Vito Mancuso: Il principio passione. La forza che ci spinge ad amare

| 18 Ottobre 2013 | Comments (0)

 

 

Invitiamo alla lettura del libro di Vito Mancuso. Il principio passione. La forza che ci spinge ad amare. Garzanti 2013 riprendendo la presentazione che l’autore ne fa nel suo blog www.vito mancuso.it aggiornato al 18 ottobre 2013

 

“Negli anni mi sono spesso chiesto se questo mondo e questa vita meritassero di essere amati oppure no, se gli uomini meritassero di essere amati oppure no, se Dio meritasse di essere amato oppure no, rimanendo il più delle volte senza una risposta soddisfacente dal punto di vista teorico. Non per questo però ho cessato di amare il mondo e la vita, né ho cessato di amare la nobiltà cui ogni uomo può giungere se lavora onestamente su di sé esponendosi alla luce del bene e della giustizia, né ho cessato di amare l’idea sussistente di questo bene e di questa giustizia cui tradizionalmente ci si riferisce con il nome di Dio. E questo non accade solo a me, ma a tutti coloro che vedono nell’amore la definitiva dimensione dell’essere e per questo amano il mondo, gli uomini, Dio. Ma come spiegare tutto ciò? Incoerenza, follia, ingenuità? Stupidità, ignoranza, alienazione? Oppure c’è in gioco qualcosa di più profondo? La discrepanza tra l’analisi oggettiva della realtà, che condurrebbe a non amare né il mondo né l’uomo né Dio, e il sentimento interiore che non si rassegna a cadere vittima dell’indifferenza o del cinismo e fa dell’amore la più alta dimensione dell’essere, è lo spazio in cui sorge e si muove quell’energia particolare chiamata passione”. (Vito Mancuso)


Il “principio passione”, da pathos indica la dinamica in cui si trova coinvolto il vivente, una dialettica di “organizzazione e caos”, di “direzione e spinta amorfa”, di “armonia e oscurità” nella quale è nostro compito agire per incidere nella vicenda evolutiva dell’Umanità riproducendo quella relazione armoniosa che è vincente nel cosmo e che permette il processo dell’andare “verso”. Vito Mancuso, proseguendo nel suo impegno di rinnovamento, opera una nuova fondazione, questa volta di quel principio che è alla base del mondo e del vivere umano, là dove l’uomo opera, spinto da questa forza realizzatrice e positiva che è tensione verso il bene e che determina la crescita nella dimensione dello spirito. Solo impadronendosi dell’energia d’amore, riuscendo ad imbrigliare la sua potenza, si potrà dare la risposta che il mondo si attende perché si innesti quel processo costruttivo virtuoso che realizzi in pieno l’umanità dell’uomo, perchè le forme emergenti possano vincere definitivamente su quelle dell’entropia. Anche nella dimensione dello spirito l’uomo può essere costruttore, e portarla avanti divenendo in questo co-creatori nel processo evolutivo.
Il principio passione è un opera densa di teologia sistematica di respiro innovativo, che cerca di individuare la “relazione tra l’amore essenza del Dio che crea e la struttura del mondo”, tra “la forza che mette in moto il mondo e la sua riproduzione”, di sapere cosa avviene quando si ama agiendo per il bene mettendo in moto la logica del mondo o la si avversa. Una duplice questione, teologica ed antropologica, un percorso ricco che propone delle soluzioni originali allargandosi a questioni di cosmologia, filosofia della natura, biologia, fisica, comprendendo le cosmogonie delle religioni, il messaggio biblico senza trascurare il patrimonio dottrinale cattolico, discutendo tematiche di grande interesse quali l’origine della vita e il senso dell’evoluzione naturale, il problema del male e del negativo, il tutto con un’analisi dei fondamenti stessi dell’esistere.

Alla luce della passione così intesa sia come emozione dominante, che ci appassiona, sia nel senso di patimento che ci fa patire, che io presento in questo libro le mie meditazioni sul mondo, cercando di capire in che senso si possa ancora ragionevolmente affermare che esso è creato e governato da Dio, e in che senso si possa ancora sostenere che il modo più autentico di viverci sia all’insegna del bene e dell’amore”.

