Osservatore romano: Trentasei milioni di schiavi

| 19 Novembre 2014 | Comments (0)

 

 

Diffondiamo dall’Osservatore romano del 19 novembre 2014

WASHINGTON, 18. Dalle piantagioni di cotone e di cannabis alla prostituzione forzata, dai matrimoni precoci alla vendita e allo sfruttamento dei bambini: nel mondo la schiavitù è ancora una realtà molto diffusa e diversificata, che coinvolge quasi quaranta milioni persone, 566.000 delle quali solo nel continente europeo. Ma la regione in cui il fenomeno è più presente, con oltre diciassette milioni di persone coinvolte, resta il sud- est asiatico.

Il dato emerge dal rapporto annuale del Global Slavery Index (Gsi). «Si presuppone che la schia- vitù sia una questione di un’epoca passata o che esista solamente in Paesi devastati dalla guerra e dalla povertà, ma in verità coinvolge 167 Paesi» ha spiegato Andrew Forrest, presidente della Walk Free Foundation, l’organizzazione che si batte contro la schiavitù e il traffico di esseri umani e che realizza il rap- porto del Gsi. La schiavitù moderna — ha spiegato Forrest — «altro non è che la privazione della libertà individuale a scopo di sfruttamento», ed è un male che «non è subito visibile o di semplice individuazione».

Dalla ricerca della Walk Free Foundation emerge che la schiavitù contribuisce alla produzione di 122 tipi diversi di prodotti in 58 Paesi con una stima — fornita dall’Organizzazione mondiale del Lavoro — di 120 miliardi di euro l’anno di profitti. Insomma, la schiavitù alimenta un vero mercato internazionale, crocevia di interessi, violenze, sfruttamenti, ingiustizie. E internet ovviamente contribuisce a potenziare e a nascondere il tutto.

La schiavitù moderna non è visibile al pubblico come quella dei se- coli scorsi, e le vittime non sono facili da individuare con i metodi di indagine standard. Inoltre, spesso le stime non corrispondono alla realtà: i numeri sono molto più alti del previsto. «Dal mercato del pesce thailandese alle miniere di diamanti in Congo, alle ragazze indiane che cuciono i palloni da calcio: questo è il lavoro che noi consumiamo» sottolinea il rapporto. Nella lista nera dei Paesi con il livello più alto di schiavitù spiccano la Mauritania e l’Uzbekistan, mentre l’India si segnala per aver recentemente adottato importanti provvedimenti per arginare il fenomeno. Gli Stati che si impegnano di più per combattere la schiavitù sono attualmente l’Olanda, la Sve- zia, gli Stati Uniti, l’Australia, la Svizzera, l’Irlanda, la Norvegia, il Regno Unito, la Georgia e l’Austria. In una prospettiva globale, sono soprattutto il sud-est asiatico, l’Africa (con più di cinque milioni di schiavi) e il Sudamerica (con oltre un milione) le regioni del mondo più colpite. Il 61 per cento della schiavitù si concentra in soli cinque Paesi.

 

 

Tags:

Category: Culture e Religioni, Dichiariamo illegale la povertà, Economia, Osservatorio internazionale

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.