprire dialoghi con i settori oppressi, con l’obiettivo di produrre consenso e monopolizzare il linguaggio ufficiale sul tema discusso. Inoltre, le “scuse”, in questi casi, sono ripetutamente accompagnati

La richiesta di scuse del Primo Ministro canadese fa eco a una recente ondata di “perdoni” annunciata da paesi imperialisti come la Germania, che ha riconosciuto di aver commesso il genocidio in Namibia, e la Francia, che chiede perdono per le atrocità in Ruanda. La recente scoperta dei resti di bambini nella Columbia Britannica ha suscitato proteste in molte città in Canada. Attivisti di movimenti sociali e indigeni hanno ricordato l’orrore del genocidio durante le manifestazioni. Il rovesciamento di statue di personaggi famosi da parte dei terrori coloniali è diventato frequente nelle manifestazioni globali, e questo è stato abbastanza significativo per il regolamento dei conti con la storia. Una delle azioni degli attivisti è stata la demolizione della statua di Egerton Ryerson, uno degli architetti responsabili della creazione delle scuole residenziali. La statua si trovava alla Ryerson University di Toronto e secondo una nota del rettore dell’università, il monumento non verrà ricollocato.

Cosa erano le «scuole residenziali»?

Le scuole residenziali secondo me erano scuole carcerarie. L’obiettivo principale era quello di decimare la cultura delle prime nazioni indigene in nome di un ideale di civilizzazione occidentale. Il Canada è stato uno dei precursori del sistema delle Scuole Residenziali nel mondo. Il rapporto Bagot del 1845 descrive il funzionamento, l’organizzazione e le varie regole del sistema delle Scuole Residenziali. Lo stesso rapporto stabilisce una serie di regole operative e organizzative che

i villaggi dovrebbero seguire. Per quanto riguarda le scuole, gli istituti erano amministrati dalle varie Società Missionarie, come la Società Missionaria della Chiesa d’Inghilterra e la Società Missionaria Metodista. È anche possibile osservare nel rapporto un sistema di “ricompensa” dato ai dirigenti scolastici per il reclutamento di bambini indigeni nelle scuole. Per ogni gruppo di 21 ragazzi dai 6 ai 15 anni e 4 ragazze dai 6 ai 10 anni, il preside della scuola riceveva in premio £ 50. Questo importo equivarrebbe ora in potere d’acquisto a circa US $ 1.801,55.

Pochi decenni dopo, il processo di controllo è cresciuto fino a punire e bandire la cultura indigena. L’Indian Act del 1876 portò il governo canadese al pieno controllo della cultura degli indigeni. Questa legge permetteva al governo di delimitare le terre, determinando i diritti ei doveri dei gruppi etnici ed anche chi poteva o non poteva essere considerato un indigena. La stessa legge imponeva alle popolazioni indigene un documento che consentiva loro di acquistare o vendere i loro prodotti. Anche l’acquisto di vestiti o cibo al di fuori dei villaggi o dei villaggi non era autorizzato. Fu John A. Macdonald, Primo Ministro del Canada, responsabile della creazione e dell’ufficializzazione delle Scuole Residenziali. In quanto scuole carcerarie, queste dovrebbero mantenere i bambini isolati e quasi privi di contatti esterni e familiari. Il regime rigoroso e il controllo totale sui corpi dei bambini hanno fatto prosperare il sistema come organo disciplinare. Da allora, il numero delle Scuole Residenziali è aumentato in tutto il territorio canadese.

La vita quotidiana dei bambini nelle scuole carcerarie era terrificante. A loro era espressamente vietato parlare le loro lingue e dialetti. Ai bambini è stato anche negato il diritto di pronunciare i nomi spirituali che hanno ricevuto alla nascita. Invece dei loro nomi, sono stati dati numeri per l’identificazione individuale. Sono stati segnalati anche diversi casi di violenza sessuale e le punizioni erano frequenti, che andavano dal non mangiare per disobbedienza, alla visita nella stanza dove sono state trovate sedie elettriche. Una sopravvissuta di nome Hall racconta che da bambina si lavava con grande forza quando faceva la doccia con l’obiettivo di «pulire la pelle» per diventare bianca. È cresciuta odiando il colore della sua pelle. Da adolescente è stata ispirata dal Movimento Indigeno Americano e ha iniziato la sua lunga lotta per la libertà, l’uguaglianza e la giustizia sociale.

Nonostante la grande violazione dei diritti umani, solo nel 1996 è stata chiusa l’ultima scuola residenziale. È interessante notare che quest’ultima scuola, «The Gordon Residential School», nel Saskatchewan era nota per essere una delle più famose in caso di abusi fisici e sessuali in Canada. Willian Starr direttore di questa scuola tra il 1968 e il 1984 ha commesso crimini sessuali oltre a usare la sua posizione per intimidazioni e punizioni per gli studenti che non erano d’accordo con lui. Starr è stato arrestato nel 1992 confessando i crimini e ha scontato solo 4 anni e mezzo di carcere.

Diffondi la storia della resistenza degli oppressi

Noto che anche con il tentativo di discutere la storia dei popoli oppressi e il tentativo di superare il terrore del passato colonizzatore come quello che è stato visto di recente nella « Kamloops Indian Residential School », c’è molta attenzione a circoscrivere l’oppressione coloniale senza dare di fatto la voce degli oppressi. Scuse sotto forma di retorica del presidente del Consiglio, l’assenza di papa Francesco nel riconoscere le atrocità della Chiesa cattolica, la rassegna stampa e spesso anche gli ambienti che dovrebbero concentrarsi sull’argomento con maggiore attenzione, come nel caso dell’università, tacciono e non danno visibilità alle resistenze individuali e/o collettive avvenute nei vari periodi delle crudeltà della colonizzazione.

Mi sono imbattuto in pochi documenti sulla resistenza individuale e collettiva alle scuole residenziali in Canada. Ci sono molti forum, commissioni, istituti e centri di ricerca, ma la “voce della resistenza” è ancora molto discreta nelle istanze che fanno il dibattito pubblico su questa strage. Uno dei pochi documenti è il caso che si è verificato presso la scuola residenziale del 1940 “Thundercild Indian Residential School” nel Saskatchewan, che è stata distrutta da un incendio. I documenti ufficiali attribuiscono la possibile colpa a 4 studenti “ribelli” che sono stati indagati ma per mancanza di prove è stato registrato che la scuola era vecchia e dopo l’incendio lo stabilimento non è stato ricostruito. Un altro racconto è quello di Marie-Jeanne Papatie, che descrive i suoi ricordi di quando i suoi fratelli e sorelle lasciarono la riserva situata a Lac-Simon per studiare alla scuola residenziale di Saint-Marc-de-Figuery in Quebec. Ha detto che quando aveva 5 anni suo padre, già contrario alle scuole residenziali, decise di nasconderla in un materasso improvvisato nel seminterrato di casa sua dove poteva vedere gli scuolabus venire a prendere i bambini per portarli nelle scuole carcerarie. Quando il prete bussò alla sua porta, suo padre gli disse che era scappata.

Infine, dopo aver ottenuto un’udienza con il ritrovamento dei resti di 215 bambini vittime delle Scuole Residenziali, le proteste continuano in molte città del Canada e la questione indigena ha assunto le principali notizie nel Paese. Spero che dopo l’ennesima triste rivelazione la solidarietà e la resistenza internazionale dei popoli oppressi siano gli unici ingredienti

Category: Osservatorio internazionale, Scuola e Università

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.