Aulo Crisma: Recensione di “Una famiglia qualunque”

| 18 Novembre 2016 | Comments (0)

 

 

Elisabetta Bertolotti, l’autrice del libro, ha un ricordo indelebile di Aldo Adriani, lo zio aviatore, precipitato a diciannove anni con il suo idrovolante sull’ isoletta San Nicolò a Parenzo, in Istria, il 1° aprile 1936.

Mi ha incontrato sul web e, saputo che ero parentino, ha voluto sapere se ero a conoscenza della tragica fine del suo congiunto avvenuta ottant’anni or sono. Ho attivato i contatti con i miei coetanei sparsi per l’Italia: i pochi ancora viventi, che allora come me erano fanciulli, conservavano la memoria della disgrazia che ha impressionato l’intera città.

Mi sono rivolto a Milivoj Debelich, parentino della nuova generazione, anche lui incontrato sul web e diventato un caro amico, che si è prodigato per rimettere la foto sulla lapide e stabilire  la comunicazione della signora Bertolotti con l’autorità turistica dell’isola.

La  figura dell’aviatore, dalla vita tanto breve, costituisce il nocciolo della narrazione. Intorno a lui viene intrecciata la storia della famiglia che non direi qualunque, come è detta nel titolo, ma piuttosto bella, interessante, viva negli affetti.

Aldo è l’unico figlio maschio tra otto sorelle. A 18 anni abbandona la natia Recco per arruolarsi volontario nella Regia Aeronautica. Dopo il corso di addestramento a Grottaglie viene trasferito alla base degli idrovolanti di Portorose, in Istria. Un bel salto dal Mar Ligure all’ Alto Adriatico dopo la breve permanenza in Puglia. Pochi mesi dopo, mentre con il suo aereo compie alcuni giri sopra il porto di Parenzo, il motore si arresta. Il diario storico del mese di aprile 1936 della Scuola Centrale di Pilotaggio Idrovolanti di Portorose registra che “il 1° aprile è occorso un incidente di volo all’idro M.7ter MM 2519 pilotato dall’allievo Serg. Pilota Adriani Aldo. Le cause dell’incidente sono da imputarsi ad un presumibile mancato riattacco del motore. Il pilota non avendo potuto far uso del paracadute è deceduto. Apparecchio e motore fuori uso”. Queste fredde parole non possono lenire il dolore dei famigliari. Ma grande è stata la partecipazione di popolo, militari e autorità ai funerali celebrati sia a Pirano che a Recco.

Nella storia della famiglia “qualunque”, che va dall’Ottocento ai giorni nostri, spiccano alcune persone fuori  dall’ordinario, come il nonno, che ha fatto l’autista a Vittorio Emanuele III ed alla regina Elena, ed il cugino geofisico che ha partecipato a nove spedizioni in Antartide. La ricerca di una lapide ha portato l’autrice a conoscere e ad amare Parenzo e ritrovare le radici della sua stirpe.

 

Eventuali acquirenti del libro  Una famiglia qualunque possono rivolgersi all’autrice cell. 339 129 19 97 oppure scrivere a bertolotti.elisabetta@gmail.com. Il libro costa 12 Euro


 

Tags:

Category: Libri e librerie

About Aulo Crisma: Aulo Crisma è nato a Parenzo nel 1927. Nel 1945 ha conseguito il diploma magistrale.Nel 1946 ha lasciato l'Istria come esule. Ha fatto il maestro elementare prima a Giazza, dove si è sposato con la collega Maria Dal Bosco, e poi a Selva di Progno. E' stato un attivo animatore culturale dirigendo il locale Centro di lettura, divenuto poi Centro sociale di educazione permanente. E' stato per molti anni corrispondente del quotidiano L'Arena di Verona. Ha condotto numerosi lavori di ricerca e documentazione sulla storia dei Cimbri, una popolazione di origine tedesca che si era insediata sui Monti Lessini verso la fine del XIII secolo, che ancora manteneva vivo nell'enclave di Giazza ,l'antico idioma alto tedesco.Ha fatto parte del Direttivo provinciale del Sinascel, sindacato nazionale della scuola elementare. Ha pubblicato "Guardie e contrabbandieri sui Monti Lessini" (con Remo Pozzerle), Ed. Taucias Gareida, Giazza-Verona, 1990; "Lessinia, una montagna espropriata" (con Remo Pozzerle), HIT Edizioni, San Martino Buonalbergo, 1999; "Bar lirnan tauc': Noi impariamo il cimbro, Ed. Curatorium Cimbricum Veronense,, Verona, 2001; "Parenzo, gente, luoghi, memoria" Ed. Itinerari educativi, Comune di Venezia, 2012. Attualmente vive con la moglie a Tencarola, in provincia di Padova, e collabora alla rivista Inchiesta.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.