Barbara Spinelli replica a Renzi: Occorre un New Deal Europeo

| 3 Luglio 2014 | Comments (0)

 

 


 

Diffondiamo l’intervento di Barbara Spinelli fatto il 2 luglio 2014 , riportato su Il manifesto, al Parlamento di Strasburgo a nome della  GUE NGL (Sinistra Unitaria Europea/ Sinistra Verde Nordica)  dopo l’intervento di Renzi


Ha detto il Presidente Renzi che l’Europa muore, se non cambia e non cresce. Sarei d’accordo, se alle parole corrispondessero progetti concreti.
Tutto deve cambiare nell’Unione – le regole economiche, le istituzioni – se si vuole che rinasca un’unione solidale.
Invece il semestre italiano comincia con un’assicurazione inquietante: le regole non sono ridiscusse, anche se son loro ad aver aggravato la recessione, e una sfiducia senza precedenti nell’Europa. Né è ridiscusso il credo liberista: le cosiddette riforme strutturali (lavoro sempre più precario, riduzione delle spese pubbliche, diritti diminuiti) sono tuttora considerate condizioni indispensabili per la crescita. Tutto resta com’è, cambiano solo le parole per dirlo: «non c’è crescita senza rigore, perché il rigore è premessa della crescita». È un sillogismo divenuto intollerabile.

Quel che chiediamo al semestre italiano è un’Unione radicalmente rifondata. Non basta compiacersi della flessibilità dei parametri sugli investimenti nazionali, che nei fatti non ci è concessa. Occorre un New Deal europeo, una svolta alla Roosevelt, non fittizie esenzioni negoziate tra Stati forti e deboli.

Occorre un’Unione con risorse proprie adeguate, perché il New Deal dia lavoro a milioni che l’hanno perso.

Può esser finanziato dalla Banca europea degli investimenti, dai project bond, e dalla tassa sulle transazioni finanziarie e dalla carbon tax: due tasse che predispongono a uno sviluppo ecologico. Investire nelle infrastrutture, nelle energie rinnovabili, nella ricerca: ecco il compito.

Né va trascurata la proposta di una conferenza sul debito, simile a quella che nel ‘53 condonò i debiti di guerra della Germania e le permise di rinascere.

Compito è anche governare l’immigrazione non limitandosi a controllare le frontiere, ma creando veri corridoi umanitari per i rifugiati.

Non dice questo l’ultimo Consiglio, secondo cui spetta solo ai paesi del Sud salvare le vite nel Mediterraneo.

Nè ha avuto successo la proposta di Renzi sul mutuo riconoscimento dei richiedenti asilo.

Compito è ascoltare i cittadini, che esigono una netta rottura di continuità. Rottura nelle politiche economiche, e anche in politica estera: la pace in Europa non può più esser decisa negli Stati Uniti. Ai nostri confini con la Russia, e nel Mediterraneo, è di una pax europea che abbiamo bisogno.

E anche con l’America occorre una svolta. Renzi promette di concludere presto il Trattato sul commercio (TTIP) fra Commissione e multinazionali Usa.
 Sembra ignaro dei pericoli – distruzione di regole europee e nazionali concernenti il rispetto dell’ambiente, l’alimentazione sana, i beni comuni non privatizzabili – né pare battersi perché cessi la scandalosa segretezza dei negoziati.

Quel che vogliono gli elettori è chiaro: che i dogmi liberisti vengano meno: non hanno funzionato. Keynes diceva, poco dopo l’inizio del New Deal, che i politici sono generalmente schiavi di economisti defunti. Quel che chiedo a Matteo Renzi è di non farci credere che il Nuovo consista nella denuncia dei cosiddetti euroburocrati, e in una schiavitù ininterrotta da economisti o strateghi atlantici defunti. 
Quel che chiedo al Parlamento europeo è di dare un forte segnale che l’inizio del cambiamento nasce in quest’aula.

 

 

 

Category: Osservatorio Europa

Avatar

About Barbara Spinelli: Barbara Spinelli. Nata a Roma nel 1946 da Altiero Spinelli e Ursula Hirschmann, lui antifascista e lei ebrea (conosciutisi a Ventotene durante il confino di Spinelli e di Eugenio Colorni, marito di Ursula), inizia la carriera scrivendo articoli per "Il Globo". È stata tra i fondatori del quotidiano "La Repubblica" per passare, negli anni 1984- 1985, al "Corriere della sera" e alla "La Stampa", prima come corrispondente da Parigi, dove tuttora lavora e vive, poi come editorialista. Ad ottobre 2010 è stato ufficializzato il suo ritorno a "La Repubblica". È stata la compagna dell'economista Tommaso Padoa-Schioppa, morto il 18 dicembre 2010. Nel marzo del 2013, in seguito alle Elezioni politiche, assieme ad altri personaggi famosi, lancia una raccolta firme con l'appoggio di MicroMega con l'intento di non fare entrare al Senato Silvio Berlusconi per la questione del conflitto d'interessi facendo applicare la legge 361 del 1957, riprendendo peraltro l'iniziativa portata avanti già nel 1994 e nel 1996 da un altro comitato di personaggi e conclusasi con il parere sfavorevole della Giunta delle elezioni della Camera dei deputati. Il 14 marzo 2014 si candida alle elezioni europee del 25 maggio come Capolista per L'Altra Europa con Tsipras nelle Circoscrizione Italia centrale (che raccoglie i collegi di Toscana, Lazio, Umbria, e Marche) e nella [[Circoscrizione Italia insulare) (che comprende i collegi di Sicilia e Sardegna), dopo aver contribuito alla stesura delle liste elettorali come membro del collegio dei garanti. Con 36.759 preferenze è la prima nella Circoscrizione Centro e con 27.955 prima nella Circoscrizione Isole per la Lista Tsipras viene eletta in entrambe le due circoscrizioni (unica insieme a Moni Ovadia ad essere eletta per il partito alle Europee 2014). Sin da subito dichiara che la sua candidatura doveva principalmente dare visibilità alla lista e che avrebbe rinunciato al seggio in caso di elezione. Dando seguito a tale promessa, il 25 maggio rinuncia alla carica di europarlamentare in favore di Marco Furfaro ed Eleonora Forenza (i primi non eletti delle circoscrizioni "centro" e "sud").

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.