Maurizio Scarpari: L’ibrido (im)possibile fra Confucio e democrazia

| 8 Febbraio 2019 | Comments (0)

 

Il disegno sopra riportato  ha come titolo “Can Confucianism save the world?”

Pubblichiamo l’intervento di Maurizio Scarpari apparso su «La lettura» del 3 febbraio 2019 a margine dell’intervista a Parag Khanna, autore del volume «The Future Is Asian» che uscirà in Italia con il titolo «Il secolo asiatico».

Il tema della democrazia in Asia proposto da Parag Khanna è oggetto di dibattito in Oriente e in Occidente da lungo tempo. Ci si chiede in quale misura sia possibile applicare i principi delle democrazie liberali che postulano, almeno idealmente, un’eguaglianza politica rispettosa dei diritti e degli interessi dei singoli cittadini, della pluralità dei valori e delle libertà di espressione e di asso-ciazione, a realtà che tradizionalmente tendono a privilegiare la dimensione collettiva rispetto a quella individuale e che in genere sono governate da sistemi illiberali o autoritari.

I paesi dell’Asia orientale nei quali i valori etici confuciani sono ancor oggi radicati rappresentano un caso a sé stante. Il confucianesimo è stato il fondamento della cultura e dello stile di vita dei cinesi per duemila anni e ha influenzato il pensiero e le abitudini dei popoli di vaste aree estremo-orientali. Nella Cina repubblicana di inizio Novecento e sotto la presidenza di Mao Zedong il confucianesimo fu messo al bando, accusato di essere la principale causa dell’arretratezza e dell’immobilismo dell’apparato burocratico-amministrativo imperiale e della società, rappresentando un retaggio feudale che avrebbe impedito al paese di modernizzarsi. Corea, Giappone, Taiwan, Singapore e altri paesi del Sudest asiatico sono invece riusciti a conciliare gli elementi fondamentali della tradizione confuciana con la modernizzazione, ottenendo risultati in taluni casi sorprendenti. In anni recenti la Cina è tornata sui suoi passi, promuovendo il recupero delle virtù confuciane, oppponendole ai cosiddetti “valori occidentali” ritenuti inidonei alla società cinese e dannosi per l’ordine sociale. È avvenuta una riappropriazione del proprio retaggio culturale, ritenuto funzionale al progresso armonioso della società, e anche a un suo più efficace controllo.

Ha così ripreso vigore il dibattito incentrato sul rapporto dialettico tra valori democratici e principi confuciani, tra diritti individuali e doveri sociali, tra forme di governo liberali e illiberali. In un’epoca in cui gli assetti geopolitici dell’intero pianeta sono rimessi in discussione e il concetto stesso di democrazia, nelle sue varie declinazioni, sembra aver perso il significato originario anche in Occidente, è utile volgere lo sguardo a modelli di governance diversi. Il volume di Sungmoon Kim, esperto di confucianesimo e professore di Teoria politica alla City University di Hong Kong, Democrazia confuciana in Asia Orientale. Teoria e prassi (O barra O, 2018), va in questa direzione, offrendo al lettore, specialista e non, l’opportunità di esaminare teorie di governo poco note in Italia, estrapolate dal contesto politico delle società dell’Asia Orientale.

Partendo dall’esperienza della Corea del Sud, il paese che forse più di ogni altro è imbevuto delle dottrine morali, filosofiche e religiose di matrice confuciana, Sungmoon Kim propone un modello politico tendente a valorizzare gli elementi democratici insiti nel contesto sociale, culturale ed etico confuciano, affrontando in modo critico le posizioni comunitarista e meritocratica di altre proposte esistenti. La democrazia avrebbe grande efficacia politica in Asia orientale se si fondasse sull’umanesimo e sugli “usi e costumi” confuciani che gli abitanti di diversi paesi della regione hanno profondamente interiorizzato nel corso di innumerevoli generazioni, dando vita a una forma di democrazia confuciana civica pluralista e multiculturale. Essa sarebbe il risultato della fusione tra principi liberal-democratici e confuciani, in grado di realizzare una società politicamente avanzata e di promuovere un rinnovamento culturale stimolato dalle due diverse forme di pensiero.

Tale modello è in parte già operativo in alcune realtà dell’Asia orientale, ma per ora sembra difficilmente applicabile alla Cina di Xi Jingping.

 

Category: Libri e librerie, Osservatorio Cina

About Maurizio Scarpari: Maurizio Scarpari ha insegnato Lingua cinese classica dal 1977 al 2011 presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, dove ha ricoperto diverse cariche accademiche, tra le quali quelle di Prorettore Vicario, Presidente del Consiglio dei Direttori di Dipartimento, Direttore del Dipartimento di Studi sull’Asia Orientale, componente del Consiglio di Amministrazione, del Senato Accademico e dell’Advisory Board dell’Università Ca’ Foscari. È stato anche Presidente di Ca’ Foscari Formazione e Ricerca S.r.l. e componente del Consiglio di Amministrazione dell’Ente per il Diritto allo Studio Universitario (ESU) di Venezia. Le sue ricerche riguardano principalmente la Cina pre-imperiale, i settori privilegiati sono il filologico-linguistico classico, l’archeologico e quello relativo alla storia del pensiero filosofico antico e alla sua incidenza sul pensiero politico attuale. È autore di oltre un centinaio di libri e articoli scientifici. Tra i suoi ultimi libri si segnalano Il confucianesimo. I fondamenti e i testi (Torino, Einaudi 2010) e Mencio e l’arte di governo (Venezia, Marsilio 2013). Per la collana Grandi Opere Einaudi ha curato la serie in più volumi La Cina (2009-2013). Per Inchiesta ha di recente pubblicato il saggio “Confucianesimo e religione” nel dossier “Passato e presente nella Cina d’oggi” curato da Amina Crisma (Inchiesta, XXXXIII, 181, pp. 64-96: 76-85). Insieme a L. Lanciotti ha curato la mostra di arte e archeologia cinese Cina. Nascita di un Impero (Roma, Scuderie del Quirinale, 2006-2007), insieme a S. Rastelli ha curato la mostra Il Celeste Impero. Dall’Esercito di Terracotta alla Via della Seta (Torino, Museo di Antichità, 2008), insieme a S. De Caro ha curato il catalogo della mostra I due imperi. L’aquila e il dragone. Ha inoltre fatto parte del Comitato Scientifico delle mostre 7000 anni di Cina. Arte e archeologia cinese dal Neolitico alla Dinastia degli Han (Venezia, Palazzo Ducale, 1983), Cina a Venezia. Dalla Dinastia Han a Marco Polo (Venezia, Palazzo Ducale, 1986), Cina 220 A.C. I guerrieri di Xi’an (Roma, Palazzo Venezia, 1994), Cina. Alla corte degli Imperatori. Capolavori mai visti dalla tradizione Han all’eleganza Tang (25-907) (Firenze, Palazzo Strozzi, 2008), I due imperi. L’aquila e il dragone (Milano, Palazzo Reale, 2010; Roma, Curia Iulia e Palazzo Venezia, 2010-2011).

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.