Farah Baker: Ho 16 anni e vivo a Gaza. Potrei morire questa notte

| 29 Luglio 2014 | Comments (0)

 

Sul twitter scritto in inglese  si firma Farah Gazan. Il twitter è stato ripreso in Italia da Repubblica, Arcoris. Reset-Italia-net  il 28 e il 29 luglio e nel tweet sono state riportate le foto della scritta e del volto di Farah insieme al video delle bombe di cui riportiamo alcune immagini


“Questa guerra mi ha tolto ogni  gioia”, dice Farah  Baker (@Farah_Gazan su Twitter), che a 16 anni ha già  vissuto tre successive guerre sulla Striscia di Gaza.

E scrive: “La vita è diventata noiosa, perché non ho messo piede sul marciapiede dal 7 luglio,  è pericoloso. Mi manca di potermi incontrare con  i miei amici,  fuori. La vita è diventata piena di stress e paura.  A causa del forte rumore dei bombardamenti, degli  aerei da guerra israeliani che  bombardano a caso le case dei civili così mi sento insicura , ed è terribile  continuare ad ascoltare tutto il tempo quel suono che odi: il suono dei droni . Questo ha reso però il rapporto ancora più forte, tra me e la mia  mia famiglia.Sto spendendo tutto il mio tempo con loro. Inoltre mi fa sapere che i miei amici sono coloro che si prendono cura di me. La situazione è  orribile,  civili innocenti stanno morendo . Non posso sopportare di vedere i miei fratelli e le mie sorelle tagliate  a  pezzi o bruciati. Sono stupito dai leader arabi. Non riesco proprio a capire come possano continuare a guardare noi che moriamo ogni giorno, senza nemmeno preoccuparsi! Non si rendono conto che  la mia casa può essere bombardata in qualsiasi momento. Non voglio un cessate il fuoco  senza che  l’assedio di Gaza sia  revocato. Non possiamo tornare a come stavamo prima.

Mi sento sicura, e anche forte e coraggiosa, ho  la volontà di sfidare i media, mostrando al mondo esattamente ciò che sta accadendo a Gaza senza il timore di essere un giorno arrestata da Israele.

Ieri con Gaza al buio, perchè l’ unica centrale elettrica è stata bombardata, ha aggiunto: “I might die tonight”. Potrei morire questa notte.

Messaggio successivo: “Ogni volta che mia sorella di sei anni sente cadere le bombe si copre le orecchie e piange e urla per non sentirle”; “Piango, non sopporto il rumore delle bombe. Sto per perdere il senso dell’udito”,

Scrive allegando foto e video ai suoi commenti. Tra i messaggi più recenti c’è una rassicurazione: “Sono sopravvissuta alla scorsa notte, sono viva”.

 

 

 

 

Doriana Goracci che ha tradotto per Reset-italia le frasi twitter prima trascritte fa anche questa precisazione: “Nonostante alcune testate internazionali abbiano tentato di mettersi in contatto con lei, al momento ancora nessuno è riuscito a verificare l’attendibilità del suo profilo Twitter e soprattutto ad avere la certezza che sia gestito realmente dalla sedicenne palestinese.”

 


Il suo account Twitter è attivo dal 2012 ma è nelle ultime ore che i suoi followers sono aumentati a tal punto da attirare l’attenzione dei media. Farah Barker, che sul social network è @Farah_Gazan, è una ragazza palestinese di 16 anni che questa notte ha mostrato in live-tweet le bombe che cadevano su Gaza. “Questa è nella mia area. Non riesco a smettere di piangere. Potrei morire stanotte”, scriveva il 28 luglio nella didascalia di una delle immagini. “Ho 16 anni e ho assistito a tre guerre, per come la vedo io questa è la più difficile”, si legge ancora sul suo profilo, insieme ad altri tweet come “Ogni volta che mia sorella d

 

Category: Donne, lavoro, femminismi, Osservatorio Palestina

Avatar

About Redazione: Alla Redazione operativa e a quella allargata di Inchiesta partecipano: Mario Agostinelli, Bruno Amoroso, Laura Balbo, Luciano Berselli, Eloisa Betti, Roberto Bianco, Franca Bimbi, Loris Campetti, Saveria Capecchi, Simonetta Capecchi, Vittorio Capecchi, Carla Caprioli, Sergio Caserta, Tommaso Cerusici, Francesco Ciafaloni, Alberto Cini, Barbara Cologna, Laura Corradi, Chiara Cretella, Amina Crisma, Aulo Crisma, Roberto Dall'Olio, Vilmo Ferri, Barbara Floridia, Maria Fogliaro, Andrea Gallina, Massimiliano Geraci, Ivan Franceschini, Franco di Giangirolamo, Bruno Giorgini, Bruno Maggi, Maurizio Matteuzzi, Donata Meneghelli, Marina Montella, Giovanni Mottura, Oliva Novello, Riccardo Petrella, Gabriele Polo, Enrico Pugliese, Emilio Rebecchi, Enrico Rebeggiani, Tiziano Rinaldini, Nello Rubattu, Gino Rubini, Gianni Scaltriti, Maurizio Scarpari, Angiolo Tavanti, Marco Trotta, Gian Luca Valentini, Luigi Zanolio.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.