Innovativo il metodo seguito, una via che unisce scienza e teologia, che supera la tradizionale e sterile divisione tra l’oggetto della scienza e quello della teologia, che è unico : il mondo in cui viviamo. Nasce una teologia della vita capace di discutere con tutte le scienze e di essere all’altezza dei tempi. Come tutti precedenti anche questo lavoro è pervaso da una profonda disposizione positiva verso la vita che si manifesta nella passione con cui esprime il suo pensiero e che coinvolge il lettore. L’opera ha un’utilissima appendice in quattro parti, un’assoluta novità, di supporto alla lettura e di facile consultazione, che riassume i dati storici, ontologici degli argomenti citati, riportano testi dal vangelo, dalla bibbia e da altre opere salienti sulle tematiche trattate; e una ricchia guida bibliografica dei libri usati direttamente dall’autore e di quelli che possono essere di approfondimento alle argomentazioni. (Mimma De Maio)


Questo libro assume la passione come prospettiva da cui leggere il mondo. Il problema in particolare è l’amore, il suo posto nel mondo e nella logica che lo regge. Quando si ama, quando si vive per il bene e per la giustizia, si rafforza il nostro essere natura, oppure lo si indebolisce estinguendone la forza vitale? Mancuso ritiene che quando amiamo mettendo la passione al servizio dell’armonia delle relazioni raggiungiamo la pienezza dell’esistenza, perché il nostro amore riproduce una più ampia logica cosmica tesa da sempre all’armonia relazionale. La tesi va a toccare i fondamenti stessi del vivere e viene illustrata attraverso un confronto con le grandi tradizioni religiose, con le filosofie e con la scienza, toccando questioni di cosmologia, biologia, fisica, fino a discutere il senso filosofico del bosone di Higgs o «particella di Dio». Ma come si concilia questa visione con l’universale esperienza del male? Nell’affrontare questo tema da sempre presente nel suo pensiero, Mancuso chiama sulla scena i Mostri, le Signorie cosmiche e le Potenze sataniche di cui parla la Bibbia, in una specie di corpo a corpo metafisico con le radici stesse del negativo. Il risultato è la denuncia dell’infondatezza del dogma del peccato originale mediante cui la Chiesa ancora oggi interpreta il caos come peccato, finendo per generare inevitabili e infiniti sensi di colpa. In realtà, sostiene Mancuso, il caos non è peccato, ma l’indeterminatezza necessaria per il nascere della libertà, a sua volta condizione per la maturità dell’amore. Affascinante racconto di una profonda avventura intellettuale, Il principio passione con la sua «formula del mondo» (Logos + Caos = Pathos) si offre alla mente perplessa come una nuova guida per rinnovare in modo responsabile la fiducia nella vita, e nell’amore quale suo scopo supremo. (seconda di copertina)


Gad Lerner: Vito Mancuso e la sua nuova teologia del creato

(la Repubblica giovedì 19 settembre 2013)

 

