Raphaëlle Leyris: E’ morta la scrittrice algerina Assia Djebar, voce dell’emancipazione femminile

| 9 Febbraio 2015 | Comments (0)

 

 

  • Riceviamo da Amina Crisma questa sua traduzione dell’articolo di Raphaëlle Leyris da Le Monde del  7 febbraio 2015

Nel nom de plume che aveva adottato, si era posta sotto il doppio segno, apparentemente contraddittorio, della consolazione (è il significato di « Assia ») e dell’intransigenza (« Djebar », uno dei 99 nomi del Profeta, significa « l’intransigente ») ; nella sua esistenza la sua condizione è sempre stata fra due – fra due paesi, fra due lingue. Scrittrice e cineasta algerina, membro dell’Académie française, docente universitaria, Assia Djebar è morta il 7 febbraio, a 78 anni, in un ospedale parigino. Il suo nome era Fatma-Zohra Imalayène, era nata il 30 giugno 1936 a  Cherchell, a un centinaio di chilometri da Algeri, da un padre insegnante elementare, che fu una delle grandi figure influenti della sua vita, e da una madre che la incoraggiò sulla via degli studi e dell’emancipazione.

Adolescente, lasciò l’Algeria per Parigi, dove fu ammessa al liceo Fénelon prima di essere, nel 1955, la prima algerina ad entrare all’ École Normale Supérieure di Sèvres – e questa fu la prima di tutta una serie di sue prime volte: cinquant’anni dopo, sarà la prima fra gli scrittori del Maghreb ad assurgere all’Académie Française. Nel 1956, seguendo la parola d’ordine dell’UGEMA (Union générale degli studenti musulmani algerini) non sostiene gli esami, e invece scrive il suo primo romanzo firmato Assia Djebar : La Soif, che esce nel 1957 da Julliard, l’editore di Bonjour Tristesse (1954), a cui sarà spesso accostato questo libro, ambientato nella borghesia musulmana algerina, la cui giovane protagonista tenta di sedurre per noia il marito di un’amica.

Seguono Les Impatients, Les enfants du nouveau monde e Les alouettes naïves (Julliard, 1959, 1962 e 1967). Nel 1959, diventa docente di storia moderna e contemporanea del Maghreb alla facoltà di lettere di Rabat, fino al 1962, anno dell’indipendenza dell’Algeria, in cui torna ad Algeri per  insegnarvi storia fino al 1965, poi letteratura francofona e cinema fra il 1974 e il 1980.  Durante gli anni Settanta si consacra al cinema, interessandosi all’arabo dialettale con  il lungometraggio La nouba des femmes du Mont Chenoua, presentato alla Biennale di Venezia nel 1979 dove ottiene il Premio della Critica internazionale, poi con La Zerda et les Chants de l’oubli che sarà  premiato al Festival di Berlino del 1983 come  miglior film storico.

Nel 1980, decide di tornare a Parigi — « perché non c’erano che uomini nelle strade di Algeri », come spiegherà in seguito al Monde des livres – e alla scrittura, con i racconti Femmes d’Alger dans leur appartement (Éditions des femmes, 1980). La scelta di Parigi è legata a quella della scrittura, e al suo rapporto con il femminismo: in  Algeria, dirà, « lo spettacolo del femminile non rende possibile che una scrittura militante, di giornalismo, di protesta. Ma è proprio perché sono uno scrittore che me ne sono andata ».  Se non sono “militanti”, i suoi romanzi (L’amour, la fantasia, JC Lattès, 1985, Ombre Sultane, JC Lattès, 1987, Loin de Médine, Albin Michel, 1991, Vaste est la prison, Albin Michel, 1995), sono nondimeno profondamente pervasi dalle tematiche del femminismo, dei rapporti fra le culture, della democrazia.

Le sue opere tradotte in una ventina di lingue si guadagnano un pubblico internazionale, e nel 1995 Assia Djebar parte per gli Stati Uniti, dove insegna alla Louisiana State University di Baton Rouge e dirige il Centro di Studi francofoni della Louisiana. In questo periodo, scrive una tesi dedicata al proprio lavoro che discuterà nel 1999: “Il romanzo maghrebino francofono, fra le lingue e le culture. 40 anni di un percorso: Assia Djebar 1957-1997 ». Lo stesso anno, pubblica un saggio Ces voix qui m’assiègent : En marge de ma francophonie (Queste voci che mi assediamo: in margine alla mia francofonia) (Albin Michel), e nel 2000 riceve il Premio della Pace degli editori tedeschi. Nel 2001, inizia a insegnare alla New York State University, senza peraltro abbandonare la scrittura, e pubblica nel 2002 un romanzo autobiografico, Femme sans sépulture (Albin Michel). Continua a ottenere premi e riconoscimenti all’estero, e nel 2005 è ammessa all’ l’Académie française (è la quinta donna a essere insignita di tale onore). Nel suo discorso di ammissione pronunciato l’anno seguente, dichiara di entrarvi “con le ombre ancora vive dei miei confratelli – scrittori, giornalisti, intellettuali, donne e uomini d’Algeria che negli anni Novanta hanno pagato con la vita il fatto di scrivere, di esporre le loro idee o semplicemente di insegnare in lingua francese”, e celebra questa lingua, che definisce “luogo di approfondimento del mio lavoro, spazio della mia meditazione e del mio fantasticare, e forse anche approdo della mia utopia »

