Pierpaolo Mittica: Le ceneri del mondo e l’arte della memoria urgente

| 1 Dicembre 2014 | Comments (0)

 

Fino all’11 gennaio 2015  nella Galleria Herry Bertoia, Corso  Emanuele 60 di PORDENONE è possibile visitare la mostra del fotografo Pierpaolo Mittica dal nome “Ashes/ceneri. Racconti di un fotoreporter”. Mittica ha scelto di documentare 10 ordinarie emergenze:  Balcani: dalla Bosnia al Kosovo, 1997-1999, Incredibile India, 2002-2005; Chernobyl l’eredità nascosta 2002-2007; Vite riciclate, 2007-2008; Kawah Ijen – Inferno, 2009; Piccoli schiavi, 2010; Fukushima No-Go Zone, 2011-2012; Karabash, Russia, 2013; Mayak 57, Russia 2013; Magnitogorsk, Russia 2013.

 

 

Luciano del Sette: Le ceneri del mondo in dieci capitoli

Il Manifesto 18 ottobre 2014


Dopo, la sen­sa­zione è di sen­tirti addosso sfi­ni­mento e oppres­sione. Annu­sando l’aria sem­brano entrarti nel naso odori insop­por­ta­bili, dei quali non avevi prima cono­scenza. Gli occhi non vedono la vita quo­ti­diana che abi­tual­mente met­tono a fuoco. Guar­dano ancora altrove, ai grandi ret­tan­goli appesi den­tro le stanze dove è stata alle­stita la mostra Ashes/Ceneri, di cui, fino a un istante fa, sei stato spet­ta­tore. Ed è pro­prio a lei, alla mostra, che va attri­buita la colpa, anzi il merito, di tro­varti in que­sto stato d’animo. Cen­to­cin­quanta foto­gra­fie; dicias­sette anni di repor­tage tra Bal­cani e Giap­pone, India e Ban­gla­desh, ex Unione Sovie­tica. Una sola firma: Pier­paolo Mit­tica, qua­ran­tenne, den­ti­sta e foto­grafo; oppure, e già da tempo è così, foto­grafo e den­ti­sta. Le ceneri fis­sate da Mit­tica su pel­li­cola, rare le con­ces­sioni al digi­tale, sol­tanto quando l’uso del colore si è rive­lato neces­sa­rio, sono sparse su dieci luo­ghi diversi del pia­neta. Le ha rac­colte il per­corso espo­si­tivo che Por­de­none, negli spazi della nuova Gal­le­ria comu­nale Harry Ber­toia, pro­pone fino all’11 gen­naio 2015. Pur nella diver­sità di que­sti luo­ghi, il rac­conto diventa unico, sot­teso dalla guerra distrut­trice di una città o di una nazione, dalle tra­ge­die ambien­tali che annien­tano una col­let­ti­vità o con­dan­nano a morte senza appello un intero ter­ri­to­rio e la sua gente, dalla mise­ria più estrema e (per noi) impen­sa­bile, dalla schia­vitù in ver­sione aggior­nata ai tempi moderni, da lavori ter­ri­bili pagati meno di un micro­sco­pico pugno di soldi. Va pre­messo: Mit­tica ha tra­sfor­mato in foto­gra­fia il rac­conto senza cedere di un mil­li­me­tro al pru­rito della spet­ta­co­la­riz­za­zione, si è rifiu­tato di imbrac­ciare l’arma così maneg­ge­vole del pie­ti­smo; ha tenuto a debita distanza di sicu­rezza tutto ciò che i media vogliono e impon­gono sovente a repor­ter e gior­na­li­sti quando si tratta di ‘ven­dere’ sof­fe­renza, spe­cie se l’argomento riguarda il Terzo Mondo. Altra pre­messa: guida pre­ziosa è un libretto gra­tuito, all’ingresso della mostra. Nelle sue pagine, Pier­paolo rac­conta i luo­ghi in cui si è mosso, cosa è acca­duto e lo ha spinto ad andare lì. Pre­messa finale una delle intro­du­zioni al cata­logo, a firma dello scrit­tore Luis Sepúl­veda. Porta il titolo ‘L’arte della memo­ria urgente’, eccone un passo «Le imma­gini di Pier­paolo Mit­tica hanno la forza della con­tem­po­ra­neità, ci dicono che non dob­biamo atten­dere che la sto­ria uffi­ciale passi al setac­cio tutto ciò che, invece, dob­biamo far urgen­te­mente diven­tare parte della nostra memo­ria recente». La nostra memo­ria tende ad appan­narsi e a dimen­ti­care con rapi­dità. Gli eventi dram­ma­tici si sus­se­guono, si acca­val­lano, si sovrap­pon­gono. Ciò che oggi foca­lizza l’attenzione e apre uno sce­na­rio sul quale riflet­tere, qual­che tempo dopo viene supe­rato da un altro evento. Gior­nali e tele­vi­sioni fanno la loro parte nell’oblio, salvo ripor­tare alle luce eventi quali il con­flitto dei Bal­cani, Cher­no­byl, Fuku­shima, quando ne cade l’anniversario. Poi torna il silen­zio. Ci siamo dimen­ti­cati della guerra dei Bal­cani, di Cher­no­byl, di Fuku­shima, oppure non ci ricor­diamo bene cosa avvenne. Mit­tica le rimette davanti al nostro sguardo. I Bal­cani sono mace­rie urbane e un uomo che ci cam­mina in mezzo, reso minu­scolo dalla pro­spet­tiva dello scatto; facce sper­dute die­tro i fine­strini di un bus urbano che su una fian­cata espone la pub­bli­cità mul­tiet­nica della Benet­ton; tre bam­bini, pistole — gio­cat­tolo in mano a fin­gere la guerra den­tro una guerra vera. Fango, acqua, nubi immense, quar­tieri e case disa­bi­tati per sem­pre, la vec­chia di nome Elena men­tre davanti alla sua casa guarda pas­sare una fila di ana­tre; la pic­cola Euge­nia, nove anni, amma­lata di leu­ce­mia, a mostrare dal letto la foto della bam­bina che era; la ruota e i seg­gio­lini del parco gio­chi Pry­piat che non girano più. Que­sta la Cher­no­byl di Pier­paolo tra il 2002 e il 2007. Di sobrietà potente le imma­gini di Fuku­shima, rea­liz­zate tra il 2011, quando il ter­re­moto dan­neg­giò i sistemi di sicu­rezza e di raf­fred­da­mento del reat­tore nucleare gestito dalla Tepco, e il 2012. Il repor­tage si muove tra i det­ta­gli: un giub­botto di pelle e accanto un vinile, abban­do­nati sul pavi­mento di una casa; un paio di infra­dito sotto un mobile; un calen­da­rio con la data fatale dell’11 marzo sulla parete di un uffi­cio ridotto a cumulo informe di com­pu­ter, scri­va­nie, divani, dos­sier; un super­mar­ket dopo un sac­cheg­gio; Mutzumi e altri resi­denti men­tre rac­col­gono le poche cose super­stiti della pro­pria abi­ta­zione prima di andar­sene per non tor­nare mai più; il signor Matzu­moto, con­trac­tor della Tepco, in pre­ghiera sulla tomba di fami­glia. Lacrime nasco­ste die­tro il velo di una masche­rina di protezione.

