Maurizio Matteuzzi: Nuovi tagli alla ricerca sotto l’uovo di Pasqua

| 22 Aprile 2014 | Comments (0)

 

 

 

Perché poi mettere i regali “sotto” l’albero di Natale, e invece “dentro” l’uovo di Pasqua? Riflettendo sugli ultimi accadimenti, me ne son dato una ragione. Per non vergognarsi, ecco. Come il mammifero selvatico nasconde, darwinianamente, le sue feci, così il governo che aveva promesso di partire dalla scuola e dall’istruzione. Davvero comico, un personaggio che si vanta di spostare miliardi di euro a favore degli edifici scolastici, e poi taglia i fondi per la ricerca. Sia chiaro: la sicurezza dei nostri figli, e dei figli degli altri, sia pure il primo degli obiettivi. Ma magari non stonerebbe a questo punto il quesito: edifici sicuri, belli e nuovi, ma per fare che?

Anni fa avvenne che il deflagrare della rete non poteva più essere ignorato. Anche le vecchie cariatidi dei consigli di amministrazione, dei luoghi di potere in genere, informaticamente analfabeti, dovettero obtorto collo rendersene conto. E siccome il concreto è spesso più comprensibile, specie alle menti deboli, dell’astratto, la parola d’ordine fu una sola: “cablare”, stendere fibra, collegare. Per fare cosa, per quali funzioni, servizi innovativi? Mah, intanto noi “cabliamo”. Qui si potrebbero fare tanti esempi, ma facciam pure i signori.

Ecco, il rex rottamatorum, o pinocchietto toscano, si colloca su questa linea, con grande plauso popolare. Cavolo, questo sì che ha a cuore la scuola, sposta nove miliardi.

Ma dentro alle aule, ora sicure, che cose ci mettiamo? Ah, beh, questa è un’altra storia. Intanto, fatemi vincere le elezioni europee. Poi, però, facciamo così: tagliamo ancora i fondi alla ricerca, tanto mica si vedono, almeno, mica subito. Intanto fatemi vincere ora.

Curioso che ogni premier, nel suo accanirsi contro i fondi alla ricerca italiana, trovi immediato consenso nel ministro corrispondente. O forse ovvio? Renzi, che come tutti i suoi predecessori dichiara fanfaronando “priorità alla istruzione”, taglia con la “spending review”, i fondi della ricerca, già ultimi nella UE? Beh, ma per la Giannini sono “accantonamenti”.

Dentro alle aule, sicure ma vuote, che ci metteremo? Davvero signora Giannini lei sa cos’è un “accantonamento”? Ma se lo sa, perché ci prende per il culo? O non lo sa, e obbedisce come quella povera Gelmini, che si sta ancora chiedendo cosa ha firmato?

Speriamo Lei vada in Europa, signora Giannini, sia eletta e si arricchisca; almeno, dopo avere dato, come i suoi predecessori, un altro colpo alla cultura italiana, e avere perpetrato l’ennesimo furto alle generazioni future, ci libereremo di lei. Toccato il fondo, scaviamo pure; ma qui veramente peggio non c’è.


Category: Ricerca e Innovazione, Scuola e Università

Avatar

About Maurizio Matteuzzi: Maurizio Matteuzzi (1947) insegna Filosofia del linguaggio (Teoria e sistemi dell'Intelligenza Artificiale) e Filosofia della Scienza presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Bologna. Studioso poliedrico, ha rivolto la propria attenzione alla corrente logicista rappresentata da Leibniz e dagli esponenti della tradizione leibniziana, maturando un profondo interesse per gli autori della scuola di logica polacca (in particolare Lukasiewicz, Lesniewski e Tarski). Lo studio delle categorie semantiche e delle grammatiche categoriali rappresenta uno dei temi centrali della sua attività di ricerca. Tra le sue ultime pubblicazioni: L'occhio della mosca e il ponte di Brooklyn – Quali regole per gli oggetti del second'ordine? (in «La regola linguistica», Palermo, 2000), Why Artificial Intelligence is not a science (in Stefano Franchi and Güven Güzeldere, eds., Mechanical Bodies, Computational Minds. Artificial Intelligence from Automata to Cyborgs, M.I.T. Press, 2005). Ha svolto il ruolo di coordinatore di numerosi programmi di ricerca di importanza nazionale con le Università di Pisa, Salerno e Palermo. Fra il 1983 e il 1985 ha collaborato con la IBM e, a partire dal 1997, ha diretto diversi progetti di ricerca per conto della società FST (Fabbrica Servizi Telematici, un polo di ricerca avanzata controllato da BNL e Gruppo Moratti) riguardo alle tecniche di sicurezza in informatica, alla firma digitale e alla tecniche di crittografia. È tra i promotori del gruppo «Docenti Preoccupati» e della raccolta firme per abrogare la riforma Gelmini.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.