Agnese Girlanda: Na presina de sol

| 29 marzo 2018 | Comments (0)

 

 

 

CARO DIALETO

Là, sul meàl de ‘na contrà

che pìsola fra aleluja de rose

e amen de ortighe,

podarea saltar fora ’na noneta

da’n cucugnel bianco che,

co ‘na parlantina svelta

nel dialeto de la so stirpe,

te snosela on fiume de ciàciare s-cete.

Magari,

co ’na cioca del grombial

mendà da angonare de passiensa,

la se sugarà i oci tirando in bàl

fesonomie scancelé dal tempo,

da pelagre…guere…

El so dir,

infrusinà da’n fogolar de àni,

l’è ‘na carta carbon che à salvà

caresè de àcenti, drento al derlo

de la so mente, nespole misse,

fraché ne la paja,

el caro vernacolo, anca se stramencià

da parole a la moda,

l’è ‘na somensa da salvar, ‘n’ostia

da metar ne la boca del cor

de ci nassarà anca dopodoman!

CARO DIALETTO – Là, sulla soglia di una contrada / appisolata fra alleluia di rose / e amen di ortiche, / potrebbe uscire una nonnina / con uno chignon bianco che,/ con una parlantina svelta / nel dialetto della sua stirpe, / ti snocciola un fiume di chiacchiere schiette. // Magari, / con una ciocca del grembiule / rammendato da gugliate di pazienza,/ si asciugherà gli occhi, tirando in ballo / fisionomie cancellate dal tempo,/ da pellagre… guerre… // Il suo dire, /affumicato da un focolare di anni, / è una carta carbone che ha salvato / carreggiate di accenti, dentro alla gerla / della sua mente, nespole fatte, /pigiate nella paglia,/ il caro vernacolo, anche se storpiato / da parole alla moda, / è una semenza da salvare, un’ostia / da mettere nella bocca del cuore / di chi nascerà anche dopodomani.

 

 

ECHI DESCALSI

 

Co’n fagotìn de speranse,

scavalcar el meàl del magro paesel

e scominsiar on viajo orbo,

lassando la sgroia, i bo

e la giovinessa,

par nar a montar sora

a’n bastimento de gente

fissa come le mosche

sora el selese de casa!

 

Saludar afeti,

muri infumeghè de canti,

peldoche, preghiere e sogni descalsi

ne le scarsele del cor,

rapolà come on fassoleto

moio de dolor.

 

Oramai, ch’el niàl pitoco

el somea on teschio sbiavo,

orbite strove le finestre,

ma…come on tatuagio

resta l’eco de ‘na vosse amorosa…

su la pel de l’anima.

 

 

ECHI SCALZI – Con un fagottino di speranze, /scavalcare la soglia del magro paesello / e incominciare un viaggio cieco, / lasciando il carro, i buoi / e la giovinezza,/ per andare a montare sopra / ad un bastimento di gente/ fitta come le mosche / sopra l’aia di casa! // Salutare affetti / muri affumicati da canti, / pelle d’oca, preghiere e sogni scalzi / nelle tasche del cuore / stropicciato come un fazzoletto / bagnato dal dolore. // Oramai, quel nido povero/ assomiglia ad un teschio pallido, / orbite scure le finestre, / ma… come un tatuaggio / resta l’eco di una voce amorosa…/ sulla pelle dell’anima.

 

 

L’OCIO DE LA MEMORIA…

…anca anco’…

‘na procession de formighete

scominsia on calvario novo,

scapade da la miseria nera

e scampade da la rabia del mar.

L’ocio de la memoria…

el rivede ‘na fila de poricristi

tampelar drio a careti, a Dodge

stipadi da valise de ricordi:

ori de fameja,

sensa poder darghe bado

a vessighe,bisogni, fame,sé

e paure boie!

Omeni, done, veci e buteleti

indirissadi a pagar la colpa

de essar nati e condané

da falsi sapienti, pronti

a eliminarghe onor e dignità,

par salvar la “mejo rassa”.

…a vardar i nasi longhi de serti

capanoni che sbufa nugole more,

cara neodina,

me ven da dir on amen

par chei tati destaché da le man

de so mama, pelé dei so rissoleti

deventè paruche…

Speremo che no ghe sia più

da pianzàr par i pecati

de ci vorea dominar el mondo,

omeni sensa anima, angordi

de potensa siben insanguenàda;

lori no i conosse le caresse de l’amor

e de l’amicissia.

L’OCCHIO DELLA MEMORIA … – … anche oggi …/ una processione di formichine/ incominciano un calvario nuovo… / scappate dalla miseria nera / e scampate dalla rabbia del mare… // L’occhio della memoria… / rivede file di povera gente / camminare dietro a carrette e Dodge / stipati di valige piene di ricordi,/ ori di famiglia / senza poter dare ascolto a vesciche, bisogni, fame, sete / e paure armate. // Uomini, donne, vecchi e bambini / indirizzati a pagare la colpa di essere nati e condannati /da falsi sapienti, pronti /ad eliminargli onore e dignità / per salvare la “migliore razza“ .// … ad osservare i nasi lunghi di certi capannoni che sbuffano nuvole nere, / cara nipotina, / mi viene da dire un amen / per quei bimbi staccati dalle mani / della loro mamma, derubati dei loro ricciolini / divenuti parrucche… // Speriamo che non ci sia più / da piangere per i peccati / di chi vorrebbe dominare il mondo,/ uomini senz’anima, avidi / di potenza seppure insanguinata; / loro non conoscono le carezze dell’amore / e dell’amicizia.