Il recu­pero della memo­ria è, tut­ta­via, solo una parte, indub­bia­mente signi­fi­ca­tiva, del lavoro di Mit­tica. Altret­tanto signi­fi­ca­tiva, infatti, è la ricerca com­piuta dal foto­grafo per togliere il velo a cata­strofi igno­rate o nasco­ste, allo sfrut­ta­mento di uomini e bam­bini, a una povertà di cui non riu­sci­remo mai ad essere pie­na­mente con­sa­pe­voli. Il dramma della povertà aleg­gia in tutti gli spazi della mostra. La sua tra­du­zione nella richie­sta di ele­mo­sina è immor­ta­lata nella foto scat­tata da un taxi di Mum­bai, mega­lo­poli indiana, sedici milioni di abi­tanti. Un uomo con la barba, tur­bante in testa, pro­tende un brac­cio, la mano spa­lan­cata, all’interno dell’auto. I suoi occhi sono sbar­rati. Pier­paolo descrive così quello scatto «Ero a bordo del taxi, fermo nel traf­fico. Il men­di­cante si affac­cia al fine­strino, tende la mano, io cerco in tasca qual­che moneta, il taxi si rimette in moto. E allora l’uomo assume un’espressione dispe­rata. Sta per­dendo gli spic­cioli della carità. Sono riu­scito lo stesso a dar­gli i soldi. La foto ha per me un valore aggiunto: in quel momento e da quell’episodio, ho comin­ciato a capire cosa fosse, e con­ti­nui ad essere, l’India dei senza nulla, del fango, degli slum». Due sale suc­ces­sive fanno entrare il visi­ta­tore in altret­tanti mondi per lui incon­ce­pi­bili. A Mum­bai, un quar­tiere di Dha­ravi, la più grande bidon­ville di tutta l’Asia, si chiama Com­pound 13; a Dhaka, capi­tale del Ban­gla­desh, oltre ses­san­ta­mila bam­bini soprav­vi­vono in strada e sono stati sopran­no­mi­nati tokai. ‘Tokai kora’ signi­fica, in lin­gua ben­gali, ‘rac­co­gliere rifiuti’. È il destino che spetta ai pic­coli di Dhaka e di Com­pound 13, arram­pi­cati per ore e ore sulle pen­dici delle disca­ri­che urbane, tra mia­smi pesti­len­ziali, pla­stica e ferro, mate­riali in decom­po­si­zione. A Dha­ravi rac­col­gono ogni giorno oltre 600 ton­nel­late di pla­stica desti­nata al rici­clo. Quanto gua­da­gnino non è dato sapere, ma di certo lo sfrut­ta­mento più igno­bile è la base su cui pog­gia il com­penso. Un’immagine emble­ma­tica: lui potrà avere dieci anni, guarda verso il basso. Reg­gendo in una mano un sacco, con un bastone nell’altra fruga in mezzo ai rifiuti. A far­gli com­pa­gnia sol­tanto il volo di grandi uccelli che aspet­tano di indi­vi­duare qual­cosa di cui nutrirsi. Dalla cima delle disca­ri­che alla cima e alle viscere di un vul­cano, il Kawah Ijen, sud dell’isola di Java, Indo­ne­sia. Mit­tica docu­menta con l’uso del colore l’inferno in cui si calano, due volte al giorno e per un mas­simo di due ore con­se­cu­tive, gli schiavi dello zolfo. Sal­gono fino alla som­mità del vul­cano, entrano nel cono rove­sciato invaso da esa­la­zioni e vapori, riem­piono di mine­rale una cesta, risal­gono, si cari­cano in spalla la cesta e, a piedi, rag­giun­gono il cen­tro di lavo­ra­zione. L’equivalente di sei euro è il com­penso gior­na­liero. La morte, le malat­tie pol­mo­nari, la cecità sono casi di ordi­na­rio accadimento.

