Francesca Barca: A Parigi le condanne per “apologia di terrorismo” e la Legge antiterrorismo

| 13 Marzo 2015 | Comments (0)

 

 

Diffondiamo da www.unacittà.it febbraio 2015 n.219  questa lettera di Francesca Barca che vive da due anni a Parigi e, dopo essere stata studentessa alle Ehess, è attualmente redattrice della versione italiana della rivista Cafè babel com. Riportiamo dopo questa lettera la denuncia di Amnesty International su i pericoli della Legge antiterrorismo diffusa in Francia

 

E’ difficile scrivere da Parigi senza parlare, ancora, di quello che è successo a “Charlie Hebdo”. Nell’immediato l’impatto è stato molto forte, per tutti. Abbiamo vissuto giorni angoscianti: per la paura e per il dispiacere. Ora che è passato un mese sembra tutto così lontano: i mezzi pubblici funzionano, la gente passeggia.

È uno strano inverno soleggiato e mite. La sola differenza sono i militari di Vigipirate, il piano anti-terrorismo; armati e in coppia, li vedi di fronte ai “luoghi sensibili”. Se non fosse per le mimetiche e il mitra sarebbe un fatto discreto, che funziona anche a mo’ di mappa: ho scoperto sinagoghe o sedi di giornali in zone dove passeggio abitualmente che non avevo mai notato. L’inquietudine si sente invece nella cronaca: alcuni dicono che la Francia sta vivendo un momento di isteria collettiva. Non so dire se è vero, penso però che le istituzioni, come i cittadini, abbiamo dei traumi da superare. La République è stata colpita molto duramente, questa volta; oppure era da molto in vacanza, direbbe qualcun altro.

Per tornare alla cronaca: da metà gennaio sono state emesse dai tribunali francesi oltre 50 (al giorno in cui vi scrivo, il 6 febbraio) condanne per “apologia del terrorismo”, un delitto che si configura per “il fatto di provocare direttamente degli atti di terrorismo o di fare pubblicamente l’apologia di questi atti”. Per capirci, per lo stesso delitto sono state emesse solo 20 condanne tra il 1994 e il 2013. Le pene vanno fino a cinque anni di carcere e 75.000 euro di multa e, nel caso sia stato usato un “servizio di comunicazione on line”, fino a sette anni di carcere e 100.000 euro.

Molti i media che hanno riportato un elenco di queste condanne. Tra i casi segnalati alle autorità avrete sicuramente sentito parlare di Ahmed, il bimbo di 8 anni che a Nizza è stato ascoltato dalla polizia perché, rifiutandosi di partecipare al minuto di silenzio per le vittime degli attentati, ha giustificato la sua “scelta” con la frase “Io sto con i terroristi e contro le caricature”. Stessa sorte è capitata anche ad altri due bambini. Oppure di Jean-François Chazerans, professore di Filosofia in un liceo a Poitiers, che è stato sospeso con la stessa accusa, senza nemmeno sapere quali fossero le frasi “incriminate”. Ne verrà informato solo quando potrà accedere al suo dossier, ovvero un mese prima della riunione del consiglio dell’istituto (a metà marzo) che deciderà del futuro della sua carriera. Per ora è stato sospeso per quattro mesi ed è stata aperta un’inchiesta per “apologia di terrorismo”.

Poi c’è il caso di un cittadino tedesco di cui viene riportato solamente il nome, Oussama, e l’origine, l’Algeria. L’uomo avrebbe insultato un medico usando frasi antisemite (“Hai gli occhi blu, sei ebrea. Hitler non ha finito il lavoro, mi ricordo la tua faccia, tornerò ad ammazzarti”) e avrebbe elogiato le azioni dei fratelli Kouachi e di Coulibaly, sostenendo di essere un terrorista e di voler mettere una bomba sugli Champs-Elysées. Davanti al giudice ha detto di aver preso, quel giorno, 12 compresse di Valium. È stato condannato a 15 mesi di carcere.

C’è poi il caso di un uomo di 28 anni di Bourgoin-Jallieu, nel Sud-Est, che è stato condannato a sei mesi di prigione. Si sa che è affetto da una leggere deficienza mentale; oppure quello di Nourredine, 38 anni, marocchino e con problemi psichiatrici, condannato a tre mesi di prigione. Un altro giovane di 23 anni è stato condannato a 10 mesi per insulti, violenza e minacce di morte. Secondo l’accusa, durante l’arresto era ubriaco. A Orléans, un ragazzo di 20 anni è stato condannato a sei mesi senza condizionale per aver gridato a dei poliziotti fuori da un supermercato “vive la Kalach” imitando il gesto di chi spara su una folla. Si è scusato e si è detto ubriaco al momento dei fatti. A Reims, due uomini sono stati condannati per aver dato dei “bastardi” ai “colleghi [dei poliziotti] di Parigi morti”.

Non sono ancora uscite statistiche ufficiali (i dati che vi riporto arrivano da diversi media: Afp, Rue89, France24, Le Monde), ma nella maggior parte dei casi si tratta di musulmani, di persone con precedenti penali (quasi tutte le condanne sono infatti senza la condizionale) e in più di un caso di persone sotto l’effetto di stupefacenti, alcol o con problemi mentali.

Questa legge, nonostante quello che si dice e nonostante il clima di allarme e di guerra che ci viene imposto, è dello scorso novembre: un articolo che faceva parte della legge sulla stampa (quindi reato civile) è stato integrato nel codice penale. Si tratta della tanto discussa legge anti-terrorismo di Bernard Cazeneuve, pensata, almeno nel dibattito pubblico, per impedire le partenze verso la Siria o l’Iraq.

