La Digos sequestra l’aula Roveri e Bartleby risponde

| 9 Marzo 2013 | Comments (0)

 

 

20. L’8 marzo 2013  alle 18,30 la Digos  è arrivata alla Facoltà di lettere con in mano un decreto di sequestro penale disposto dalla Procura sulla base di una denuncia dell’Ateneo per il “reato di occupazione di terreni e uffici”. Quando la Digos si è presentata all’Università  l’aula era chiusa all’esterno con un lucchetto che è stato forzato dagli agenti. Sono poi stati apposti i sigilli del sequestro all’aula e violarli costituisce un reato.  Bartebly ha diffuso il comunicato che riportiamo in cui si denuncia “un atto senza precedenti e quindi di inaudita gravità” sottolineando “Che l’Università di Bologna si servisse della magistratura e della Polizia per mettere sotto sequestro un’aula non era mai successo e questo segna un salto di qualità nelle modalità scelte dall’Ateneo per relazionarsi con i propri studenti”. L’Alma Mater, dunque “preferisce che un’aula sia sigillata ed inaccessibile a tutti – accusa Bartleby – cioè non solo a noi ma a chiunque altro piuttosto che lasciata alla libera iniziativa degli studenti”. Il collettivo si chiede poi come mai i 42 docenti di lettere  “ dedicano tante energie ad opporsi alle occupazioni anzichè prendere posizione contro lo smantellamento dell’Università pubblica che è sotto gli occhi di tutti”. Evidentemente “la risposta è arrivata oggi”, con l’Ateneo che “continua a negare ogni forma di dialogo”. Tra l’altro, l’Università “si assume la responsabilità di aver sequestrato per la seconda volta il fondo di Roberto Roversi”, aggiungono da Bartleby: “Sia il fondo che il resto del materiale presente in aula ci appartengono e l’Università, ora, non si nasconda dietro il sequestro per non restituirci tutto subito”. I disegni che illustrano questa risposta sono stati fatti nel  suo sito Paradox now da una disegnatrice che si presenta con il nome di Olivia e che utilizza lo pseudonimo di Paradox

Il comunicato di Bartleby: L’arte dell’obbedienza

Apprendiamo dai giornali che l’Aula Roveri è stata sigillata e posta sotto sequestro dalla Digos.
Un atto senza precedenti e di gravità assoluta. Magistratura e polizia chiamate a risolvere una questione interna all’università. La mossa finale di una strategia studiata a tavolino, che ha visto come fondamentale passaggio di legittimazione la pubblicazione della lettera di alcuni docenti della Scuola. Sono tutti d’accordo i firmatari di quella lettera, alcuni dei quali negli anni hanno preso parte a mobilitazioni contro le riforme, o ad altre iniziative da noi promosse, con l’utilizzo della polizia in università? La legalità che invocano può tradursi nella chiusura e nella criminalizzazione di qualsiasi spazio di dissenso tra gli studenti e l’Università?

E cosa pensano questi docenti di Costantino Marmo, che fino a pochi giorni fa dichiarava “rifiuto anche l’idea, che potrebbe farsi largo nella mente di qualcuno, che le aule di via Zamboni debbano essere presidiate dalle forze dell’ordine per garantire il corretto svolgimento delle attività istituzionali della Scuola. L’Università non ne deve aver bisogno”? Domande che riceverebbero una risposta. Proprio ieri rispondevamo a quella lettera invitando i firmatari a spendere tanto tempo ed energie per affrontare i veri problemi di un’università ormai al collasso, distrutta da tagli e riforme che mirano al suo smantellamento.

Con coerenza, dopo il muro in via San Petronio Vecchio, le manganellate in via Guerrazzi, ecco arrivare i sigilli per l’aula Roveri. E un nuovo sequestro per il fondo di Roberto Roversi.
Cade ogni minimo dubbio sulla presunta ricerca di un dialogo da parte dell’università. Si preferisce sottrarre uno spazio alla collettività e renderlo inutilizzabile da chiunque per via dei sigilli amministrativi, anzichè lasciarlo alla libera gestione degli studenti. Sta qui la violenza vera e propria, il salto di qualità di una gestione fallimentare dell’università di Bologna, del direttore della Scuola Costantino Marmo e dell’ineguagliabile rettore Dionigi, molto più preoccupato di distruibuire lauree ad honorem che delle riforme universitarie. Ci penseremo noi a ricordargli quali sono i veri problemi dell’università. See you soon. Bartleby

 

 


Tags:

Category: Bartleby a Bologna

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.