Gianni Saporetti: In ricordo di un amico, Gabriele Giunchi

| 26 novembre 2018 | Comments (0)

 

 

Bazzano (Bologna), 4 agosto 2018 – «Sono rimasto stupito nel vedere la bandiera di Lotta Continua sulla bara di Gabriele Giunchi. Gabriele nelle sue sette vite ha espresso tante cose e credo che chi ha scelto di mettere quella bandiera non ha voluto esibire un simbolo, ma uno dei tanti interessi che hanno riempito la vita di Gabriele e di chi gli stava attorno». Adriano Sofri, storico leader di Lotta Continua, ha lanciato queste parole quasi come un urlo soffocato nella mesta calura che avvolgeva il feretro al centro del cortile della Rocca dei Bentivoglio di Bazzano dove ieri si sono tenuti i funerali laici di Gabriele Giunchi, l’ex appartenente a Lotta Continua e al Movimento ’77 di Bologna, nonché fondatore del Circolo Occhi Dolci, scomparso lunedì scorso in seguito alla caduta in un crepaccio lungo un sentiero delle Dolomiti di Selva di Cadore, in provincia di Belluno. Un funerale che ha riunito attorno alla salma di Gabriele Giunchi tanti attivisti bolognesi del Movimento ’77 come Beppe Ramina, Mauro Collina, Mirco Pieralisi, Francesco Diomede, Vito Totire e Franco Berardi «Bifo». Ma anche personaggi come il giornalista Gad Lerner, il professore di storia moderna Carlo Ginzburg, figlio di Leone e Natalia Ginzburg, che ci ha detto: «Gagriele aveva una capacità di comunicazione straordinaria». E poi tanti colleghi delle scuole e dei musei civici di Bologna dove ha lavorato, insegnanti e genitori delle scuole di Bazzano e Casalecchio dove aveva portato i figli ed era stato attivo nei consigli di istituto. «Nel 2006 – ha esordito Umberto Savini, ex dirigente dell’istituto comprensivo di Bazzano – con Gabriele stendemmo uno studio su Legalità, diritti e democrazia. Come presidente del consiglio di istituto assecondava i progetti europei che riuscivo a portare nella scuola, come quello definito «Scuolaltrove» che, insieme alla nostra, coinvolgeva scuole di Francia, Portogallo, Lettonia, Romania e Bulgaria. Per lui la scuola era la «nuova agorà», tanto che assieme scrivemmo nel 2011 un libro sui 100 anni della scuola di Bazzano».Toccante la testimonianza di Gad Lerner. «Ho conosciuto Gabriele a Roma – ha ricordato – non lo vedevo da 40 anni e non riesco ad immaginarlo diverso da come era da giovane. Diverso dalla sua generosità e dalla sua dolcezza». «Quando uscimmo dal carcere in seguito ai fatti dell’11 marzo 1977 – ha raccontato Mauro Collina – con Gabriele Giunchi andammo a trovare i genitori di Francesco Lorusso, morto tra le braccia di Gabriele. E se la madre di Francesco ci fece desistere dai propositi di vendetta, Gabriele mi insegnò a scegliere la vita». A nome della famiglia è intervenuta la figlia Lucia. «La nonna è la nostra forza – ha detto – Lorenzo la tua passione, Irene la musica del tuo cuore, con Emanuel siete stati due gocce d’acqua, mentre Sonia (la seconda moglie, ndr) ti ha dato la serenità che ti meritavi». Sentito il saluto di Massimo Bosso, sindaco di Casalecchio. «Ci mancherai – ha detto – ma noi ci impegneremo per non disperdere il senso di comunità che ci hai trasmesso». «Se ci fosse stato padre Benito Fusco, oggi in India con i suoi ragazzi – è stato l’intervento di Mirco Pieralisi – ci avrebbe spiegato meglio cos’è il Paradiso. Io credo che stia nelle cose che ognuno si porta dentro. E Gabriele fu quello che nei momenti più duri, mi diceva «Stringi i pugni e guarda avanti». «Qui oggi si sono ritrovate tante storie come la sua – ha sottolineato Beppe Ramina – e, siccome era uno pratico, voglio ricordare Gabriele con alcuni versi di Olindo Guerrini: «Rischiavamo di morire, ma ci siamo divertiti tantissimo».

In ricordo di un amico, Gabriele Giunchi

L’altro mondo. Un giorno del 1969 la vetrina opaca di un negozio in abbandono di un vicolo del centro di Forlì si aprì e tre giovani, intabarrati in lunghi soprabiti di pelle, baveri alzati e capelli lunghi, molto belli, si fecero avanti e uno di loro, Gabriele, disse: “Noi vogliamo entrare”. Gli altri si chiamavano Micio e Giannetto e a loro si sarebbe aggiunto quasi subito il fratello minore di Gabriele, Danielino.

Li conoscevamo di vista, erano ragazzi “di successo”, dediti, come ha ricordato Micio al funerale, a “vestiti, feste e musica”. Frequentavano il bar giardino di Piazzale della Vittoria da dove parte quel corso della Repubblica in cui spadroneggiavano invece i giovani bene, nel nome, decisamente peggiore, delle tre esse, “sesso successo e soldi”. La meta abituale delle loro scorribande era “L’altro mondo” di Rimini, allora la discoteca più famosa d’Italia. All’improvviso, invece, l’altro mondo fu lì, in quel locale squallido, disadorno, con quattro panche di legno e un ciclostile. Si erano autoreclutati in Lotta Continua. E per noi, l’abbiamo sempre ricordato, fu un grande giorno, perché se quei giovani “senza problemi” volevano cambiare vita allora tutto sarebbe stato possibile.

