Valentino Parlato: Ora il Pd perda la “responsabilità” e ritorni alle lotte sociali

| 26 Febbraio 2013 | Comments (0)

 

 

 

 

DOSSIER DOPO ELEZIONI  5. Articolo diffuso in rete il 26 Febbraio arrivato in redazione attraverso Il Manifesto circolo di Bologna

Il risultato di queste elezioni è, senz’altro, negativo e anche pericoloso: la rimonta del Pdl non è il prodotto dell’abilità istrionica di Berlusconi, ma la conferma che in Italia c’è una forza consistente di destra, che nell’attuale congiuntura economica e politica può dare un duro colpo alla nostra zoppicante democrazia.

Egualmente rilevante, sul lato opposto, è il risultato del partito di Bersani, che si è compromesso con Monti e che non ha più una unità culturale e anche politica. Si aggiunga l’insuccesso delle nuove liste di sinistra. E, su tutto, pesa la crisi economica e sociale, che è ben lontana dall’esaurirsi. Per concludere il pericolo di uno spostamento a destra è innegabile.

Detto tutto questo penso che siamo al fondo della crisi politica e, forse (ed è questo quello che penso), diventa possibile, oltre che necessaria, un’inversione di rotta e una ripresa delle sinistre.

Dentro il Pd può maturare la convinzione che la linea, sedicente responsabile, di Bersani vada abbandonata e che sia vitale una netta ripresa di obiettivi di sinistra (è indubbio che l’apparentamento con Monti è stato disastroso). Il Pd dovrà convincersi a essere meno saggio e riprendere un rapporto con le forze sociali oggi massacrate dalla crisi economica e, quindi, impegnarsi seriamente nel sostegno delle rivendicazioni vitali dei lavoratori, dei disoccupati e di un ceto medio proletarizzato.

Per dirla brutalmente: meno senso di responsabilità e più impegno nella lotta sociale e politica.

In questo quadro c’è ed è importante l’incognita Grillo e non tanto il partito (che non so in che misura ci sia) quanto i suoi eletti e le personalità del suo schieramento. E da questo punto di vista mi è sembrata utile l’intervista di Nichi Vendola nella quale sollecitava una positiva attenzione allo schieramento Cinque Stelle per avviare rivendicazioni e lotte su quegli obiettivi che sono comuni e di sinistra.

Certo, c’è il detto “al peggio non c’è fine”, ma siamo a un peggio del quale mi pare impossibile andare oltre. Al punto disastroso al quale siamo arrivati mi pare inevitabile una seria autocritica delle attuali forze che si dicono di sinistra.Un’autocritica severa e intelligente e quindi l’individuazione di obiettivi di lotta politica e sociale sui quali si possa convergere con personalità del variegato schieramento del variegato movimento Cinque Stelle.

Insomma il risultato di queste elezioni è tremendo e pericoloso, ma mi pare stia maturando la coscienza che non si possa andare oltre e che sia il tempo di una analisi seria dello stato dei fatti e, quindi, di promuovere iniziative sociali e politiche in grado di cambiare rotta.

Nell’attuale situazione mi sembra possibile oltre che necessario. E’ tempo dell’ottimismo della volontà.

 

 

Category: Elezioni politiche 2013

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.