Aulo Crisma: I lupi sui monti Lessini

| 10 Ottobre 2016 | Comments (0)

 

L’immagine del lupo in alto accompagna il testo dell’articolo di www.veronasera.it del 16 agosto 2016 :”Nata la terza cucciolata di lupi da Goilietta e Slavc su i monti della Lessinia”: Sei lupacchiotti per ‘Giulietta’ e ‘Slavc’, i due lupi – il maschio d’origine balcanica, la femmina di razza italica – che dal 2012 vivono stabilmente sui monti della Lessinia veronese. La nuova cucciolata – sei sono i piccoli contati con certezza, ma potrebbero essere di più – è stata scoperta dai Forestali del Comando stazione di Bosco Chiesanuova (Verona) e dal personale del Parco della Lessinia. Alcune splendide immagini dei cuccioli sono state realizzate dal fotografo Roberto Zendri dell’Associazione Amici della Fotografia NaturAla e poi condivise su Facebook. Quella formata da Giulietta e Slavc è la prima coppia di lupo delle Alpi orientali monitorata costantemente dagli uomini della Forestale. Questa è la terza cucciolata per i due lupi della Lessinia. L’elevato tasso di mortalità dei cuccioli durante il primo inverno (60%-80% dopo il primo anno di vita) e la naturale propensione all’allontanamento dal nucleo originario, consentono al branco di autoregolarsi numericamente. I lupacchiotti generalmente rimangono nel nucleo familiare fino a 1-2 anni di vita, poi raggiunta l’età adulta. L’immagine successiva è di “un lupo su i monti Lessini” identificato come “Predatore” in un articolo molto più preoccupato del “trentinocorrieredellealpi.it. Si deve stare dalla parte dei lupi oppure gridare “Attenti al lupo”?. “Inchiesta” ha chiesto un  parere ad Aulo Crisma, storico della Lessinia e corrispondente di Inchiestaonline.it nella rubrica “Osservatorio delle comunità montane”:

 

Qualche anno fa un lupo proveniente dai Balcani, dopo una lunga odissea monitorata dal collare che portava, s’è fermato sui Monti Lessini nel Veronese. Qui è giunta anche una lupa, senza collare, per cui non si conosce la sua provenienza. I due si sono messi insieme e hanno figliato dei cuccioli. Divenuti grandi, per sbarcare il lunario, hanno rivolto le loro per nulla amichevoli attenzioni alle giovenche che pascolano tranquille durante la stagione estiva. Attenzioni che si concludono anche con spargimento di sangue.  I mandriani delle oltre trecento malghe non accettano il fatto che si voglia proteggere i lupi invece che il loro bestiame : i lupi qui non c’erano quando i nostri antenati cimbri hanno faticosamente disboscato i terreni per trasformarli in prati stabili.

Da un documento dell’archivio comunale di Selva di Progno del 1817 si apprende che “nella Selva così detta Perchiof” viene scoperto un lupo che sbrana una pecora e una capra. La fiera viene uccisa. La Deputazione Comunale partecipa alla R. Cancelleria di Badia Calavena l’uccisione di un lupo in questo comune e fa conoscere la lusinga degli uccisori di ottenere un premio”. Oggi il premio consisterebbe certamente in una pesante contravvenzione.

Da una pagina di Repubblica in data 9 ottobre si apprende che Rober Paine, scienziato e studioso, dell’ Università di Washington a Seattle, già alla metà degli anni Sessanta, aveva individuato la “specie chiave”, l’elemento che condiziona un intero ecosistema e prevale su tutto. La sua teoria ha ispirato l’introduzione del lupo nel parco di Yellowstone per contenere la popolazione degli alci che, altrimenti, “avrebbe fatto piazza pulita di pioppi e salici.

In Lessinia non ci sono né alci da contenere né alberi da salvaguardare. Le mucche brucano pacificamente l’erba sostenendo la secolare attività lattierocasearia dei montanari che vedono la presenza dei lupi come un’aggravante alle pesanti difficoltà dovute alla scarsa rimunerazione del loro prodotto. E’ forse il lupo la “specie chiave” sui Monti Lessini?

 

Category: Ambiente, Animali e piante, Aulo Crisma e la rivista "inchiesta", Osservatorio comunità montane

Avatar

About Aulo Crisma: Aulo Crisma è nato a Parenzo nel 1927. Nel 1945 ha conseguito il diploma magistrale.Nel 1946 ha lasciato l'Istria come esule. Ha fatto il maestro elementare prima a Giazza, dove si è sposato con la collega Maria Dal Bosco, e poi a Selva di Progno. E' stato un attivo animatore culturale dirigendo il locale Centro di lettura, divenuto poi Centro sociale di educazione permanente. E' stato per molti anni corrispondente del quotidiano L'Arena di Verona. Ha condotto numerosi lavori di ricerca e documentazione sulla storia dei Cimbri, una popolazione di origine tedesca che si era insediata sui Monti Lessini verso la fine del XIII secolo, che ancora manteneva vivo nell'enclave di Giazza ,l'antico idioma alto tedesco.Ha fatto parte del Direttivo provinciale del Sinascel, sindacato nazionale della scuola elementare. Ha pubblicato "Guardie e contrabbandieri sui Monti Lessini" (con Remo Pozzerle), Ed. Taucias Gareida, Giazza-Verona, 1990; "Lessinia, una montagna espropriata" (con Remo Pozzerle), HIT Edizioni, San Martino Buonalbergo, 1999; "Bar lirnan tauc': Noi impariamo il cimbro, Ed. Curatorium Cimbricum Veronense,, Verona, 2001; "Parenzo, gente, luoghi, memoria" Ed. Itinerari educativi, Comune di Venezia, 2012. Attualmente vive con la moglie a Tencarola, in provincia di Padova, e collabora alla rivista Inchiesta.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.