La legge, approvata in nome della guerra all’Isis, era bell’e pronta a incontrare la storia, a gennaio. Poi, il 12 dello scorso mese, subito dopo le stragi, il Ministro della Giustizia, Christiane Taubira, ha inviato una circolare a tutte le procure della Repubblica dove chiedeva la massima intransigenza nella lotta al terrorismo: “Bisogna punire con la penale più alta e con l’aggiunta dell’aggravante (il carattere razzista o antisemita)”. Nel momento in cui le fondamenta democratiche dello stato sono minacciate, ha scritto la Taubira, «la Nazione deve mostrare unità». Per ora questi sono i risultati. Sui giornali -non tanti, va detto- si è aperto il dibattito: c’è chi parla di “justice exemplaire”, quella di un paese che mostra massima fermezza e vuole dare una risposta chiara e univoca, e chi di “justice d’exception”, ovvero una giustizia “speciale” usata come arma e in maniera indiscriminata. Se ne riparlerà presto.

Amnesty International: Misure antiterrorismo in Francia, diritti umani a rischio

23 gennaio 2015

Amnesty International si è detta preoccupata per le violazioni degli standard europei e internazionali sui diritti umani che potrebbero derivare dall’applicazione delle nuove misure antiterrorismo annunciate il 21 gennaio 2015 dal primo ministro francese Manuel Valls.

 

Reati di diffamazione e insulto nel codice penale

Il governo francese ha proposto di trasferite dalla Legge sulla libertà di stampa del 1881 al codice penale i reati di “diffamazione” e “insulto”, eliminando in questo modo molte delle salvaguardie procedurali vigenti per proteggere la libertà d’espressione: la presenza di una denuncia da parte della persona o dell’ente che si ritiene diffamato o insultato, i limiti al potere di sequestro e una prescrizione di tre mesi.

Amnesty International si oppone a ogni legge che consideri reato penale la diffamazione, tanto nei confronti di personalità pubbliche che di privati, ritenendola una questione di processo civile. A seguito della recente ondata di incriminazioni per “apologia del terrorismo”, introdurre i due reati nel codice penale significherà un aumento dei procedimenti d’ufficio, in violazione della libertà d’espressione.

Le proposte in merito alla diffamazione e all’insulto comprendono l’introduzione di circostanze aggravanti, come nel caso in cui i reati siano commessi sulla base di odio etnico e razziale. L’incitamento all’odio e alla discriminazione è già punito dall’articolo R627 del codice penale.
L’articolo 20.2 del Patto internazionale sui diritti civili e politici chiede agli Stati di proibire “l’invocazione di odio nazionale, razziale o religioso che costituisca incitamento alla discriminazione, all’ostilità e alla violenza”. Tuttavia, ogni espressione discriminatoria che non costituisca invocazione o incitamento all’odio non dovrebbe essere sottoposta a sanzione penale.

Amnesty International ritiene che le limitazioni alla libertà d’espressione derivanti da questa proposta non siano necessarie né proporzionali al proclamato obiettivo di “combattere il terrorismo” e di conseguenza dovrebbero essere cancellate.

 

Blocco di siti Internet che “difendono il terrorismo”

Tra le misure annunciate dal primo ministro Valls figura un decreto, la cui pubblicazione è prevista entro due settimane, di attuazione delle misure antiterrorismo adottate nel novembre 2014 (articolo 12, legge 2014-1353 del 13 novembre 2014). Il decreto consentirà al ministro dell’Interno di obbligare i fornitori di servizi internet a bloccare siti che incitano al terrorismo o lo difendono. La proposta non fa riferimento ad alcun’autorizzazione giudiziaria né menziona procedure attraverso le quali la decisione di bloccare un sito può essere contestata in appello.

Questa misura pertanto potrebbe dar luogo a restrizioni illegali del diritto alla libertà d’espressione, soprattutto se attuata sulla base della vaga definizione di “difesa del terrorismo” introdotta nel codice penale dalla legge antiterrorismo (articolo 421.2.5 della legge 2014-1353).
Amnesty International ritiene necessarie rigorose salvaguardie giudiziarie per garantire che le decisioni di bloccare i siti Internet non violino il diritto alla libertà d’espressione.

Schedario dei terroristi

Il governo ha anche annunciato la creazione di uno schedario delle persone condannate o, forse, solo ufficialmente indagate per reati di terrorismo. Le persone inserite nello schedario dovrebbero comunicare alle autorità ogni cambio d’indirizzo o viaggio all’estero. Restano ancora molti dubbi su questa proposta, in particolare sulle categorie di persone coinvolte e sulle procedure per togliere una persona dallo schedario. Così come annunciata, vi è il rischio che l’esistenza dello schedario e le richieste di aggiornarlo con variazioni d’indirizzo e viaggi all’estero possano violare i diritti alla vita privata, alla libertà di movimento e alla presunzione d’innocenza.

Amnesty International aveva già espresso preoccupazione sugli arresti e i procedimenti per “difesa del terrorismo” seguiti agli attacchi di Parigi del 7 e dell’8 gennaio, che in molti casi sono apparsi violare il diritto alla libertà d’espressione.

Le autorità francesi devono assicurare che la loro azione non violi proprio i principi e i diritti che gli sconvolgenti attacchi di Parigi hanno colpito e che il governo è obbligato a rispettare.

 

Tags:

Category: Osservatorio Europa

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.