Più volte si è fatto il suo nome per il Premio Nobel per la letteratura, la sua opera è tradotta in una ventina di lingue, ma occorrerà attendere il 2014 perché sia pubblicato in arabo un suo libro, Nulle part dans la maison de mon père (Fayard, 2007). Assia Djebar sarà sepolta nel villaggio in cui è nata.

 

Libri di Assia Djebar tradotti in italiano:

Donne d’Algeri nei loro appartamenti, Lontano da Medina, Figlie di Ismaele, Nel cuore della notte algerina, Le notti di Strasburgo, Vasta è la prigione, Ombra sultana, L’amore, la guerra, Bianco d’Algeria.

 

 


 

 

Tags:

Category: Donne, lavoro, femminismi, Libri e librerie

About Amina Crisma: Amina Crisma ha studiato all’Università di Venezia conseguendovi le lauree in Filosofia, in Lingua e Letteratura Cinese, e il PhD in Studi sull’Asia Orientale. Insegna Filosofie dell’Asia Orientale all’Università di Bologna; ha insegnato Sinologia e Storia delle religioni della Cina alle Università di Padova e di Urbino. Fa parte dell’Associazione Italiana Studi Cinesi (AISC) e, come socia aggregata, del Coordinamento Teologhe Italiane (CTI). Ha conseguito l’abilitazione scientifica nazionale a professore di seconda fascia per l’insegnamento di Culture dell’Asia. Tra le sue pubblicazioni: Il Cielo, gli uomini (Venezia 2000); Conflitto e armonia nel pensiero cinese (Padova 2004); Neiye, Il Tao dell'armonia interiore (Garzanti, Milano 2015). Ha contribuito a varie opere collettanee quali La Cina (Torino 2009), Per una filosofia interculturale (Milano 2008), Réformes (Berlin 2007), In the Image of God (Berlin 2010), Dizionario del sapere storico-religioso del Novecento (Bologna 2010), Confucio re senza corona (Milano 2011), Le graphie della cicogna: la scrittura delle donne come ri-velazione (Padova 2012), Pensare il Sé a Oriente e a Occidente (Milano 2012). Fra le riviste a cui collabora, oltre a Inchiesta, vi sono Asiatica Venetiana, Cosmopolis, Giornale Critico di Storia delle Idee, Ėtudes interculturelles, Mediterranean Journal of Human Rights, Prometeo. Fra le sue traduzioni e curatele, la Storia del pensiero cinese di A. Cheng (Torino 2000), La via della bellezza di Li Zehou (Torino 2004), Grecia e Cina di G.E.R. Lloyd (Milano 2008). Tra i suoi saggi più recenti: Il confucianesimo: essenza della sinità o costruzione interculturale?(Prometeo 119, 2012), Attualità di Mencio (Inchiesta online 2013), Passato e presente nella Cina d’oggi (Inchiesta 181, 2013), Taoismo, confucianesimo e questione di genere nelle ricerche e nei dibattiti contemporanei (in stampa). I suoi ambiti di ricerca sono: il confucianesimo classico e contemporaneo, le fonti taoiste, il dialogo interculturale Cina/Occidente, il rapporto passato/presente, tradizione/modernità nella Cina d’oggi, i diritti umani e le minoranze in Cina, le culture della diaspora cinese, le questioni di genere nelle tradizioni del pensiero cinese. Ha partecipato a vari convegni internazionali sul dialogo interculturale e interreligioso promossi dalle Chaires UNESCO for Religious Pluralism and Peace di Bologna, di Tunisi, di Lione, dalla Konrad Adenauer Stiftung di Amman, da Religions for Peace, dalla Fondazione Scienze Religiose di Bologna. Coordina l’Osservatorio Cina di valorelavoro ( www.valorelavoro.com ). Cv dettagliato con elenco completo delle pubblicazioni: al sito web docente www.unibo.it

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.