Gaza e le conseguenze della guerra in cifre

| 24 Settembre 2014 | Comments (0)

 

Alessandra Mecozzi, che ha preparato per “Inchiesta” luglio-settembre 2014 un Dossier su “Gaza, Palestina, Israele e il mondo” ci segnala questi dati aggiornati al 18 agosto 2014 sulle conseguenze della guerra nella striscia di Gaza. Come si può osservare  su 2.016 palestinesi uccisi, 541 sono, bambini, 250 donne e 95 persone anziane. Tra i 10.193 feriti i bambini salgono a 3.084 e le donne a a 1.970. I luoghi di culto (moschee) risultano 69 distrutte totalmente  e  150 distrutte parzialmente essendo 10 gli Ospedali che risultano distrutti. In quanto alle abitazioni 9.600 sono state totalmente distrutte e 7.600 distrutte parzialmente con un totale di 450.000 persone che hanno dovuto cercare luoghi diversi in cui vivere.

 


Category: Osservatorio Palestina

Avatar

About Alessandra Mecozzi: Alessandra Mecozzi Nata a Roma il 14 novembre 1945. Né marito né figli. Ho due sorelle, un fratello e un mucchio di nipoti, madre novantunenne. Liceo Tasso e Università La Sapienza di Roma. Laureata nel 1970 con una tesi sulla Cgil. All’Università ho conosciuto la politica e il movimento studentesco, incontrato per la prima volta il sindacato. Non iscritta a nessun partito, dopo 2 anni di FGCI. Dalla fine del 1970 alla Fiom nazionale. Dal 1974 al 1990 alla FLM prima, poi alla FIOM di Torino/Piemonte. Nel 1975, con il gruppo dell’Intercategoriale donne cgil cisl uil di Torino, conosco e pratico il femminismo, nel sindacato e alla casa delle donne. 1983: primo convegno internazionale su donne e lavoro “Produrre e riprodurre”; 1987 : costruiamo Sindacato Donna nella CGIL. La politica per la pace, la incontro a Gerusalemme e nei territori palestinesi occupati, nel 1988, con donne italiane, palestinesi e israeliane (“Donne a Gerusalemme”, Rosenberg&Sellier), dopo una breve esperienza nei campi profughi palestinesi in Libano, in seguito a un appello di Elisabetta Donini. Nel 1989, eletta nella Segreteria Nazionale della Fiom, torno a Roma. Dal 1996, responsabile dell’Ufficio internazionale e, successivamente, anche della rivista della fiom Notizie Internazionali. Contribuisco alla nascita di “Action for Peace” (2001) un progetto di molte associazioni, per la presenza di missioni civili in Palestina/Israele; dal 2002 nel Coordinamento Europeo per la Palestina (ECCP). Partecipo dal 2001 - Genoa Social Forum - al processo del Forum sociale mondiale e del Forum sociale europeo. Dal 2012, “libera dal lavoro”, sono volontaria con “Libera” per l'area medio oriente e maghreb-mashreq e presidente della associazione “Cultura è Libertà, una campagna per la Palestina”.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.