Vito Mancuso lo fa apposta. E’ un candido, ma non un ingenuo. Credo lo diverta l’irritazione suscitata dal suo modo di interpretare e comunicare la teologia nella nutrita schiera dei puristi, più o meno credenti ma sempre devoti alla tradizione. Quelli, i puristi, lo accusano di non essere più cristiano e di osare troppo nei suoi tentativi di interpretazione del creato. Lui, Mancuso, si rammarica di come i devoti della teologia dogmatica finiscano per rendere sempre più insostenibile l’idea di Dio all’uomo contemporaneo. E allora lo fa apposta, per esempio, ad abbinare in esergo, là dove pone le domande fondamentali del suo nuovo saggio “Il principio passione” (Garzanti, pagg 495, euro ), due figure stridenti come il Cardinale Martini e Lucio Dalla: il biblista che cerca illuminazione nel logos, ovvero crede nel pensiero e nella parola come tramiti di un disegno divino dell’esistenza; e il musicista-poeta che va brancolando nel mistero del caos, riconoscendolo a sua volta divino e vitale. La scrittura di Mancuso riesce a mantenersi ironica pure quando si cimenta con gli enigmi fondamentali del cosmo, senza mai scadere nella faciloneria: così il Lucio Dalla di “Com’è profondo il mare” può sovvenirgli quando descrive l’origine acquatica del primo microrganismo LUCA “apparso tra 3,8 e 3,5 miliardi di anni fa che ormai ha sostituito il vecchio Adamo”. E’ interessante constatare come le più antiche cosmogonie e la scienza moderna convergano sulla primordialità dell’acqua. L’impianto bibliografico posto a chiusura del volume spazia per ben 23 pagine fra teologia cristiana e filosofie orientali, fra religioni politeiste e classici greci, fra ebraismo e spiritualità laica; contempla i nuovi teorici del creazionismo e oppone loro un resoconto sistematico della fisica delle particelle e della teoria dell’evoluzione. Così l’erudizione, anziché intimidirci, assolve al suo ruolo di guida per i perplessi.
Lo scopo di tale impianto poderoso è infine quello di proporre un credo semplice. Capace di avvicinare fede e ragione. Mancuso lo sintetizza nella formula: Logos + Caos = Pathos. Il principio passione, appunto, come amalgama dell’eterno conflitto tra la razionalità di un disegno superiore e la casualità materiale. Ecco cos’è il Pathos: è lo spirito vitale dell’amore divino/umano da cui scaturisce l’energia della vita in continua evoluzione. Qui Mancuso farà indispettire i teologi puristi: in origine, afferma, non vi è alcun peccato originale, come pretende la dottrina cattolica senza trovare appigli nel libro della Genesi. In principio, non c’è un peccato di cui colpevolizzarci, bensì il caos originale. Il male di cui inevitabilmente è intessuta la nostra esperienza, la stessa crudeltà insita nell’evoluzione del creato, non sono il prodotto di una volontà divina (come tale inspiegabile). Solo al prezzo di “disonesti sofismi” la dottrina cristiana vigente tenta di tenere assieme un Dio-guida artefice in toto della vicenda umana e un Dio-amorevole per sua natura votato al bene. L’unica possibilità del credente oggi è “passare dal verticismo della potenza all’armonia della relazione”. Riconoscere cioè la strutturale imperfezione dell’essere creato -come del resto la scienza ci sollecita a fare- e ammettere che questo è anche il fondamento della nostra libertà. Dio stesso, come ha affermato Benedetto XVI in contrasto col suo predecessore Giovanni Paolo II, non può aver pianificato il male a fin di bene. Né le tragedie storiche, né i cataclismi naturali, ma neppure le malattie genetiche e il dolore che permea ogni vita, possono giustificarsi come opera di Provvidenza. Ogni essere creato esce dalle mani di Dio impastato di logos e di caos, di ordine e di possibilità di infrangere l’ordine. Altrimenti, con la libertà, ci sarebbe precluso anche lo spirito capace di amore. Il pathos.