 

 

 

‘NA PRESINA DE SOL

 

El versor de la poesia el pol far

chel che’l vol…anca rebaltar

le strepole dei pensieri sensa sal,

lì nel campo sacagnà del vivar,

arando fin zò in fondo al so cor

a far rebutar on granin de felissità.

 

Mi, vorea desligar fassine de crussi

a sto mondo ruinà da calamari

del dolor, regalarghe parole e sorisi

che someja a papari e fiordalisi

che ciassa col vento!

 

…me alsarò col caval de Pegaso

e galoparò fin a scavalcar

chele nugole stroe…

brincarò brusché de stéle

par maurar voje de amicissia

impresoné nde ‘na tonega

de pigrissia…

 

Ma intanto tampelo par senteri

ingrovejè de indifarensa

a sercar sogni sempreverdi

e malgaritine da sfojar, tanto,

par mi, l’è albisogno poco-gnente

par imaginar

on castel de aria celeste,

‘na presina de sol e on baso

par credar ne la pace e ne l’amor.

 

 

Glossario : rebaltar/ rovesciare – strepole /stoppie – sacagnà / malridotto – rebutar/ rinascere – fassine / fastelli – calamari / occhiaie – tampelo /vado – ingrovejè / aggrovigliati

 

 

 

SCUNAROLE

 

 

Sopegando drio sese de giorni,

pantesa el me autuno,

el desliga nostalgie broente

mastegando pensieri ormai agri

che vorea butàr nel progno

e nar a dindolarme su ‘na scunarola

de sogni descalsi.

Smemorià, topa zò la sera

drento ‘na brenta colma

de arsimi e ricordi,

se alsa ‘na lagrema de mosto

forsi, la pol imbriagarme la mente.

 

Vorea inbacucàr chei silensi fredi

che i siga nel me cor…

e versarghe la porta a ’na ilusion

bona de inmamarme ancora

co chel sentimento divin,

po,’ serar sù impressia i conti.

 

ALTALENE – Zoppicando dietro siepi di giorni,/ fatica il mio autunno, / slega nostalgie bollenti masticando pensieri ormai agri / che vorrei gettare nel torrente/ e andare a dondolarmi su un’altalena/ di sogni scalzi.// Smemorata, casca giù la sera/ dentro una tinozza colma / di grappoli e ricordi, / si alza una lacrima di mosto/ forse, potrà ubriacarmi la mente.// Vorrei intontire quei silenzi freddi / che gridano nel mio cuore…/ e aprire la porta ad una illusione/ capace di incantarmi ancora / con quel sentimento divino, / poi, chiudere in fretta i conti. // Sospiro sotto l’ombrello della notte/ e osservo un aeroplano dagli occhietti rossi / sbirciare la luna che /aprendo le ali come una chioccia / accudisce una nidiata di stelle,/ intanto che un bisbiglio di vento / mi regala una dolce aria / profumata di primavera.

 

SENSA BUFAR

 

Storna..

vào a dritta e a sanca

vardando passar le ore

sensa bufàr

Me lasso nar strania

rimissiando  le ombrie de on vivar

sensa passion: no speto nessun,

no voi gnente;

l’acqua no me bagna

el sol no me scalda

no voi sentir gnanca

“messa da morto”

 

Da distante come la luna

scolto el me ridar…

pajassa rugolo

intorno a la tera e imbrojo

el tempo, tacandome a le sfranse

de on sogno color de’n vin

che me imbriagava!S

 

SENZA DISCUTERE Storna/vado a dritta e a manca/osservando passar le ore/senza discitere/Mi lascio andare stranita/ rimescolando le ombre di un vivere/senza passione: non aspertto nessuni,/non voglio niente;/l’acqua non mi bagna/il sole non mi scalda../non voglio sentire neanchr/ “messe da morto”/ Da lontano come la luna,/ascolto il mio ridfere../pagliaccia rotolo/intorno alla terra e imbroglio/il tempo, attaccandomi alle frange/ di un sogno colore di un vino/ che mi ubriacava!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Category: Ambiente, Arte e Poesia, Osservatorio comunità montane

About Agnese Girlanda: Agnese Girlanda è nata a San Rocco di Piegara in provincia di Verona. Fa parte ufficialmente del mondo poetico dal 2000. È socia di varie associazioni culturali tra cui il “Cenacolo di poesia dialettale Berto Barbarani”.Scrive poesie in vernacolo e in lingua. Ha partecipato a numerosi concorsi letterari ottenendo importanti riconoscimenti. Sue poesie sono presenti in varie antologie. Nel 2007 ha pubblicato in vernacolo: “ Soride la vita” raccolta di poesie aspettando la nascita di “on fasolin” ( un embrione) – Ed. Stimgraf; nel 2014, in lingua, “ Il passo della sera” – Vitali Edizioni; nel 2016, in vernacolo, “ Angonare de suspiri” La Grafica; “ Anelando il cielo” raccolta di poesie dedicate alla madre – Vitali Edizioni. Dal 1969 vive a Verona.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.