Francesca Re David prima donna al vertice Fiom

| 2 luglio 2017 | Comments (0)

 

Francesca Re David è la prima donna a guidare la segreteria della Fiom e le lettrici e lettori di “Inchiesta” e di www.inchiestaonline.it la conoscono  bene come risulta dai numerosi articoli che ha scritto per questa rivista (e che possono essere riletti cliccando sul suo nome nella rubrica “Lavoro e sindacato”. La redazione di Inchiesta si aggrega alle congratulazione che ha ricevuto. Pubblichiamo la notizia data dal Manifesto:

 

Massimo Franchi, Il Manifesto 30 giugno 2017

La notizia della giornata sindacale è arrivata dalla Cgil. Con la conferma dell’anticipazione data da Il Manifesto nel giorno della manifestazione di piazza San Giovanni. A sostituire Maurizio Landini alla guida della Fiom sarà Francesca Re David (nella foto), a lungo segretaria nazionale e molto vicina al leader dei metalmeccanici. Una continuità sindacale che però diventa storia: per la prima volta una donna guiderà una federazione dei metalmeccanici, rompendo i 16 anni di dominio reggiano (sia Landini che il predecessore Rinaldini vengono dalla terra di Prodi) portando una romana alla carica che fu di Bruno Trentin e Claudio Sabattini.

Se il passaggio di Landini a segretario confederale verrà ratificato dall’Assemblea generale della Cgil del 10 e 11 luglio, due giorni sarà l’assemblea della Fiom a eleggere Re David sempre su proposta di Susanna Camusso. Se si tratterà di un traghettamento fino al congresso del 2018 o di una leadership più lunga dipenderà molto anche dal contesto esterno in Cgil. Quello che anche Susanna Camusso chiama «percorso unitario» che va a superare le divisioni del congresso 2014 dovrà reggere alla prova delle tante anime della Cgil, dai riformisti ai pensionati.

Ma i presupposti ci sono tutti e la Cgil pare unita e a sinistra come non accadeva da decenni. L’entrata di Landini in segreteria Cgil porta ad un sbilanciamento di genere (6 uomini: Baseotto, Colla, Ghiselli, Martini, Massafra e Landini e solo 4 donne: Camusso, Dettori, Fracassi, Scacchetti) che sarà sanato – ha annunciato ieri Camusso – al congresso del 2018 che, se non vorrà essere sfalsato rispetto alla scadenza del mandato di 8 anni della stessa Camusso, si terrà non in primavera ma in autunno. A distanza dunque dalla campagna elettorale politica. Un congresso che se sarà unitario verrà celebrato avendo già definito il successore di Susanna Camusso.

Oltre a Landini i papabili sono la giovane segretaria dei pubblici (Fp) Serena Sorrentino e l’ex segretario dell’Emilia Romagna Vincenzo Colla. Per giocarsi al meglio le sue carte Landini nel frattempo dovrà tenere un profilo confederale, anche se è difficile immaginarselo rimanere in disparte in attesa.

 

Category: Donne, lavoro, femminismi, Lavoro e Sindacato, Politica

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.