Del 68 bisogna anche parlare male, certo, ma una cosa è sicura: che la facilità con cui si poteva cambiare vita fu veramente straordinaria. Quella di Gabriele cambiò completamente. Si buttò a capofitto nella militanza e si innamorò, anche, di una compagna, Marcella, che allora faceva l’operaia. Ma doveva andare soldato e forse per quello non la prese bene. Si fece del male, come si usava. E in licenza toccò a uno di noi prenderlo da parte e maltrattarlo: c’era da fare anche fra i soldati, non poteva disertare. Gabriele tornò in caserma e “fece”, eccome, tanto da guadagnarsi il carcere. Seguivamo le sue gesta da lontano, orgogliosi che uno di noi si distinguesse in quel modo, ma anche un po’ invidiosi. Nicola Chiaromonte incontrando un’amica reduce dal duro carcere spagnolo confessa la sua invidia commentando: “Non si inisce mai di essere snob”.

A distanza poi abbiamo anche analizzato le controindicazioni di quellamilitanza così intensa. Certamente in tanti abbiamo collezionato brutti ricordi e fra i peggiori ci sono certamente gli appuntamenti con persone care, bisognose di conforto, mancati per “andare alla riunione”. Ma anche nei ricordi dei vecchi militanti dei partiti della sinistra ritorna questo aspetto in qualche modo “disumano” nella vita di chi “a stella è fisso” e non si volta. È un’attenuante che pensassimo proprio di farlo, un altro mondo? Fatto sta che ci sbagliavamo di grosso e che “quel voler cambiare tutto in poco tempo” comportava una certa insensibilità, una noncuranza; quasi, al fondo, pur nella grande solidarietà e comunanza, un “non guardare in faccia a nessuno”. E, va detto, anche un carico, forse inevitabile, di arroganza, di disprezzo per chi non credeva nella “grande occasione”, di “forzatura” e di culto della forza che provocò danni gravi, a volte purtroppo irreparabili.

Di sicuro Gabriele di questo aveva fatto tesoro. Aveva imparato a voltarsi. La stessa esperienza degli “occhi dolci”, una stravagante associazione che aveva fondato quando era finito tutto, forse veniva da lì. Noi che restavamo appassionati di politica come lui, ma da “tifosi” di fronte alla tv (e ce ne saremmo accorti più tardi, una volta tornati all’impegno, che nel tifoso c’è sempre qualcosa di fascistoide) ci ridemmo su. Ma forse, in quell’esperienza, c’era qualcosa che riguardava la gentilezza, la cortesia, il valore della conversazione, dell’amicizia accanto al cameratismo, del guardarsi in faccia, appunto, cose di cui, più avanti, e oggi più che mai, avremmo sentito tutti un gran bisogno. Erano i tempi in cui un altro ex, un grande, era arrivato a capovolgere  il pur bellissimo motto olimpico, “più veloce, più alto, più forte” nel “lentius, profundius, suavius”. Ecco, i due periodi della vita di Gabriele, per altro così collegati fra loro, potrebbero forse definirsi alla luce dei due motti.

Ogni volta che ci si sentiva, per via della rivista, era sempre sereno, sempre ottimista: “Va bene, benissimo”. Aveva sempre da fare. Ma non sapevamo bene cosa. L’abbiamo saputo al funerale, dalle testimonianze di insegnanti, ex-alunni, presidi, così commosse, così riconoscenti e quasi riverenti verso il bidello Gabriele. Pensando a questo lato del suo carattere, è stato inevitabile pensare a sua madre, Alba, che allora, malgrado dovesse prendersi cura di un marito, ex-operaio licenziato politico degli anni Cinquanta, ormai chiuso in se stesso e in un suo mondo a parte, aveva aperto la casa ai compagni dei figli. Si era di casa dall’Alba. Al funerale, con lei e con Danielino, Micio e Giannetto, abbiamo rinvangato quei tempi, trovando anche il modo di riderci su. Poi abbiamo saputo che Alba, il giorno dopo il funerale, è tornata ad accudire le anziane a cui, lei pluriottantenne, dedica ancora il suo tempo.

Gabriele aveva trovato “l’altro modo” per fare politica. Quello che ha a che fare con ciò che, con una brutta espressione, si può chiamare il “governo della società”. E più che mai, dopo aver ascoltato al funerale quanto abbia potuto fare una persona sola, è stato inevitabile tornare a pensare alla mancanza del partito, di quel partito della società, che confedera i comitati, le associazioni, i singoli, senza conformarli, ma facendo scambiare le esperienze, rafforzandole nel collegarle, facendole diventare esemplari, per fornire occasioni a chi, e sono tanti, è in cerca di “una causa” a cui dedicare il proprio tempo e per cui far sacrifici. E allora vien pure da pensare che per quella via, di “un altro modo”, ci si potrebbe avvicinare alla meta, comunque certamente irraggiungibile, di “un altro mondo”. Peccato. L’occasione per fare quel partito è passata da tempo e ora anche Gabriele non c’è più.

Category: Editoriali

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.