Oliva Novello: Vertigine

| 24 Aprile 2016 | Comments (0)

 

 

 

E’ un nuovo 25 aprile e non va dimenticato chi diede la vita per un ideale, per un mondo migliore nel quale vivere. Questi versi, scritti due anni fa, proprio il giorno della liberazione, spero possano far pensare a tutti quei martiri, ai loro ideali ed al loro sacrificio.

 

Mirano (Venezia), che annovera tra i suoi caduti diversi partigiani,  ha eretto un monumento a ricordo nella piazza centrale (vedi foto sopra) e poco lontano, in un’altra piazza, un cippo in memoria di Giovanni Falcone, ennesimo martire, di un’altra guerra, cruenta e feroce, che molto sangue ha sparso nel nostro paese.

 

 

Vertigine

 

 

Un cippo alla base di un albero

in un giorno di sole

per un morto di mafia,

profumo di garofani in fiore,

brulicante di gente la piazza.

 

Più in là il monumento a ricordo

di chi diede la vita

per consentirne altre, le nostre,

libere nella brezza primaverile,

liete per il giorno di festa.

 

Vertigine che prende

per le foglie tremule al vento,

le fragranze nell’aria,

per l’ inspiegabile unico momento

in cui la vita si mescola all’ombra

dei morti sentendosi grata.

 

 

25 aprile 2014

 

Category: Arte e Poesia, Editoriali, Politica

Avatar

About Oliva Novello: Oliva Novello nasce a Mirano (Venezia), dove tuttora vive, nel 1949. Ha svolto il suo lavoro nell’amministrazione scolastica. Amante dell’arte e della musica ha seguito per diverso tempo corsi di entrambe le discipline; da parecchi anni è corista nel gruppo musicale “Guido Cingano Ensemble”-Classic Sound, Associazione Culturale e di volontariato di cui è anche presidente. Ha fatto il suo esordio sulla scena della scrittura poetica nel 2010 con la collezione “Esitan…do”- versi in libertà; è del 2011 la seconda collezione “Foglie”- Raccolta di versi.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.