Ecco dunque il Dio in cui crede Mancuso, lieto di poter condividere tale fede con molti autorevoli esponenti della comunità scientifica: anch’Egli immerso nel caos, vi promuove quella spinta all’aggregazione senza cui l’Universo sarebbe rimasto un disordinato assemblaggio di microrganismi elementari impossibilitati all’armonia; e l’eros che ci fa amare il mondo e sopportarne il dolore, non circolerebbe fra noi.
In sintesi: “Credo in un Dio che prende così sul serio l’alleanza col mondo da essere coinvolto nel processo vitale mediante cui il mondo si fa”. E qui, accettando la perpetua costanza del male che mette in imbarazzo il Catechismo cattolico (“La permissione divina dell’attività diabolica è un grande mistero”, balbetta l’articolo 395), Mancuso si compiace di citare ancora Lucio Dalla: “Credo molto nel dolore come elemento evolutivo. Per cui credo nella poesia”.
Di fronte a chi lo accuserà di teologia facile –egli stesso non disconosce che la sua visione del divino si avvicina a quella degli animisti- mi piace constatare la sintonia rivendicata da Mancuso con la filosofia della relazione di Martin Buber. Non a caso anche il grande narratore della mistica ebraica fu oggetto di ironie sgradevoli da parte di interlocutori più rigidi come Gershom Scholem e Leo Strauss. Ma sono proprio i Mancuso e i Buber coloro che sanno avvicinare la cultura religiosa alla sensibilità popolare.
E’ infatti qualcosa di più che una tecnica narrativa brillante, quella che porta Mancuso a rileggere Giobbe e il mistero del corpo umano dilaniato alla luce della scoperta del bosone di Higgs, detto anche –guarda un po’- “particella di Dio”. Perché la spinta relazionale trova un fondamento nella fisica che studia la materia, con modalità trasferibili nella nostra dimensione spirituale. I mattoncini colorati della nostra infanzia, si diverte a notare Mancuso, non a caso si chiamavano e si chiamano ancora Lego.
E allora la forza dell’amore non è solo un escamotage per canzonette, vero Lucio Dalla?
Resta da capire come il cristiano Mancuso possa collocare la vicenda di Gesù dentro a questa visione né monarchica né anarchica, semmai “democratica” dell’evoluzione del cosmo. Un conto è rivendicare la possibilità di essere darwiniani e credenti, altro è misurarsi con la passione e la risurrezione del Figlio di Dio.
Il suo proposito dichiarato è di “schiodare la Bibbia” dall’imbarazzante contraddizione fra le pagine su Dio come amore-santità e il male che altrove la pervade; presentando così “un’idea sostenibile di Dio” che superi la contrapposizione fra teismo (il mondo governato dall’alto) e ateismo (il mondo in balìa del caso). Dunque è proprio il principio-passione a motivare la fede di Mancuso in un Cristo di cui la dottrina cattolica ha lasciato in ombra il ruolo cosmico: il suo passaggio terreno va interpretato come condivisione divina di un pathos riscontrabile in numerose altre vicende umane di martirio, fino ai giorni nostri. Cristo lo aiuta a comprendere perché l’amore possa sospingere al sacrificio di sé, votandosi al bene e accettando il dolore, tante altre figure a noi prossime. Del resto, nel suo saggio precedente (“Io e Dio”, pagg. 317-8) Mancuso aveva scritto di Gesù: “Accetto la risurrezione, ma non ne faccio il fondamento della mia fede… le parole di Gesù e la sua testimonianza di vita mi affascinano anche a prescindere dalla sua risurrezione e dai suoi miracoli”.
Lo stesso dialogo fra papa Francesco e Eugenio Scalfari avviato su questo giornale laico, conferma quanto fertile possa essere l’offerta di nuova teologia, non più intimidita dalla tradizione dogmatica. Mancuso ne ha fatto un libro affascinante, forse il suo lavoro più ardito: dove egli cerca l’incontro con gli esploratori della scienza sul terreno incognito della creazione. E dove la creazione stessa ci si ripropone come opera divina impastata di bene e di male, inspiegabile senza l’ambivalenza della passione.


