Fare inchiesta

| 15 Febbraio 2015 | Comments (0)

Leggi le domande e scrivi la tua

Se sei d’accordo, ti chiediamo di dedicare qualche minuto alla compilazione del nostro questionario. Ha lo scopo di cominciare ad aprire una relazione a partire dalle tue opinioni. Non è un indagine di mercato, ma l’apertura di un dialogo che speriamo di continuare assieme a sempre più Persone che, come noi, credono nella cooperazione tra pari come risposta alle sfide alte e morali della convivenza civile e democratica. I risultati dell’inchiesta verranno restituiti in una assemblea pubblica nel nostro territorio per decidere quali iniziative intraprendere insieme.

Chi siamo

Siamo attivisti della lista L’Altra Europa con Tsipras, Gruppo Fare Inchiesta, e crediamo che prima di tutto vengono le persone con le loro aspettative e richieste. Pensiamo che iI motto Prima le Persone che ha accompagnato la campagna elettorale scorsa sia importante e vada perseguito come prima istanza di una nuova politica.

Lo scopo dell’indagine

Obiettivo di questo progetto, assistito dalla rivista INCHIESTA (http://www.inchiestaonline.it), è capire le motivazioni che hanno portato le elettrici e gli elettori a votare o ad astenersi alle europee e quali erano le loro aspettative e quale il loro rapporto con la politica. A diversi mesi di distanza dal voto, motivazioni e aspettative sono state soddisfatte? È cambiata l’idea di ‘politica’?

La griglia di domande e l’analisi dei risultati

Le domande che troverai sono quelle poste negli incontri nei quartieri e nei paesi. Sono i dubbi di persone come noi che si sono impegnate nella campagna elettorale con L’altra Europa con Tsipras. Molte si sono ritrovate nella convinzione che oggi, più che mai, c’è bisogno di riscoprire i valori della democrazia partecipata per combattere questa deriva neoliberista che ci schiaccia sempre più in un isolamento individuale e che rompe i legami tra le persone e le generazioni.

Privacy e Riservatezza dei dati

Tutti i dati, articoli, commenti del blog inseriti dagli utenti sono pubblicati liberamente e la redazione non si considera responsabile legale dei contenuti. Questo blog è aperto ai contributi e alle vedute di molti, ma non di tutti. A condizione di non trollare, potete scrivere quel che volete, fatta salva la discriminante antifascista. Gli articoli sono registrati sotto licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 License (http://creativecommons.Org/licenses/by-nc-sa/3.0/deed.it) I contenuti presenti su Inchieste, l’analisi dei dati massivi, l’elaborazione dei risultati sono autoprodotti dalla Lista L’Altra Europa con Tsipras o presi da altre fonti di informazione presenti sul web, di cui viene sempre citata la fonte con relativo link e gestiti sotto responsabilità del Comitato di auto-indagine. Se qualcuno, persone o organizzazioni, si sente leso o danneggiato da questo meccanismo di raccolta via web è invito a contattarci per permetterci di rimediare nei modi e nei tempi sufficienti ad evitare eventuali contenziosi o conflitti. La sicurezza dei Dati, il database delle inchieste e la gestione degli accessi sono affidati unicamente al Comitato di auto-indagine della Lista Altra Europa con Tsipras, in qualità di unico titolare e responsabile secondo l’art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003. I dati verranno tratti secondo gli scopi definiti dal Blog Inchieste e non verranno ceduti, scambiati o pubblicati se non per gli scopi definiti dal Blog Inchiesta e attraverso propri sistemi e terze parti tecnologiche quali http://www.powr.io/ (http://www.powr.io/) quali potete scrivere per chiedere conferma, cancellare, modificare tutto in parte i vostri dati, scrivendo anche a privacy@inchiesteonline.it

 

Category: Fare Inchiesta

About Vittorio Capecchi: Vittorio Capecchi (1938) è professore emerito dell’Università di Bologna. Laureatosi in Economia nel 1961 all’Università Bocconi di Milano con una tesi sperimentale dedicata a “I processi stocastici markoviani per studiare la mobilità sociale”, fu segnalato e ammesso al seminario coordinato da Lazarsfeld (sociologo ebreo viennese, direttore del Bureau of Applied Social Research all'interno del Dipartimento di Sociologia della Columbia University di New York) tenuto a Gosing dal 3 al 27 luglio 1962. Nel 1975 è diventato professore ordinario di Sociologia nella Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Bologna. Negli ultimi anni ha diretto il Master “Tecnologie per la qualità della vita” dell’Università di Bologna, facendo ricerche comparate in Cina e Vietnam. Gli anni '60 a New York hanno significato per Capecchi non solo i rapporti con Lazarsfeld e la sociologia matematica, ma anche i rapporti con la radical sociology e la Montly Review, che si concretizzarono, nel 1970, in una presa di posizione radicale sulla metodologia sociologica [si veda a questo proposito Il ruolo del sociologo (a cura di P. Rossi), Il Mulino, 1972], e con la decisione di diventare direttore responsabile dell'Ufficio studi della Federazione Lavoratori Metalmeccanici (FLM), carica che manterrà fino allo scioglimento della FLM. La sua lunga e poliedrica storia intellettuale è comunque segnata da due costanti e fondamentali interessi, quello per le discipline economiche e sociali e quello per la matematica, passioni queste che si sono tradotte nella fondazione e direzione di due riviste tuttora attive: «Quality and Quantity» (rivista di modelli matematici fondata nel 1966) e «Inchiesta» (fondata nel 1971, alla quale si è aggiunta più di recente la sua versione online). Tra i suoi ultimi libri: La responsabilità sociale dell'impresa (Carocci, 2005), Valori e competizione (curato insieme a D. Bellotti, Il Mulino, 2007), Applications of Mathematics in Models, Artificial Neural Networks and Arts (con M. Buscema, P.Contucci, B. D'Amore, Springer, 2010).

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.