Radio Vaticana: Pierre Carniti e il Cardinale Bagnasco su Art.18

| 28 Settembre 2014 | Comments (0)

 

Diffondiamo da www.radiovaticana.va:

 

 

1. Pierre Carniti su art.18: sembra una recita. No a diktat del governo

www.radiovaticana.va del 20 settembre 2014

 

Da questo scontro anche aspro si arrivi ad una tutela effettiva dei lavoratori, sia di quelli più garantiti, sia dei precari”. Lo ha affermato la presidente della Camera Laura Boldrini sulle polemiche sull’articolo 18. Il segretario della Cisl Bonanni chiede a Renzi di “mantenere il profilo del premier del Governo
italiano”. Alessandro Guaraschi ha chiesto un parere a Pierre Carniti, storico leader della Cisl dal 1979 al 1985

R. – In larga misura sembra una recita. Tutto si può toccare. Si può scambiare una conquista del passato con una cosa che serva di più a governare l’attuale fase di trasformazione economica e sociale, indotta dalla globalizzazione e comunque dalla situazione economica… Questo è il punto: la recita è fatta a beneficio dei media ma non ha nessun rapporto con l’occupazione. Ammesso e non concesso che si possa abolire completamente l’articolo 18, non avremmo un posto di lavoro in più.

D. – Ma allora che cosa ci vuole secondo lei per far ripartire l’occupazione?

R. – Siccome quest’anno si dice che si vogliono tagliare 20 miliardi di spesa, se non ci sono investimenti compensativi, essenzialmente di carattere pubblico, è chiaro che continuerà, e si aggraverà la recessione e anche la deflazione. Quando sento il ministro Padoan che dice che, pur riconoscendo che l’articolo 18 riguarda un numero irrilevante di casi, però è l’effetto psicologico, ci sono investitori esteri…: io me li vedo già ammassati alle frontiere che vorrebbero fare investimenti, però essendoci l’articolo 18, si astengono dal farlo!

D. – Ma a lei non piace il metodo del confronto avviato tra governi e sindacati?

R. – Qui la cosa che non va bene è questo atteggiamento del governo che dice: provvediamo noi a fare i cambiamenti. Se il governo pensa che lo statuto dei lavoratori costituisca un impedimento a una gestione più dinamica del mercato del lavoro, convoca la parti, le mette a confronto tra di loro e dice: trovate una soluzione che vada bene. Non è che è il governo che deve decidere come deve essere scritto l’articolo 18 o il 17 o il 21. Negli ordinamenti democratici non è così che funziona.

 

 

 

2. Cardinale Bagnasco: L’art.18 non è un dogma, ma cià che conta è creare lavoro

www.radiovaticana.va del 27 settembre 2014

 

Di articolo 18, ma non solo, ha parlato a Genova il presidente della Conferenza episcopale italiana, card. Angelo Bagnasco a margine di un incontro con i rappresentanti dei sindacati confederali del capoluogo ligure. Tema principale la forte crisi industriale sotto la Lanterna. Ce ne riferisce Dino Frambati: “L’articolo 18 non è un dogma di fede e la sua abolizione serve solo se crea posti di lavoro, altrimenti non serve a niente”. Parole del cardinale Angelo Bagnasco, dopo l’incontro con i sindacati, dove ha esortato ad essere uniti, affrontare “questo nodo con la sola intenzione ed obiettivo”, di creare lavoro. “Le campagne elettorali – ha detto – non fanno mai bene per affrontare e risolvere i problemi pratici, tutto diventa un po’ falsato”. Occorre “volontà di guardare il bene comune e non il proprio futuro immediato”.

A margine l’arcivescovo di Genova e presidente Cei ha toccato anche il tema della fecondazione eterologa, sottolineando come “i bambini si generano, non si producono. Sono un dono, non un diritto”. Ed infine sul terrorismo. “Lo scenario internazionale creato da Isis in Medio Oriente è “molto preoccupante” con “inedita e quasi compiaciuta esibizione della barbarie”. Da fermare poi “la persecuzione di cristiani e minoranze religiose”. Barbarie su cui “il mondo occidentale ha taciuto troppo a lungo”. Soddisfatti i sindacati, ha dichiarato il segretario genovese Cisl Antonio Graniero: con il cardinale il discorso è stato ampio.

 

 

Tags:

Category: Culture e Religioni, Lavoro e Sindacato

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.