Esi­stono, e siamo alla fine di un viag­gio che scuote la coscienza, altre Cher­no­byl. Ma chi le ha mai sen­tite nomi­nare? Si chia­mano Mayak e Kara­bash, disa­stri eco­lo­gici avve­nuti ben prima che il nome di Cher­no­byl si tra­sfor­masse in sino­nimo di cata­strofe. Tre gli ‘inci­denti’ della cen­trale nucleare di Mayak, Urali, pro­vin­cia di Che­lya­binsk, 1500 chi­lo­me­tri da Mosca, costruita nel 1948. Il primo avvenne tra il 1949 e il 1952, e riversò nel fiume Techa sco­rie ad alto livello radioat­tivo. Il secondo nel 1957, con l’esplosione di un ser­ba­toio di stoc­cag­gio di rifiuti radioat­tivi. Il terzo dieci anni dopo. Il lago Kara­chay, uti­liz­zato per river­sare le pol­veri nucleari della cen­trale, si pro­sciugò a causa di un’estate par­ti­co­lar­mente tor­rida. Un tor­nado sol­levò le pol­veri, con­ta­mi­nando un’area del dia­me­tro di 400 chi­lo­me­tri. Il conto, ad oggi, è di oltre un milione di per­sone con­ta­mi­nate, di cui il 78 per cento affette da leu­ce­mia o can­cro; il 30 per cento dei bam­bini nasce con mal­for­ma­zioni, il 50 per cento di uomini e donne è ste­rile, 25 vil­laggi sono stati eva­cuati e distrutti. La cen­trale con­ti­nua a fun­zio­nare. Kara­bash, ancora pro­vin­cia di Che­lya­binsk. Dalle note del libretto di Mit­tica «Kara­bash è uno dei luo­ghi più inqui­nati della Terra. In città opera una fon­de­ria di rame… Dal 1910, quando l’impianto ha comin­ciato a fun­zio­nare, più di 180 ton­nel­late di bios­sido di zolfo e di metalli pesanti sono state rila­sciate nell’aria ogni anno. Le fore­ste, i fiumi, la terra hanno un colore aran­cione a causa dei resi­dui della lavo­ra­zione del rame e del ferro, la cui con­cen­tra­zione è 500 volte supe­riore alla norma, Le immense emis­sioni di ani­dride sol­fo­rosa e il par­ti­co­lato atmo­sfe­rico sono rite­nuti respon­sa­bili della mag­gior inci­denza tra la popo­la­zione di malat­tie della pelle, can­cro, ictus e mal­for­ma­zioni con­ge­nite». Bianco e nero e colore si alter­nano nelle visioni spet­trali di un luogo ridotto ormai sol­tanto a un car­tello stra­dale; popo­lato di esseri umani desti­nati a morire, secondo le sta­ti­sti­che, media­mente intorno ai 45 anni; spez­zato a metà da una mon­ta­gna di detriti, bat­tez­zata ‘Black slag’, ‘Sco­ria nera’. Chiusa nel 1980 in seguito a forti pres­sioni di gruppi ambien­ta­li­sti, otto anni dopo la fon­de­ria è stata ria­perta. Lo hanno voluto gli abi­tanti di Kara­bash. Senza la pro­du­zione del rame assas­sino, qui non si vive. Ana­loga sto­ria passa attra­verso le imma­gini di Magni­to­gorsk, la città dell’acciaio, di nuovo Che­lya­binsk. «Nel ’94 ero in vacanza a Danang, Viet­nam, con amici. Giravo a fare foto. Per puro caso, capi­tai in una bidon­ville. Com­presi allora che non volevo rac­con­tare il mio viag­gio, ma il loro». Para­fra­sando: die­tro ogni grande foto­grafo c’è sem­pre una grande sen­si­bi­lità. È lei che con­ti­nua a spin­gere Pier­paolo Mit­tica fuori dalla sua Spi­lim­bergo, felice cit­ta­dina del Friuli, verso le più estreme e tra­gi­che peri­fe­rie del mondo e dei mondi.

 

 

Category: Fumetti, racconti ecc.., Osservatorio internazionale

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.