Leonardo Brogioni: Il “drone journalism”

| 1 Ottobre 2014 | Comments (0)

 

 

 

 

Diffondiamo da Qcodemag del 29 settembre 2014 di Leonardo Brogioni, @leobrogioni. Fotografo, fondatore di Polifemo. Per QCodeMag autore della rubrica HarryPopper

 

29 settembre 2014 – Il prossimo 8 ottobre nella capitale si terrà la “Roma drone conference”, un bel parla-parla sull’utilizzo dei droni patrocinato anche dall’Ordine dei Giornalisti perchè affronterà il tema del cosiddetto drone journalism.

Questi gioiellini della tecnologia infatti per poter sganciare bombe di precisione devono essere in grado di effettuare riprese aeree, fotografiche o video, in zone inaccessibili. Quindi alcune aziende, anche italiane, si sono date da fare e adesso sono pronte a immettere sul mercato dei nuovi droni appositamente studiati per giornalisti, fotoreporter e troupe tv. Piccoli aereomobili o quadricotteri radiocomandati di massimo 2 kg di peso e scarsa autonomia di volo (dai 13 ai 39 minuti).

Luciano Castro, presidente di “Roma drone”, ha dichiarato a Repubblica: “Il drone journalism rappresenta davvero la prossima sfida tecnologica per il giornalismo, anche per quello italiano. Nel prossimo futuro, piccoli droni portatili telecomandati, capaci di fornire riprese aeree ad alta risoluzione, entreranno in dotazione di troupe tv e anche di singoli inviati in zone calde. (…) ciò rappresenterà una nuova evoluzione tecnologica per la professione giornalistica, ma porrà anche non pochi problemi etici e giuridici per quanto riguarda la privacy”.

In Italia la normativa sull’uso dei droni civili in luoghi pubblici è roba recente, e la si può trovare qui [pdf]. Probabilmente ci sarà bisogno di un’aggiornamento dell’impianto legislativo sul diritto all’immagine delle persone fotografate che tenga conto delle possibili violazioni della privacy o del domicilio possibili grazie a questi aggeggi utilizzati da “zelanti” giornalisti.

L’argomento è assai delicato e il lavoro “Blue Sky Days” del fotografo Tomas Van Houtryve pare fatto apposta per sensibilizzarci in merito.

Attaccando la propria fotocamera ad alcuni droni è riuscito a realizzare foto straordinarie e formalmente perfette, con un bianco&nero da manuale e una definizione massima. Una serie di fotografie che riprendono situazioni quotidiane nell’inconsapevolezza dei soggetti.

With my camera attached to a small drone, I travelled across America to photograph the very sorts of gatherings that have become habitual targets for foreign air strikes—weddings, funerals, groups of people praying or exercising. I also flew my camera over settings in which drones are used to less lethal effect, such as prisons, oil fields, and the U.S.-Mexico border. The images captured from the drone’s perspective engage with the changing nature of surveillance, personal privacy, and war. (Tomas Van Houtryve)

Ad esse Van Houtryve ha aggiunto alcune immagini video delle riprese originali fatte con la telecamera in dotazione all’apparecchio. L’abbinamento di immagini fisse e immagini in movimento, che si puó apprezzare nel suo audiovisivo/documentario “In drones we trust”, è a dir poco inquietante per non dire agghiacciante: i soggetti risultano spiati, controllati a loro insaputa, senza alcuna possibilità di scelta, di avviso o di difesa; in momenti di relax o privati.
Purtroppo non ho trovato un link condivisibile dell’opera e mi tocca pubblicare solo un’anteprima, che comunque rende l’idea.lt;!– If you

Qui dunque si pongono i primi interrogativi: finora tutto ció che si svolge in luogo pubblico o è visibile da un luogo pubblico puó essere ripreso e pubblicato. Ma dove sta il confine aereo del domicilio? La proprietà privata e la privacy sono tridimensionali?
 Che vette può raggiungere il drone journalism?

 

Dalla rivista Focus pubblichiamo quella che è stata considerata una delle foto più belle  fatte con un Drone  (sono pubblicate su Dronestagram):

 

E sempre dalla rivista Focus questa breve notizia sul parcelcopter che è un mini elicottero presentato a Bonn in Germania e che può portare la posta (oppure torte) a domicilio (peso massimo 1,2 kg) e che costa 40.000 euro

 


Category: Nuovi media

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.