Corrado Augias: Mancuso e il problema principe: la presenza del male nel mondo

(Il venerdì de La Repubblica 18 ottobre 2013)

 

Nel suo libro più alto il teologo Vito Mancuso affronta il problema dei problemi, la presenza del male nel mondo, la domanda che non ha mai avuto vera risposta come si concili il male con un Dio onnipotente e infinitamente buono. Il titolo, una volta spiegato, diventa illuminante: Il principio passione . Mancuso rifiuta la vecchia ipotesi che il male sia frutto del peccato originale tramandato attraverso le generazioni. la sua ipotesi, esposta nell’esergo, è un’altra: “il mondo è retto dalla dialettica che scaturisce da logos+caos ovvero dalla forma organizzatrice+ energia senza forma, capacità direttiva + spinta senza meta, armonia relazionale+ oscura abissalità”. Quale è il risultato dell’addizione? “un dramma esistenziale esprimibile mediante la semplice formula Logos+Caos= Pathos”. Il termine “Pathos” spesso interpretato come dolore (patologia, patetico, persino simpatia), Mancuso lo traduce in Passione. Da cui il titolo. E’ la passione, compresa la passione come superamento di fatica e dolore che permette al bene di esplicarsi, lo stesso impasto di Logos e di Caos accomuna esseri umani a Di (fatto a “immagine e somiglianza” ). Se interpreto bene, il concetto di Dio che Mancuso lascia emergere è più vicino a quello della Bibbia ebraica di quanto non lo sia quella della tradizionale teologia cattolica. Scrive infatti” Credo in un Dio che prende così sul serio l’alleanza col mondo da essere coinvolto nel processo vitale mediante cui il mondo si fa”. Il libro ha una doppia caratteristica: essere attraversato da una vasta dottrina (24 pagine di bibliografia) unita un senso profondo d’amore. Si vede il teologo (e di che livello) ma anche il cristiano nel senso migliore che la parola ha e che il comportamento delle gerarchie ha fatto spesso dimenticare. L’autore si pone di fronte alla sofferenza, l’ingiustizia, il bisogno esasperato, e strenuamente lotta: “Non perdere la speranza che il mondo abbia un senso e che questo senso sia il bene e l’amore che ne consegue”. E’ una risposta? Sicuramente lo è perché se così non fosse, se non esistesse questo anelito verso il bene “il negativo del mondo neppure emergerebbe come tale ma solo come consuetudine e normalità”. Mancuso è stato più volte sfiorato da un sospetto di eresia. Ho l’impressione che la sua teologia incontri, inaspettatamente, quella di papa Francesco.

 

 

 

 

 

 

 

Category: Culture e Religioni, Libri e librerie

Avatar

About Vito Mancuso: Vito Mancuso. Nato nel 1962 a Carate Brianza da genitori siciliani, è dottore in teologia sistematica. Dopo il liceo classico statale a Desio (Milano), ha iniziato lo studio della teologia nel Seminario arcivescovile di Milano dove al termine del quinquennio ha conseguito il Baccellierato, primo grado accademico in teologia, ed è stato ordinato sacerdote dal cardinale Carlo Maria Martini all’età di 23 anni e sei mesi. A distanza di un anno ha chiesto di essere dispensato dalla vita sacerdotale e di dedicarsi solo allo studio della teologia. Dietro indicazione del cardinal Martini ha vissuto due anni a Napoli presso il teologo Bruno Forte (attuale arcivescovo di Chieti e Presidente della Commissione Episcopale per la Dottrina della Fede della Cei), sotto la cui direzione ha conseguito il secondo grado accademico, la Licenza, presso la Facoltà Teologica “San Tommaso d’Aquino”. Vito Mancuso è un teologo italiano. E' stato docente di Teologia moderna e contemporanea presso la Facoltà di Filosofia dell’Università San Raffaele di Milano dal 2004 al 2011. I suoi scritti hanno suscitato notevole attenzione da parte del pubblico, in particolare L’anima e il suo destino (Raffaello Cortina, 2007),Io e Dio Una guida dei perplessi (Garzanti, 2011), Il principio passione La forza che ci spinge ad amare (Garzanti 2013), tre bestseller da oltre centomila copie con traduzioni in altre lingue e una poderosa rassegna stampa, radiofonica e televisiva. Il suo pensiero è oggetto di discussioni e polemiche per le posizioni non sempre allineate con le gerarchie ecclesiastiche, sia in campo etico sia in campo strettamente dogmatico. Dal 2009 è editorialista del quotidiano “la Repubblica”. I suoi ultimi libri: "La vita segreta di Gesù" (Garzanti Editore, aprile 2014) e "Io amo: Piccola filosofia dell'amore( Grazanti Editore 2014). Da marzo 2013 è docente di "Storia delle dottrine Teologiche" presso l'Università degli Studi di Padova.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.