Femminismo e tecnologia: Arriva Herstory di Valeria Santini e Giovanna Olivieri

| 21 Dicembre 2015 | Comments (0)

Diffondiamo da www.noidonne.org del 21 dicembre  un testo di Tiziana Bartolini su Herstory  (www.herstory.it)

*

Metti la storia de femminismo e i materiali di un archivio con decine di migliaia di documenti, metti la memoria storica e la passione per le lotte delle donne, miscela energicamente con dosi di tecnologia e il risultato è una “speciale guida ai luoghi di attività e mobilitazione delle donne di Roma e del Lazio che offre un primo censimento localizzato di gruppi, collettivi, Centri e Associazioni delle donne”. Si chiama Herstory. I  luoghi delle donne ed è una App realizzata grazie ad un progetto finanziato dalla Regione Lazio (bando “Innovazione sostantivo femminile”) ideato da Valeria SantiniGiovanna Olivieri.
*
Quest’ultima spiega come orientarsi nella navigazione.
“Le carte interattive sono organizzate cronologicamente. Le Mappe degli anni ’70 e ’80 individuano la posizione di oltre 300 sedi e la ‘Mappa anni successivi’ contiene anche segnalazioni di attività commerciali attualmente gestite da donne. Cliccando su ciascun segnaposto delle mappe si può raggiungere il luogo tramite navigatore e consultare una scheda informativa sintetica che rimanda alle pagine del sito, www.herstory.it”.
*
La App è dunque uno strumento che propone una sorta di visita guidata attraverso i luoghi che hanno fatto la storia del movimento delle donne romane.
“Sì e c’è anche la ‘Mappa Manifestazioni’ che propone una panoramica fotografica delle mobilitazioni, contro o a favore di”.
*
Quali documenti avete maggiormente usato?
“Soprattutto le fotografie di eventi e manifestazioni – selezionate fra le 35mila del nostro archivio – mettono in scena il cambiamento dei modelli di rappresentazione del femminile prodotti dalla conquista del diritto alla parola nello spazio pubblico; richiamano alla memoria momenti dimenticati o cancellati del protagonismo femminile; costruiscono di per sé un racconto, grazie alle/i fotografe/i che con professionalità straordinaria per rigore e bellezza formale hanno messo una passione particolare e caparbia nell’indagare un femminile poco o male rappresentato. Però sono stati selezionati anche documenti, volantini, ritagli e manifesti conservati ad Archivia con l’obiettivo di delineare le caratteristiche, o testimoniare l’esistenza, dei gruppi della mappa, proponendo contestualmente una scheda di approfondimento”.
*
Che tipi di documenti conserva Archivia?
“A partire dalla comune rivendicazione di una nuova soggettività, le tracce conservate negli Archivi che sono poi confluiti in Archivia, sono diverse: i collettivi femministi più forti, perché più eterogenei e longevi, più decisi nell’intervento all’esterno o più consapevoli dell’importanza della comunicazione scritta, hanno lasciato più testimonianze, pubblicazioni etc e assumono quindi una maggiore rilevanza”. Una App che guida ad una visita – o ad una rivisitazione – del patrimonio ideale e culturale con cui il femminismo ha vivificato la Capitale, soprattutto in alcuni decenni. Un patrimonio da scoprire o ripercorrere scaricando gratuitamente la App e visitando il sito collegato.

 

 

ARCHIVIA
Archivia – associazione di volontariato fondata nel 2003 – ha sede nella Casa Internazionale delle donne di Roma, Via della Lungara, 19 e conserva più di 20mila volumi e 700 testate giornalistiche consentendone la consultazione gratuita (catalogo su opacuniroma1.it) e realizza attività di valorizzazione e diffusione della cultura e della storia delle donne anche con prodotti multimediali e varie iniziative.

 

Category: Documentari, Donne, lavoro, femminismi, Nuovi media

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.