Duccio Campagnoli: Contro supersfruttamento, caporalato, schiavismo sugli immigrati la soluzione c’è: il salario minimo per legge

| 26 Giugno 2024 | Comments (0)
*
Pubblichiamo in collaborazione con Valorelavoro (www.valorelavoro.com) questo articolo di Duccio Campagnoli. Dello stesso autore segnaliamo ai nostri lettori  anche “Una riforma per i diritti comuni del lavoro resiliente”, apparso su Inchiestaonline il 14 ottobre 2021.
…………………..
Duccio Campagnoli
CONTRO SUPER SFRUTTAMENTO E CAPORALATO SUL LAVORO, CONTRO LO SCHIAVISMO SUGLI IMMIGRATI LA SOLUZIONE C’E’: IL SALARIO MINIMO PER LEGGE.
Stiamo ascoltando ennesime indignazioni ipocrite, con parole a lingua biforcuta, specie dalle parti di chi dovrebbe fare e non fa contro le morti sul lavoro, che si ripetono ogni giorno nel modo piu’ barbaro e che ogni giorno di più dicono dove sono i luoghi di morte, lavori di fatica antica e bestiale dietro le decantate filiere del made in italy; e chi sono i condannati a morte: immigrati costretti alla invisibilità e alla clandestinità, lavoratori uomini e donne che hanno bisogno di un lavoro comunque, anche non conosciuto, pericoloso, schiavizzato, sfruttato da caporali e padroni orribili e senza scrupoli, con paghe di 3 euro l’ora e fatiche senza orario.
Allora bisogna che gridiamo di nuovo e subito che la soluzione più immediata c’e’: semplice risolutiva e già presente in quasi tutti i paesi d’Europa:
IL SALARIO MINIMO PER LEGGE, ALMENO DI 9 EURO l’ORA, SECONDO LA MEDIA EUROPEA!!!
Infatti l’importanza decisiva di questa legge, che forse non e’ stata adeguatamente messa in luce, sta nel fatto che con essa il lavoratore, la lavoratrice, pure l’immigrato, anche senza ancora contratto e certo il sindacato potrebbero andare subito neppure dal giudice, ma dai carabinieri della stazione locale, a denunciare una condizione di sotto salario “contra legem”, che sarebbe un reato da perseguire e far cessare subito.
Il caporale così non potrebbe più ricattare nessun lavoratore per procacciare impunemente lavoro sottocosto, sicuro dell’ impunità; e pure tutti i padroni senza scrupoli saprebbero di poter essere ispezionati dai carabinieri della stazione locale (non da improbabili visite di ispettori Asl o Inail di cui solo sempre si chiede e si promette vanamente di aumentare il numero, grottescamente, viste le incolmabili sproporzioni); e certo allora starebbero più attenti pure a sicurezza e addestramento se non formazione del lavoro che si prende a stagioni.
Forza dunque: ripartano i Partiti che l’hanno già proposta. Con la legge su salario minimo legale sfidino il governo a negarla di nuovo se ne avranno la faccia mentre piangono sui morti a 3 euro l’ora. Diano cosi’ anche al Presidente della Repubblica almeno la possibilità di sollecitare la necessità e rapidità dell’esame di un concreto Atto Parlamentare!
Si muovano ancora e ben di più i Sindacati su questo concreto e preciso obiettivo chiamando all’unità. Se non di nuovo ora, quando?
PS1: Si aggiunga nelle proposte di legge sul salario legale già formulate questa semplice clausola: il lavoratore che denuncia il non rispetto del salario legale (e di tutte le condizioni contrattuali) ottiene subito il permesso di soggiorno e lavoro in Italia e un contratto a tempo indeterminato!
Ps2: Se il Governo rifiuta questa legge si dica che fa come e peggio dei fascisti di un secolo fa allora pagati dagli agrari sfruttatori dei braccianti per assicurarsi di poter sfruttare impunemente.
Duccio Campagnoli, Domenica 23/06/2024

Tags:

Category: Lavoro e Sindacato

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.