Gian Giacomo Migone: Un iscritto alla Cisl alla manifestazione della Cgil del 25 ottobre

| 26 Ottobre 2014 | Comments (0)

 

 

Qual è il risultato conseguito, il senso dalla manifestazione di sabato scorso? Quello di modificare in qualche misura il Jobs Act in Parlamento? Ne dubito perché Renzi è un bullo, tenace nella sua aggressività. Stimolare l’opposizione interna al PD? Si, anche se questo non è il momento della politica di schieramento. Offrire un’occasione anche gioiosa a milioni di persone – ciascuno dei presenti aveva chi lo seguiva e lo aspettava a casa – di non sentirsi soli in una condizione di disagio e di rabbia crescente? Certamente, perché la sensazione diffusa era quella di un primo passo in un cammino che andava oltre piazza San Giovanni (mai raggiunta dalla maggioranza dei manifestanti perché stracolma; non scegliere il Circo Massimo è stato un comprensibile errore di calcolo degli organizzatori).

Eppure, la verità profonda di questa manifestazione, di anziani ma anche di tanti giovani, è che essa abbia offerto un punto di aggregazione ad un’alternativa sociale di opposizione alla sempre crescente ineguaglianza che la politica oggi la politica organizzata non offre. Indispensabile non solo per andare avanti, ma per non retrocedere, con esiti difficilmente calcolabili se quell’alternativa fosse offerta dai nemici della democrazia.

Quali saranno i segni di una prosecuzione della marcia? Il suo allargamento.

Sabato, come osservava Francesco Ciafaloni, i passanti, i romani, gli immigrati, i turisti, le famiglie che si univano agli organizzati erano ancora troppo pochi. L’unità tra giovani e anziani, semigarantiti e non, occupati e disoccupati, italiani ed immigrati, è soltanto abbozzata. Perché si delinei deve crescere la pure abbozzata capacità autocritica degli organizzati, della CGIL, che ha avuto l’immenso merito di osare. Ve lo dice un iscritto della CISL! Un’altro segnale prezioso sarebbe l’apertura di una discussione all’interno della CISL e della UIL, ma anche un rapporto strategicamente coeso tra CGLI e FIOM.

Perché il sindacato cominci ad affrancarsi dalla coltre di sfiducia che oggi ricopre la politica organizzata e che oggi lo coinvolge. Unità ed autonomia dovranno tornare ad essere le parole d’ordine del nucleo organizzato di un movimento in crescita con finalità politiche.

 

 

 

Category: Lavoro e Sindacato

Avatar

About Gian Giacomo Migone: Gian Giacomo Migone (Stoccolma, 1940) è un docente e politico italiano. Vive a Torino dove insegna Storia dell’America del Nord all’Università degli Studi e dove è stato consigliere comunale dal 1990 al 1992. Dal 1992 al 2001 è stato senatore della Repubblica. Dal 1994 al 2001 ha presieduto la Commissione Esteri del Senato, è stato inoltre presidente dell’Advisory Board dello Staff College dell'ONU e della Commissione Affari Civili dell’Assemblea Parlamentare della NATO. Ha collaborato a riviste e giornali tra cui la "Rivista di storia contemporanea", "Relazioni sociali", Rivista storica italiana, l'Unità, La Stampa, Le Monde. È stato cofondatore e, dal 1984 al 1990, primo direttore de L'indice dei libri del mese. Tra le sue opere principali: Gli Stati Uniti e le prime misure di stabilizzazione della lira: estate 1926, Venezia, Marsilio, 1976; I banchieri americani e Mussolini aspetti internazionali della quota novanta, Torino, Rosenberg & Sellier, 1979; Gli Stati Uniti e il fascismo: alle origini dell'egemonia americana in Italia, Milano, Feltrinelli, 1980

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.