Cgil e Flc-Cgil di Bologna: A Bologna mandare la celere in biblioteca è stata una scelta grave e inadeguata

| 11 febbraio 2017 | Comments (0)

 

 

 

Diffondiamo da radiocittadelcapo.it di Bologna dell’11 febbraio 2017   il comunicato della Cgil e Flc di Bologna

Bologna, 11 feb. – La scelta di fare intervenire la polizia per far sgomberare la biblioteca di Discipline umanistiche dell’Università di Bologna è “grave e del tutto inadeguata a risolvere il problema“. Lo scrivono, in una nota congiunta, Cgil e Flc-Cgil di Bologna, commentando così  quanto successo negli scorsi giorni in zona universitaria. Per il sindacato, “il problema del conflitto nato a causa dell’installazione dei ‘tornelli’ alla biblioteca esiste, e va affrontato, ma sicuramente non con queste modalità”. Infatti, si legge nella nota, “sono stati proprio i lavoratori e gli addetti della Biblioteca a segnalare per primi alla dirigenza dell’Università il rischio che potesse determinarsi una situazione al limite della sostenibilità, dopo essere stati oggetto di alcuni ripetuti, gravi e inaccettabili episodi di violenza verbale e minacce”. E nel ribadire la “piena e ferma solidarietà” ai lavoratori, Cgil e Flc-Cgil ricordano di aver “chiesto al Rettorato di cercare soluzioni adatte a ricomporre la situazione, tentando innanzitutto di ricostruire un dialogo con gli utenti e gli studenti in protesta e, se necessario, prendendo in considerazione la chiusura temporanea della struttura”. Infatti, tirano dritto i sindacati, “sono molte le biblioteche universitarie che prevedono misure minime di controllo agli ingressi, ma altrove non si è determinato quanto accaduto al 36 di via Zamboni”, dove tra l’altro “queste misure erano state previste nell’ottica dell’apertura fino alle 24, e non precludevano l’ingresso a nessun utente (anche se non studente)”. Tuttavia, la Cgil boccia senza appello “l’approccio muscolare” messo in campo dall’Ateneo, che “lungi dal rappresentare una soluzione positiva del problema, riesce solo ad aggiungere ulteriore tensione”, e invita l’Università, a partire dal rettore Francesco Ubertini, “a riflettere, ripartendo innanzitutto dal coinvolgimento dei lavoratori interessati”, che “potrebbero partecipare, se ascoltati, all’individuazione di soluzioni maggiormente condivise e rispondenti allo spirito dell’Università”.

16683901_1655239288103719_7194548371258802280_n

 

Tags:

Category: Lavoro e Sindacato, Libri e librerie, Osservatorio sulle città, Scuola e Università

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.